Martedì 04 Agosto 2020 | 06:46

NEWS DALLA SEZIONE

La polemica
Riordino ospedaliero in Puglia, l'ironia in un video di Fitto: «Emiliano come Cetto La Qualunque»

Riordino ospedaliero in Puglia, l'ironia in un video di Fitto: «Emiliano come Cetto La Qualunque»

 
nel foggiano
Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

Ministro Azzolina a Cerignola: «Beni confiscati a mafia vittoria dello Stato»

 
Covid 19
Castellaneta, il «buongiorno» del Clorophilla è senza mascherine e distanziamento

Castellaneta, il «buongiorno» del Clorophilla è senza mascherine e distanziamento

 
Il video
Monopoli, banda di brasiliani a ritmo di samba allieta i bagnanti in spiaggia

Monopoli, banda a ritmo di samba allieta i bagnanti in spiaggia: sono gli ecoanimatori

 
dalla polizia
Scoperto terreno con 7mila piante di marijuana: 4 arresti nel Foggiano

Scoperto terreno con 7mila piante di marijuana: 4 arresti nel Foggiano

 
L'impatto
Taranto, incidente sul Ponte Punta Penna: traffico in tilt

Taranto, incidente sul Ponte Punta Penna: traffico in tilt

 
L'arresto
Foggia, dopo 142 giorni finisce la fuga di Aghilar: il video della cattura

Foggia, dopo 142 giorni finisce la fuga di Aghilar: il video della cattura

 
Il video promo
Lotta alle truffe agli anziani, dalla Polizia Locale un servizio con operatori telefonici: il via ad agosto

Bari, truffe agli anziani, dalla Polizia Locale un servizio con operatori telefonici: il via ad agosto

 
la gaffe
«The show... ghost my own»: l'assessore di Canosa e qualche problema con l'inglese

«The show... ghost my own»: l'assessore di Canosa e qualche problema con l'inglese

 
Il video
Brumotti è a Leuca: le acrobazie con la bici sono sui frangiflutti

Brumotti è a Leuca: le acrobazie con la bici sono sui frangiflutti

 
la vicenda
Tifoso Vultur investito, fu azione premeditata: «Faremo come a Nassiryia»

Tifoso Vultur investito, fu azione premeditata: «Faremo come a Nassiryia»

 

Il Biancorosso

serie C
Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

Bari-Vivarini al primo round, ora la palla a De Laurentiis

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiL'incidente
Brindisi, aggredito con l'acido dalla moglie: grave uomo di 52 anni

Brindisi, aggredito con l'acido dalla moglie: grave uomo di 52 anni

 
BariIl caso
Bari, Petruzzelli contro Amiu: «Niente personale per estendere il porta a porta e si assume un nuovo dirigente»

Bari, Petruzzelli contro Amiu: «Niente personale per estendere il porta a porta e si assume un nuovo dirigente»

 
TarantoA Torricella
Estorsione a commercianti di mitili: 3 arresti nel Tarantino

Estorsione a commercianti di mitili: 3 arresti nel Tarantino

 
PotenzaAutomobilismo
Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

 
Homel'allarme
Coldiretti: da metà giugno 1400 incendi in Salento, a fuoco ulivi malati di Xylella

Coldiretti: da metà giugno 1400 incendi in Salento, a fuoco ulivi malati di Xylella

 
Materal'emergenza
Ferrandina, arrivano i migranti ma fra tanti timori

Ferrandina: arrivano i migranti ma fra tanti timori

 
BatBarriere architettoniche
Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

Barletta, spiagge libere inaccessibili per i disabili

 

i più letti

Rapinatori seriali

Bari, pedinavano le nonne e le rapinavano nel portone di casa: due arresti

Si tratta di due pregiudicati baresi di 46 e 44 anni, che erano soliti appostarsi nei pressi di supermercati e farmacie del centro cittadino, ove sceglievano la propria vittima, la pedinavano per poi aggredirla una volta entrata nel portone di casa

BARI - Pedinavano donne anziane e le rapinavano nel portone di casa: arrestati due rapinatori seriali, le indagini sono scattate dopo le varie denunce arrivate alla polizia. 

Il modus operandi era sempre lo stesso: i due rapinatori, dopo aver raggiunto all’interno del portone di casa due donne anziane, le bloccavano alle spalle e con una mano sulla bocca delle vittime asportavano loro tutti i gioielli, strappandoli, e talvolta anche impossessandosi della borsa e del denaro ivi contenuto.

Le attività poste in essere dalla Polizia di Stato, tese alla tutela delle fasce più deboli, per prevenire e contrastare questo odioso fenomeno criminale, e le indagini degli agenti della Squadra Mobile di Bari hanno consentito di chiudere rapidamente il cerchio e quindi di bloccare i due rei.

Inoltre le immagini degli impianti di videosorveglianza orientati nei pressi dei luoghi ove sono avvenuti i fatti criminali hanno consentito, non solo di ricostruire nel dettaglio lo spregiudicato modus operandi messo in atto dai rapinatori, ma anche di risalire con certezza alla loro identità.
Si tratta di due pregiudicati baresi di 46 e 44 anni, che erano soliti appostarsi nei pressi di supermercati e farmacie del centro cittadino, ove sceglievano la propria vittima, la pedinavano per poi aggredirla una volta entrata nel portone di casa.

Dopo alcune settimane di continue ricerche, i poliziotti della Sezione Falchi della Squadra Mobile hanno rintracciato i due in pieno centro cittadino e dopo una breve fuga sono stati bloccati ed accompagnati negli uffici di Polizia; in un estremo tentativo di sottrarsi alla cattura uno di loro ha anche fornito agli agenti false generalità.
I due sono stati quindi sottoposti a fermo di Polizia e condotti presso il Carcere di Bari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria con le accuse di rapina pluriaggravata continuata, lesioni aggravate e falsa attestazione sulle proprie generalità.

Il fermo poi è stato convalidato nella mattinata di ieri dall’Autorità Giudiziaria e nei loro confronti è stata emessa Ordinanza di Custodia Cautelare in Carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie