Venerdì 17 Gennaio 2020 | 20:33

NEWS DALLA SEZIONE

Il video
La pantera di San Severo si aggira per le campagne: il primo avvistamento

La pantera di San Severo si aggira per le campagne: il primo avvistamento

 
La trovata
Bari, pescatori ingegnosi: lavano polpi in lavatrice «artigianale» in riva al mare

Bari, pescatori ingegnosi: arricciano polpi in lavatrice «artigianale» in riva al mare

 
L'ex premier
Renzi: ecco perché Italia Viva non appoggerà Emiliano alle Regionali

Renzi: ecco perché Italia Viva non appoggerà Emiliano alle Regionali

 
Maltrattamenti
Matera, l'asilo degli orrori: schiaffi, urla e punizioni ai bimbi. Nei guai una 64enne

Matera, l'asilo degli orrori: schiaffi, urla e punizioni ai bimbi. Nei guai una 64enne

 
L'attentato
Manfredonia, incendiata auto guardie ambientali. «Città mafiosa»

Manfredonia, incendiata auto guardie ambientali. «Città mafiosa»

 
Il video
Tap, Castoro Sei arriva a Brindisi: a breve la posa della sezione sottomarina del gasdotto

Brindisi, arriva la nave Castoro Sei: a breve la posa della sezione sottomarina per Tap

 
l'iniziativa
«Un pianoforte per strada» a Bari 12 ore non-stop di musica per beneficenza

«Un pianoforte per strada» a Bari 12 ore non-stop di musica per beneficenza

 
l'iniziativa
Bari canta De André: cori e chitarre in piazza per ricordare Faber

Bari canta De André: cori e chitarre in piazza per ricordare Faber

 
Amici a 4 zampe
Barletta, un golden retriever in Pediadria per allietare i piccoli degenti

Barletta, un golden retriever in Pediatria per allietare i piccoli degenti

 
la manifestazione
Attentati Foggia, Emiliano invita a partecipare alla marcia di Libera: «Serve impegno di tutti»

Attentati Foggia, Emiliano invita a partecipare alla marcia di Libera: «Serve impegno di tutti»

 
le dichiarazioni
Matera, parla il nuovo prefetto Argentieri: «Preservare valori legalità»

Matera, parla il nuovo prefetto Argentieri: «Preservare valori legalità»

 

Il Biancorosso

mercato
Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

Ancora nessun botto: il Bari col freno tirato

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLa tragedia
Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

Ostuni, si ribalta il trattore in un canale di scolo: muore 56enne

 
TarantoA Taranto
«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

«ArcelorMittal», monta la protesta degli autotrasportatori

 
PotenzaLa relazione Dia
In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

In Basilicata aumentano i tentativi di «infiltrare» l’economia legale

 
Leccenel Leccese
Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

Infiltrazioni mafiose: in Salento sciolto comune di Scorrano

 
Barila procura
Bari, chiesto processo per ex giudice Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

Bari, chiesto processo per Bellomo: accusato anche di calunnia a Conte

 
Batnel nordbarese
Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare Silvestris: si indaga

Bisceglie, petardo esplode davanti farmacia ex europarlamentare: si indaga

 
MateraIl caso
Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

Metaponto, nel portafogli aveva 53 pasticche «da stupro»: denunciato

 

i più letti

La storia

Da Castellana a Mosca per fare la pizza: «In Russia la adorano tutti»

Ecco Vincenzo Palermo, cervello e braccia in fuga dalla Puglia ora campione mondiale di pizza napoletana, lavora alla corte di Eataly in Russia

BARI - Pizza made in Puglia nel centro della gelida Mosca. La storia di Vincenzo Palermo è quella di un cervello in fuga prestato all'arte bianca, diventato campione mondiale della pizza napoletana.

Quando nacque a Castellana Grotte, 27 anni orsono, la mamma casalinga ed il papà camionista non avrebbero certo scommesso di veder volare il figliolo così in alto e così lontano dalla cittadina pugliese natale.

Ma evidentemente questo ragazzino biondo coltivava in sé la (per niente insana) passione per la magia della pasta lievitata per ore e profumata dal trionfo di pomodoro e mozzarella. Complici una nonna esperta in pizza pane e focacce, e una pizzeria di famiglia attualmente gestita da suo cugino, Vincenzo lavora nei weekend dividendosi tra diverse pizzerie. «Ho frequentato l'istituto Tecnico Commerciale del mio paese - racconta il giovane pizzaiolo - ma all’età di 14 anni avevo già cominciato a frequentare le pizzerie, dietro le quinte però». Ci scherza su, Vincenzo, ma ha ragione; guai a non seguire le proprie passioni. E così, decide di frequentare una scuola di arte bianca «per affinare la tecniche. E subito ho capito che quello sarebbe stato il mio futuro».

Nel 2014, l’incontro decisivo con Eataly, il format ideato da Oscar Farinetti: «ho lasciato tutto; università, famiglia, amici, per inseguire il mio sogno chiamato pizza. Mi sono trasferito a lavorare a Roma Ostiense». Ma è il 2015 l’anno della svolta: apre «Eataly Moscow», Vincenzo incontra Farinetti e la sua famiglia «Una persona di classe, riservato e geniale. “Allora sei tu il pizzaiolo barese, la nostra punta di diamante?” mi ha detto». Tutt’ora Vincenzo dirige la pizzeria di Eataly Mosca. Opportunità unica per un percorso di crescita professionale. «Una sfida dura. Difficile ambientarsi in Russia; un pilastro della cucina pugliese come orecchiette con le cime di rapa qui non sanno nemmeno cos’è. Non parliamo della pizza. Quella che i ristoranti propongono come tale difficilmente le assomiglia. Una delle mie ultime pizze, tra le più apprezzate, è “ricordo di Puglia”: crema di carciofi, fiordilatte, pomodori secchi, capocollo e tarallo sbriciolato».

Intanto fioccano i riconoscimenti: nel 2018 vince al campionato mondiale di pizza a Parma, per la categoria «pizza Napoletana stg». Record assoluto con il punteggio più alto mai raggiunto nella competizione dal 1992. «Storia incredibile - ricorda Vincenzo divertito - portai con me a mano, sul treno per raggiungere Parma, tutto l’impasto; farina, acqua, olio, mozzarella».

A luglio scorso, la sua pizzeria è stata selezionata fra le Top 50 Pizza Europa, classificandosi in 23ma posizione. Qualche mese
fa, il piacere di ospitare Al Bano. «Continua così - racconta - porta sempre in alto i sapori della nostra terra, sei a tutti gli effetti un ambasciatore della nostra cucina all’estero». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie