Sabato 07 Dicembre 2019 | 05:30

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Sava, baby gang vessava disabile: Riesame conferma misure cautelari

Sava, baby gang vessava disabile: Riesame conferma misure cautelari

 
A Crispiano
Beccato dal proprietario mentre ruba arance, tenta di investirlo: arrestato nel Tarantino

Beccato da contadino mentre ruba arance, tenta di investirlo: arrestato nel Tarantino

 
Il folle gesto
Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

Taranto, minaccia di gettarsi dal cornicione del lungomare: salvata dalla polizia

 
il siderurgico
Arcelor Mittal, Fim Taranto e Brindisi: «Martedì a Roma contro esuberi»

Mittal, Fim: «Martedì a Roma contro esuberi». Stop anche ai servizi in appalto

 
La decisione
Manduria, anziano picchiato a morte: la baby gang non andrà in carcere

Manduria, anziano picchiato a morte: la baby gang non andrà in carcere

 
Amore malato
Taranto, rapisce e tenta di strangolare la sue ex compagna: arrestato

Taranto, rapisce e tenta di strangolare la sue ex compagna: arrestato

 
Spaccio in città
Taranto, aveva un panetto di hashish sul comodino in camera da letto: arrestato un 31enne

Taranto, un panetto di hashish in camera da letto: arrestato 31enne

 
In un istituto comprensivo
Taranto, maestra picchiata a scuola dai genitori di un alunno

Taranto, maestra picchiata a scuola dai genitori di un alunno

 
Nei 50 rana
Nuovo, nuovo record della 14enne tarantina Pilato: prima agli Europei

Nuoto, record della 14enne tarantina Pilato: prima agli Europei

 
I nodi dell'acciaio
Ex Ilva, si decide il futuro: vertice oggi al Mise. Mittal insiste con 5mila esuberi

Ex Ilva, si decide il futuro: vertice oggi al Mise. Mittal insiste con 5mila esuberi

 
Il ritrovamento
Taranto, in casa nascondeva armi e 42mila euro: arrestato 75enne

Taranto, in casa nascondeva armi e 42mila euro: arrestato 75enne

 

Il Biancorosso

L'intervista
Bari calcio, Strambelli: «La quadratura è raggiunta»

Bari calcio, Strambelli: «La quadratura è raggiunta»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariMaltempo
Bari, l'aereo non atterra per nebbia: rinviato concerto di Ranieri al Teatroteam

Bari, l'aereo non atterra per nebbia: rinviato concerto di Ranieri al Teatroteam

 
LecceIl provvedimento
Otranto, Comune non smonta i pontili: scatta il sequestro, via le barche entro un mese

Otranto, Comune non smonta i pontili: scatta il sequestro, via le barche entro un mese

 
TarantoLa decisione
Sava, baby gang vessava disabile: Riesame conferma misure cautelari

Sava, baby gang vessava disabile: Riesame conferma misure cautelari

 
PotenzaDal 7 dicembre
Tra Tito e Satriano di Lucania si accende l'albero più grande della Basilicata

Tra Tito e Satriano di Lucania si accende l'albero più grande della Basilicata

 
BrindisiIl 15 dicembre
Bomba a Brindisi, maxi evacuazione per 53mila persone: stop ad aerei e treni

Bomba a Brindisi, maxi evacuazione per 53mila persone: stop ad aerei e treni

 
BatIl posto fisso
Barletta, diventerà netturbino con 110 e lode in ingegneria edile: la storia

Barletta, diventerà netturbino con 110 e lode in ingegneria edile: la storia

 
FoggiaAeroporto
Foggia, Gino Lisa: iniziati i lavori di prolungamento della pista

Foggia, Gino Lisa: iniziati i lavori di prolungamento della pista

 
MateraIl colpo
Matera, arrestato bandito 26enne. Aveva un biglietto d'aereo pronto per partire

Matera, arrestato bandito 26enne: aveva un biglietto d'aereo pronto per partire

 

i più letti

I nodi dell'acciaio

Ex Ilva, si decide il futuro: vertice oggi al Mise. Mittal insiste con 5mila esuberi

Il governo affida a Caio (Saipem) il ruolo di negoziatore

Conte: «Mittal chiede 5000 esuberi, inaccettabile». Governo disponibile a discutere immunità

TARANTO - Un dirigente di «comprovato valore» che ha «la capacità di trattare nel pieno interesse dello Stato» e questo «potrebbe essere utile al Paese». È piena l’investitura del ministro allo Sviluppo Economico Stefano Patuanelli al presidente di Saipem Francesco Caio quale negoziatore con ArcelorMittal per la rimodulazione del piano industriale della multinazionale affittuaria del siderurgico di Taranto. Il manager lunedì scorso ha partecipato quale consulente del governo nella trattativa che dovrà portare a un accordo per evitare che il contenzioso sia definito nelle aule di tribunale.
Sul tavolo, stando a quanto risulta alla Gazzetta, ci sono due proposte, anzi due visioni. La prima è quella di ArcelorMittal, la multinazionale che da poco più di un anno gestisce il complesso aziendale Ilva. Le indiscrezioni parlano di una produzione da 4 milioni di tonnellate di acciaio l’anno con due altiforni tradizionali in attesa dell’installazione di un forno elettrico alimentato a preridotto. A presentare il piano sono stati l’amministratore delegato italiano Lucia Morselli, insieme all’amministratore delegato ArcelorMittal Europa Geert Van Poelvoorde e il responsabile della fusioni e acquisizioni di ArcelorMittal Ondra Otradovec. La delegazione era accompagnata dall’avvocato Franco Gianni, uno dei fondatori dello studio Gop che ha seguito sinora Ami in Italia e che sembrava fosse stato messo da parte dalla Morselli. La piattaforma di ArcelorMittal, inoltre, prevederebbe il ripristino delle tutele penali, 5000 esuberi, il dimezzamento del fitto (pari ora a 15 milioni di euro) e anche del prezzo d’acquisto (pattuito in 1,8 miliardi di euro).

Di tutt’altro segno la proposta dei commissari straordinari dell’Ilva Francesco Ardito, Alessandro Danovi e Antonio Lupo che con il direttore generale Claudio Sforza - in predicato di fare l’amministratore delegato, con Francesco Caio presidente, dell’eventuale newco se la trattativa con i francoindiani dovesse fallire - puntano a conservare il target dei 6 milioni di tonnellate d’acciaio liquide all’anno dal siderurgico di Taranto, puntando ad un mix impiantistico composto da due forni elettrici e da due forni a gas da un milione di tonnellate ciascuno e da un altoforno tradizione alimentato a carbone ma con il massiccio di nuove tecnologie meno impattanti sull’ambiente. Questa ipotesi prevede ovviamente il coinvolgimento di aziende partecipate dallo Stato come Snam, Saipem e Fincantieri, con una presenza di ArcelorMittal non più totalizzante nel capitale sociale.
Sono due le emergenze più immediate. La prima è legata ai destini dell’altoforno 2, per il quale entro il 13 dicembre la magistratura tarantina deciderà se prolungare o meno la facoltà d’uso che malgrado il sequestro dura ormai dal giugno 2015. La seconda, invece, riguarda il fronte occupazionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie