Sabato 12 Giugno 2021 | 12:47

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Metropolitana Bari-Bitritto: «Cinque anni? È una follia»

Metropolitana Bari-Bitritto: «Cinque anni? È una follia»

 
Dipendenze
Bari, la Caritas in campo contro la ludopatia

Bari, la Caritas in campo contro la ludopatia

 
Il caso
Bari, i pasticci del nuovo palazzo del Consiglio: garage chiuso e piove nel foyer

Bari, i pasticci del nuovo palazzo del Consiglio: garage chiuso e piove nel foyer

 
Contrasto alla criminalità
Cassano Murge, arrestato 35enne per spaccio di droga

Cassano Murge, arrestato 35enne per spaccio di droga

 
Il caso
Criminalità in Puglia, Stea: più controlli sulla Murgia barese

Criminalità in Puglia, Stea: più controlli sulla Murgia barese

 
La spiaggia cittadina
Ricorso blocca assegnazione del bando per Torre Quetta, Decaro: «Ora nuove leggi». La replica degli ex gestori

Ricorso blocca assegnazione del bando per Torre Quetta, Decaro: «Ora nuove leggi». La replica degli ex gestori

 
Il caso
Bari, 12enne morì dopo intervento al Giovanni XXIII, al via processo a medico

Bari, 12enne morì dopo intervento al Giovanni XXIII, al via processo a medico

 
Il caso
Corruzione a Molfetta, l'ex consigliera comunale nega le accuse

Corruzione a Molfetta, l'ex consigliera comunale nega le accuse

 
Stalking
Monopoli, 55enne si tocca le parti intime e molesta una ragazzina fuori da scuola: arrestato

Monopoli, 55enne si tocca le parti intime e molesta una 12enne fuori la scuola: arrestato

 
Sanità
Istituto tumori di Bari, sale operatorie aperte anche il sabato

Istituto tumori di Bari, sale operatorie aperte anche il sabato

 

Il Biancorosso

La novità
Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

Bari, Ciro Polito è il nuovo direttore sportivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzalavori pubblici
Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

Potenza, Ponte Musmeci, restauro alla Fhecor Ingenieros

 
MateraVaccini
Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60

Matera, immediata sospensione Astrazeneca sugli under 60 Il bollettino odierno

 
TarantoLa tragedia
Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

Taranto, Infortunio mortale alla foce del Tara

 
Brindisila campagna
Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

Brindisi, Necropoli, in partenza la ricerca archeologica a Torre Guaceto

 
LecceLa novità
Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

Lecce, festa di Sant’Oronzo non si farà la processione

 

i più letti

Le indagini

Modugno, rapinarono tabaccheria: arrestati fidanzati-banditi. Lui tradito dai tattoo

Il colpo fu compiuto lo scorso 8 gennaio. 500 euro fu il bottino

MODUGNO - Lo scorso 8 gennaio fecero irruzione in una tabaccheria ed armati di pistola, rapinarono l'incasso di 500 euro. A distanza di due mesi, grazie ai filmati delle tecmere di videosorveglianza e alle indagini condotte dai carabinieri della locale Compagnia, gli artefici del colpo sono stati assicurati alla giustizia. Si tratta di 2 fidanzati, lui T.G. 38enne, già con precedenti e lei S.V. 21enne, accusati di rapina a mano armata in concorso. Nei loro confronti i militari hanno eseguito una ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip Ilaria Casu del Tribunale di bari. 

Le indagini, coordinate dal Pm Larissa Lacatella, furono avviate subito dopo la rapina. Un uomo con il volto parzialmente travisato da un cappuccio della felpa e da una sciarpa, fece irruzione all’interno di una tabaccheria sita nel centro di Modugno, gestita da una 74enne e, sotto la minaccia di una pistola si impossessò dell’incasso. I carabinieri, giunti sul posto dopo la denuncia, accertarono che il rapinatore era fuggito a piedi. Dai filmati scoprirono poi che ad agire erano stati in due e precisamente una coppia. Infatti, pochi minuti prima della consumazione della rapina, sono stati ripresi un uomo ed una donna che  passano a piedi davanti alla tabaccheria per accertarsi dell’assenza di clienti. Entrò poi la donna che acquistò un pacco di cartine.

All’uscita dalla tabaccheria, la stessa dette il via libera al fidanzato che, travisato ed armato di pistola nel giro di pochi secondi minacciò e costrinse l’anziana a consegnare l’incasso.

La certezza dell’identità dei due rapinatori è stata raggiunta grazie anche alla conoscenza diretta dei militari e dal confronto dei tatuaggi presenti su entrambe le mani dell’uomo e ripresi dai circuiti di videosorveglianza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie