Lunedì 09 Dicembre 2019 | 16:12

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente
Torricella, sversavano liquami in campagna: arrestati zio e nipote

Torricella, sversavano liquami in campagna: arrestati zio e nipote

 
A Taranto
Mittal, volantini dei sindacati in fabbrica, dalle 23 lavoratori in sciopero

Mittal, proroga uso Afo2, la Procura dà l'ok. Dalle 23 lavoratori in sciopero

 
Il siderurgico
Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

Cantiere Taranto, a studio sgravi del 100% per chi assume lavoratori ex Ilva

 
Ambiente
Taranto, 145 ex dipendenti «Isolaverde» impiegati per la bonifica della città

Taranto, 145 ex dipendenti «Isolaverde» impiegati per la bonifica della città

 
La denuncia
Mittal  “precetta” i lavoratori in vista dello sciopero di martedì. Operaio: «Perché dovremmo farlo?»

Mittal «precetta» i lavoratori in vista dello sciopero di martedì. Operaio: «Perché dovremmo farlo?» AUDIO

 
La rissa
Taranto, 30enne ubriaco aggredisce con una scopa commerciante e poliziotti

Taranto, 30enne ubriaco aggredisce con una scopa commerciante e poliziotti

 
Il siderurgico
Taranto, ex Ilva: attesa per il piano del ministro Patuanelli che punta all'ecosostenibilità

Ex Ilva: attesa per piano Patuanelli che punta all'ecosostenibilità

 
L'indagine
Taranto, genitori picchiano e lanciano sedia contro maestra: «Atto ignobile»

Taranto, genitori picchiano e lanciano sedia contro maestra: «Atto ignobile»

 
La decisione
Sava, baby gang vessava disabile: Riesame conferma misure cautelari

Sava, baby gang vessava disabile: Riesame conferma misure cautelari

 
A Crispiano
Beccato dal proprietario mentre ruba arance, tenta di investirlo: arrestato nel Tarantino

Beccato da contadino mentre ruba arance, tenta di investirlo: arrestato nel Tarantino

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Il Bari aggancia il Potenza: la partita giocata in casa finisce 2-1

Il Bari aggancia il Potenza: il match finisce 2-1. Rivedi la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa decisione
Bari, tenta di truffare il Fondo per le vittime di estorsione: ristoratore rinviato a giudizio

Bari, tenta di truffare il Fondo per le vittime di estorsione: ristoratore rinviato a giudizio

 
Leccecrolli nel salento
San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

San Foca, mareggiata sgretola la falesia: divieto di avvicinamento

 
FoggiaL'estorsione
Foggia: «Vuoi essere protetto? Dacci 200 euro», 2 arresti

Foggia: «Vuoi essere protetto? Dacci 200 euro», 2 arresti

 
Batnordbarese
Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

Facevano motocross nel Parco dell'Alta Murgia: fuggono alla vista dei cc

 
PotenzaLa tragedia
Scivola e cadendo parte un colpo dal suo fucile. Muore un cacciatore

Forenza, scivola e gli parte un colpo dal fucile: muore cacciatore

 
BrindisiPub Ciporti
Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

Fasano, incendio a un pub: terzo attentato in pochi mesi

 
MateraOperazione dei Cc
Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

Pisticci, sorpresi in garage con 800 grammi di marijuana: in cella due 21enni

 

i più letti

Social news

Ex Ilva, «Sono di Taranto e per tutta la vita ho visto gente morire di tumore»: il post diventa virale

Dopo il caso Mittal e i riflettori puntati ancora una volta sulla città ionica, le parole di una blogger tarantina sulla questione sanitaria sono un pugno nello stomaco

Ex Ilva, «Sono di Taranto e per tutta la vita ho visto gente morire di tumore»: il post diventa virale

TARANTO - Dopo il caso Mittal che in queste ore tiene banco a livello nazionale, accendendo ancora una volta i riflettori sulla città ionica a causa della questione dell'ex Ilva, una ragazza tarantina di 33 anni, Stella Pulpo, emigrata a Milano, scrive un lungo post dedicato alla sua città all'interno del blog memoriediunavagina. Le sue parole veicolano l'attenzione non sulla questione occupazionale dello stabilimento siderurgico, ma su quella sanitaria. Un vero e proprio pugno nello stomaco per chi legge. Il post nel giro di poche ore è diventato virale sul web racimolando consensi da tarantini e no che si identificano perfettamente nello scritto di questa blogger 33enne.

«Io sono di Taranto. Ce l’avete presente, Taranto? Quella città del sud Italia, ex colonia della Magna Grecia, disposta in posizione strategica nel Mediterraneo, al centro di un golfo creato dalla Puglia e dalla Calabria che si allungano nel mare come un abbraccio? Ecco, io vengo da lì. A Taranto ci sono il Mar Grande e il Mar Piccolo; i pali delle cozze e un porto industriale; due colonne doriche in Piazza Castello, e l’Eni; la Marina Militare e un Ponte Girevole che si apre per consentire il passaggio delle navi giganti. Ma a Taranto c’è anche la più grossa industria siderurgica d’Europa: Arcelor Mittal, ex Ilva, ex Italsider. C’è tanta di quella roba che Taranto dovrebbe essere una città prospera, ricchissima, e invece no. Taranto è una città abusata, svuotata, impoverita, dimenticata, ammalata - scrive la blogger - Io sono di Taranto e, per tutta la vita, ho visto la gente morire di tumore. A Taranto chiunque di noi ha almeno un parente o un amico che lavora con l’acciaio. E chiunque di noi ha almeno un parente o un amico che è morto con l’acciaio. Adulti, bambini, vecchi. Maschi e femmine. Ricchi e poveri. Il cancro è democratico, colpisce chiunque, a qualsiasi età, di qualsiasi partito, religione, orientamento sessuale. La malattia in sé non discrimina, ma naturalmente i più poveri, o i più ostinati, quelli che dal quartiere Tamburi non sono scappati, s’ammalano e muoiono di più. Ma non è una gara. Di base s’ammalano e muoiono un po’ tutti».

E poi sottolinea: «A 18 anni, a Taranto, puoi votare, puoi guidare la macchina, e hai già visto morire un buon numero di persone a cui volevi bene. È di questo che si parla, anche, quando si parla di Taranto. Non solo del prodotto interno lordo. Immaginatevi come sia vivere cercando un armistizio costante con la morte. Chiedendosi quanto tempo resta, prima che ciò che sta succedendo a tutti i tuoi amici e ai tuoi conoscenti, capiti anche a te e ai tuoi cari. Prima che la peste nera contagi la tua esistenza, segnando in maniera indelebile la tua storia personale, da più fronti, in contemporanea. Chiedetevi come sia ammalarsi senza avere neppure un sistema sanitario all’altezza dell’emergenza in corso. In tutto questo, c’è il dramma quotidiano degli operai, quelli citati a sproposito da Salvini insieme con la Vergine Maria e la sagra del cinghiale della Val Brembana.Ci sono le vite di chi preferisce lavorare e ammalarsi ma avere qualcosa da far mangiare ai figli alla sera.E ci sono le vite dei cittadini, che vorrebbero solo respirare, lavorare, amare, crescere come succede in molti altri posti ma non possono. Essi vivono sotto il costante, subdolo ricatto: SALUTE o LAVORO? Questo è il dilemma». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie