Domenica 20 Ottobre 2019 | 19:03

NEWS DALLA SEZIONE

La visita
Matera, ministro Fioramonti pranza a scuola con i bimbi: e distribuisce borracce

Matera, ministro Fioramonti pranza a scuola con i bimbi: e distribuisce borracce

 
L'incidente
Crolla parte di una palazzina ad Andria: il video del ferimento del vvf

Crolla parte di una palazzina ad Andria: il video del ferimento del vvf

 
I controlli della Gdf
Altamura, sequestrati 10mila litri di gasolio senza documentazione: denunciato camionista

Altamura, sequestrati 10mila litri di gasolio senza documentazione: denunciato camionista

 
Disagi
Terlizzi, un fiume di acqua allaga il reparto di Medicina: disagi all'ospedale  Video

Terlizzi, un fiume di acqua allaga Medicina e Chirurgia: disagi all'ospedale

 
Dalla Gdf
Bari, con moglie e figlio nasconde 3 chili eroina in valigia: arrestato napoletano all'Aeroporto

Bari, con moglie e figlio nasconde 3 chili eroina in valigia: arrestato napoletano all'Aeroporto

 
nel Barese
Casamassima, rapina, furti d'auto ed estorsioni al centro commerciale: 51enne in carcere

Casamassima, rapina, furti d'auto ed estorsioni al centro commerciale: 51enne in carcere

 
sanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
l'accordo
Salute: Regione Puglia firma convenzione su donazione midollo osseo

Salute: Regione Puglia firma convenzione su donazione midollo osseo

 
La novità
Bari, ecco il primo forno sociale: costruito dai cittadini con terra e paglia

Bari, ecco il primo forno sociale: costruito dai cittadini con terra e paglia

 
via al tour
Francesco Renga e la videodedica alla città di Bari: due concerti a novembre

Francesco Renga e la videodedica alla città di Bari: due concerti a novembre

 
Arte
«In viaggio con De Nittis»: l'artista pugliese in mostra all'aeroporto di Bari

«In viaggio con De Nittis»: l'artista pugliese in mostra all'aeroporto di Bari

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

Bergossi sente la voce del cuore: «Bari hai tutto per tornare in B»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoLa visita
Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

Scuola, domani il ministro Fioramonti in visita a Taranto

 
Newsweeksu corso Vittorio Emanuele
A Bari spunta una giostra dell’800 per combattere la Sma

A Bari spunta una giostra dell’800 per combattere la Sma

 
PotenzaInvasi semivuoti
Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

Basilicata, è allarme acqua: dighe ai minimi degli ultimi 20 anni

 
LecceIL casi
Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

Lecce, eredità contesa dello zio: indagati noto avvocato e suo padre

 
FoggiaSalgono a due le vittime
Manfredonia, scontro frontale tra due auto: un morto e 4 feriti

Manfredonia, scontro frontale tra due auto: muoiono marito e moglie

 
BrindisiIl sequestro
Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

Ceglie Messapica, arrivano i Cc e nascondono fucile: arrestato padre e figlio

 

i più letti

A 100 anni della rivoluzione irredentista

Issano il tricolore a Fiume, l'impresa provocatoria è di tre pugliesi

Tre giovani di Locorotondo hanno esposto la bandiera sul castello di Tersatto. Il gesto, che presto aveva fatto il giro del web, aveva provocato diverse reazioni politiche in Italia e in Croazia

BARI - La nuova impresa di Fiume passa dalla Puglia: è diventato virale il video che ritrae tre giovani di Locorotondo, mentre issano la bandiera tricolore italiana sul castello di Tersatto in Croazia. Proprio come fece il poeta Gabriele D'Annunzio, questo blitz irredentista ha scatenato parecchie polemiche politiche aizzando quella contrapposizione ideologica che, ad oltre un secolo di distanza dalla marcia su Fiume deii legionari partiti da Ronchi (Gorizia), alimenta le divisioni della memoria del confine orientale d'Italia I tre, come mostrano le immagini, in un primo momento non hanno svelato la loro identità, ma a seguito del dibattito hanno fatto mea culpa con un post su Facebook.

La notizia ha fatto subito il giro del web finendo sui media croati e italiani. Questi «legionari contemporanei» si difendono così sui social, mettendoci la faccia. «Sono Roberto Di Biaso e mi assumo tutta la responsabilità dell'accaduto» scrive uno del trio - non protagonismo o esaltazione, ma un gesto che vuole riportare dei valori ormai persi, nella nostra cultura e società. Non un atto ostile nei confronti dei croati, ma un'impresa curiosa, romantica, avventurosa e affascinante», continua così il post, in cui vengono fatti i nomi dei presunti altri compagni di Biasio, vale a dire Ezio Scatigna e Giuseppe Palmisano, anch'essi di Locorotondo. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie