Martedì 22 Gennaio 2019 | 02:50

NEWS DALLA SEZIONE

La cerimonia
Bari, la festa della Polizia locale nella Basilica di San Nicola

Bari, la festa della Polizia locale nella Basilica di San Nicola

 
Il caso
Taranto, organizzavano rapine in posta e gioiellerie: arrestata banda

Taranto, rapinavano uffici postali e gioiellerie: fermati in due

 
Il video
Matera 2019, in 3000 sotto la pioggia per la serata inaugurale

Matera 2019, in 3000 sotto la pioggia per la serata inaugurale

 
L'inaugurazione
L'arrivo di Conte e i 2019 musicisti: la prima mattina di Matera da Capitale della Cultura

L'arrivo di Conte e i 2019 musicisti: la prima mattina di Matera da Capitale

 
Matera cielo stellato
Matera, 2019 lumini si accendono tra i sassi: il video

Matera, 2019 lumini si accendono tra i sassi: il video

 
21 arresti
Barletta, i pusher in contatto anche con trafficanti spagnoli

Barletta, i pusher in contatto anche con trafficanti spagnoli

 
Arresti a Taranto
Gestivano prostitute dal carcere in Francia: vicino alla banda anche sacerdote

Gestivano prostitute da carcere in Francia: vicino a banda anche un prete

 
Il video
Ius Soli a Ruvo, bimbi stranieri nati in Italia ricevono la cittadinanza civica

Ius Soli a Ruvo, bimbi stranieri nati in Italia ricevono la cittadinanza civica

 
A bari
Chiedevano a commercianti soldi per «amici detenuti»: nei guai 4 vicini al clan Strisciuglio

Chiedevano a commercianti soldi per «amici detenuti»: nei guai 4 vicini al clan Strisciuglio

 
La presentazione
Bari, l'annnuncio di Di Rella: «centrodestra unito per mandare a casa Decaro»

Bari, l'annuncio di Di Rella: «centrodestra unito per mandare a casa Decaro»

 
L'operazione
«Abbiamo tutto, anche ovuli»: a Lecce arresti per spaccio e intimidazioni a famiglia pentito

«Abbiamo tutto, anche ovuli»: a Lecce arresti per spaccio e intimidazioni a famiglia pentito

 

Il concerto

Bari, Claudio Baglioni vince perché dopo 50 anni è ancora "Al Centro" della musica italiana

Tris di sold out al PalaFlorio per l'artista romano: tre ore di show modernissimo con una scaletta di mezzo secolo di grandi successi. E dietro ai giochi di luce sul palco c'è il barese Carlo Pastore

BARI - 50 anni di carriera in 3 ore di musica dal vivo, con un tris di date pugliesi in un PalaFlorio completamente sold out, così come il resto del tour in tutta Italia: sono questi i numeri di Claudio Baglioni, che con il suo show Al Centro (non si può definire solo un 'concerto') sta collezionando l'ennesimo successo dopo mezzo secolo di melodie indimenticabili. Uno spettacolo a 360 gradi in tutti i sensi: il grande palco disposto in mezzo, per far sì che il pubblico possa letteralmente 'abbracciare' l'artista, 21 musicisti e 26 performer di altre discipline - da ballerini ad acrobati - con lui in scena, e tutti i suoi più grandi successi eseguiti in rigoroso ordine cronologico. La scaletta (la trovate alla fine dell'articolo, ndr.) parte con Questo Piccolo Grande Amore, e immediatamente i fan - di tutte le età - si scatenano, le ragazzine cantano a squarciagola con le nonne, qualcuna più coraggiosa dagli spalti grida: «Claudio, ti amo!».

Lui, in camicia e gilet Ermanno Scervino, regala poche parole e tanta musica: tre ore filate senza pause, voce limpida e pulita, come se il tempo non fosse mai passato. E lo spettacolo, che racconta 50 anni di musica in maniera moderna e poliedrica, parla anche un po' barese. Il lighting designer del tour, infatti, è Carlo Pastore, di Bari, che abbiamo intercettato prima del concerto e ci ha svelato qualche retroscena tecnico: «Questo show è una sfida. Non c'è un backstage, i performer entrano ed escono da due rampe laterali. Il lavoro del lighting designer è quello di vestire il palco con le luci, tenendo presente la scenografia, il racconto, è come disegnare un quadro». Un lavoro, come conferma Carlo, che lavora con Claudio dal 2009, molto minuzioso, e la resa dal vivo è perfetta, con laser, giochi di luci e proiezioni che rendono tutto ancora più spettacolare.

Perché diciamocelo: Claudio Baglioni è uno di quegli artisti che accontenta tutti a prescindere, da 50 anni. Ha un ventaglio di successi così variegato che sarebbe stato facile per lui proporre una scaletta del genere con uno show 'classico', con lui protagonista sul palco, accompagnato dalla band e dalle voci dei suoi innumerevoli fan. Ma la grandezza di Claudio, ciò che lo fa andare avanti da mezzo secolo senza intoppi, sta nel non "abbassarsi" mai, nello stare al passo coi tempi, nell'alzare sempre l'asticella. E questo spettacolo, che vanta la regia di Giuliano Peparini, è pienamente in linea con le tecniche dei grandi show del 2018. Tra funamboli, coreografie pazzesche, esecuzioni perfette di brani senza tempo, Baglioni vince ancora perché è sempre "Al Centro". Al centro del cuore del suo pubblico, mai scontento, perché gli italiani (e non solo) amano ancora le 'canzoni vere', orecchiabili, romantiche, con un ritornello da cantare. E perfino i più giovani, che all'inizio della sua carriera non erano neanche nei pensieri dei loro genitori, intonano a squarciagola "Sarà una nuova età", il ritornello di Cuore di Aliante, successo del 1999. Una nuova età dei fan di Claudio, generazioni che si rinnovano continuamente e continuano a fare di lui uno dei miti immortali della musica italiana.

SCALETTA DEL CONCERTO

Questo piccolo grande amore
Porta Portese
Quanto ti voglio
Con tutto l’amore che posso
Amore bello
W l’Inghilterra
Io me ne andrei
E tu…
Poster
Sabato pomeriggio
Quante volte
Solo
Un po’ di più
E tu come stai?
I vecchi
Ragazze dell’est
Via
Strada facendo
Avrai
Uomini persi
Un nuovo giorno o un giorno nuovo
Notte di note note di notte
E adesso la pubblicità
La vita è adesso
Acqua dalla Luna
Mille giorni di te e di me
Noi no
Io sono qui
Le vie dei colori
Cuore di aliante
Sono io
Tutti qui
Con voi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400