Lunedì 27 Gennaio 2020 | 07:41

NEWS DALLA SEZIONE

Serie C
Bari, oltre 1200 tifosi per la trasferta con la gemellata Reggina

Bari, oltre 1200 tifosi per la trasferta con la gemellata Reggina

 
Attentato
San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 23 mezzi azienda raccolta.

San Severo, il racket dei rifiuti: incendio distrugge 25 mezzi azienda raccolta

 
Città europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
Una 50enne romena
Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

Ostuni, botte e parolacce alla nonnina 90enne sul girello: in cella badante

 
Il video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
2 denunce
Bari, sequestrate bici elettriche modificate: multe per 30mila euro

Bari, sequestrate bici elettriche modificate: multe per 30mila euro

 
L'intervista
Luca Mazzone «Niente è impossibile. Io ne sono l'esempio»

Parla il campione paralimpico Luca Mazzone: «Niente è impossibile. Io ne sono l'esempio»

 
al teatroteam
«Tradizione e Tradimento»: il concerto di Niccolò Fabi a Bari è un viaggio onirico

«Tradizione e Tradimento»: il concerto di Niccolò Fabi a Bari è un viaggio onirico

 
Due uomini
Bari, sorpresi sulla Modugno-Carbonata a scaricare rifiuti: denunciati

Bari, sorpresi sulla Modugno-Carbonara a scaricare rifiuti: denunciati

 
Sequestro e denuncia
Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

Bari, lavori all'ex Kursaal: i rifiuti finivano in acqua sul lungomare

 
Lotta per la sopravvivenza
Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

 

Il Biancorosso

23ma Giornata serie C
Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato

Bari in casa Reggina per riaprire la corsa al primato. Alle 15 la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatESERCITO
Barletta, tutti di corsa per la "Toro Ten"1.300 partecipano alla gara con le stellette

Barletta, tutti di corsa per la «Toro Ten»
1.300 partecipano alla gara con le stellette

 
HomeLa tragedia
San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

San Severo, muore travolto da auto sulla statale 16

 
HomeAggressione
Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

Bari, autista Amtab picchiato: aveva chiesto a due ragazzi di non fumare sull'autobus

 
TarantoL'inchiesta
Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

Taranto, falsi steward allo stadio: chiesto giudizio per 68

 
BrindisiIn piazza
Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

Mesagne, picchia il figlio minore e aggredisce i Cc: in manette 50enne

 
PotenzaCittà europea dello sport 2021
Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

Potenza, quando Donato Sabia ci portò alle Olimpiadi: il video saluto

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

La curiosità

Peschici, nella gelateria di Michel i coni sono solo in dialetto

L'attività, da 21 anni sul Gargano, ha conquistato anche il Gambero Rosso con i suoi gusti eccentrici: dal gelato al caciocavallo a quello al lampascione. La video intervista.

Da U' crust'le' al Lambasciàune, passando per le Carteddet e U cascerecòtte: sono solo alcuni dei curiosi gelati che la gelateria Michel a Peschici, propone ai suoi clienti. Già perché in questa gelateria del Gargano la particolarità non sta solo nel prodotto, interamente realizzato con materie prime pugliesi, senza additivi e rigorosamente a km zero, ma anche nei loro nomi scritti in dialetto. Il gelataio, titolare dell'attività, Michel Draicchio, infatti si è ingegnato a tal punto da sfidare i suoi clienti che per ordinare un cono devono azzeccare la pronuncia esatta del gusto da loro scelto, altrimenti niente gelato. La trovata è così simpatica che siamo andati a Peschici per verificarla di persona: i momenti di ilarità non mancano affatto. Guardare per credere. 

Come mostrano le immagini, ogni vaschetta in vetrina è accompagnata da una serie di etichette che recitano i nomi dei gusti in primis in vernacolo locale, poi in italiano e, talvolta anche in inglese.

«Non tutti i gelati sono scritti in dialetto - ci spiega Michel - ma solo quelli realizzati con i prodotti locali del nostro territorio. L'idea mi è venuta sin da quando ho creato i primi gusti: mi sembrava giusto venderli al cliente con i loro nomi originali perché solo così li potrà assaporare davvero, sia attraverso il gusto, sia attraverso la cultura dialettale peschiciana. E devo dire che l'espediente ha avuto un ottimo risultato. Non nascondo - ci racconta sorridendo - che è parecchio divertente sottoporre i miei ospiti a questo test e interrogarli. Può sembrare strano ma a volte sono proprio gli stranieri a pronunciare meglio il peschiciano». I clienti, insomma quel gelato, se lo devono proprio sudare, ma la spesa vale l'impresa.

In questa gelateria la «sperimentazione» la fa da padrona: «Mi piace chiamarla "centro creazioni sapori" il mio piccolo laboratorio dove tutto ciò che viene pensato e studiato si trasforma  in quel cibo "semplice e "naturale" che tanto piace a piccoli e grandi». Ed è proprio in questo laboratorio creativo che nascono gusti stravaganti come quello al caciocavallo podolico, il gelato alla Burrata di Andria e quello al grano arso, quello «del pastore» con ricotta fresca di capra, composta di pere e noci e addirittura quello alle cartellate o alla Farrata, dolce tipico della zona.

La gelateria è così particolare che anche il Gambero Rosso l'ha notata e l'ha premiata per il secondo anno consecutivo, inserendola nella nota guida che esalta le eccellenze enogastronomiche italiane.

Tra le novità della stagione 2019, Michel ci svela alcune chicche: «Preferirei che le persone vengano a scoprirlo da sole, così da poter raccontare loro attraverso un percorso gustativo, gli aneddoti e le storie che riguardano questi nuovi gusti tutti del territorio ed espressione di prodotti IGP, DOP e comunque dello slow food pugliese. Ma qualche anticipazione ve la do: potrete trovare lo «Sporcamuss» (con crema aromatizzata alla vaniglia e limone, strati di pasta sfoglia e zucchero a velo) e la «Faldacchea» (che s’ispira ad un dolce tipico delle feste nuziali con pasta di mandorle profumata alla cannella di Ceylon e zest di limone, Savoiardi allo cherry e amarene intere)». Insomma ce n'è davvero per tutti i gusti.

La gelateria, a conduzione familiare, quest'anno compie i suoi 21 anni di attività e quando chiediamo a Michel che cosa significa per lui, risponde così: il nostro gelato è  un gelato contadino che nasce dalla terra, quella vera. Qui ci piace esaltare il territorio e chi viene da noi fa un vero e proprio percorso gustativo all'interno della tradizione garganica. Non a caso su biglietti da visita e tovaglioli ho fatto scrivere che qui si gusta un gelato da ricordare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie