Sabato 24 Agosto 2019 | 15:28

NEWS DALLA SEZIONE

Al rione Salinella
Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

 
Tre denunciati
Sava, villa di lusso con piscina abusiva, rubavano energia elettrica

Sava, nella villa di lusso con piscina abusiva rubavano energia elettrica

 
Dopo il Cinzella Festival
Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

Gli Afterhours stregati da Taranto: Agnelli e D'Erasmo al MarTa

 
Il caso
Strage di pecore a Martina Franca: branco di lupi ne sbrana decine

Strage di pecore a Martina Franca: branco di lupi ne sbrana decine

 
L'offesa
Taranto, scritta contro dirigente Ugl: «Chicco Russo fascio infame»

Taranto, scritta contro dirigente Ugl: «Chicco Russo fascio infame»

 
Il caso
ArcelorMittal, Usb proclama sciopero: «ci sono microchip nelle tute»

ArcelorMittal, Usb proclama sciopero: «ci sono microchip nelle tute»
Veicolo si ribalta in reparto Irf

 
Al Santissima Annunziata
Nadia Toffa, da Taranto 30 mila firme per dedicarle reparto oncologico

Nadia Toffa, da Taranto 30 mila firme per dedicarle reparto oncologico

 
Il ritrovamento
Taranto, oltre 300 reperti archeologici recuperati dalla polizia

Taranto, oltre 300 reperti archeologici recuperati dalla polizia

 
Lavoro in nero
Castellaneta, 4 braccianti sfruttati nei campi per più di 10 ore al giorno: 3 denunce

Castellaneta, 4 braccianti sfruttati nei campi per più di 10 ore al giorno: 3 denunce

 
Inquinamento
Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cisl: camino «fuma» ancora

Emissioni a Taranto, forse riaperte scuole ai Tamburi. Cittadini presentano esposto

 
Un 46enne
Massafra, perseguita la ex e il suo compagno: in cella

Massafra, perseguita la ex e il suo compagno: in cella

 

Il Biancorosso

IL PUNTO
Il Bari gioca la carta Schiavone ci sarà più qualità a centrocampo

Il Bari gioca la carta Schiavone
ci sarà più qualità a centrocampo

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaUn 49enne
Incendi, arrestato piromane nel Potentino: ha distrutto 6mila mq di vegetazione

Incendi, preso piromane nel Potentino: ha distrutto 6mila mq di vegetazione

 
FoggiaArrestato 22 enne
Foggia, picchia la compagna incinta e le dice: Muori tu e il bambino

Foggia, picchia la compagna incinta e le dice: Muori tu e il bambino

 
LeccePreso dai Cc
Spocchia, 18enne segue ragazza in locale e la violenta

Specchia, 18enne segue ragazza in locale e la violenta: in cella

 
MateraCarabinieri Forestali
Policoro Lido, sbancamento in area protetta: sequestrati 7 ettari di bosco

Policoro Lido, sbancamento in area protetta: sequestrati 7 ettari di bosco

 
BariDalla Polizia
Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

Bari, in casa centrale dello spaccio: arrestato 33enne

 
TarantoAl rione Salinella
Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

Taranto, litiga con la convivente e scatena una rissa: arrestato

 
BatUn 43enne
Ruvo, in manette coltivatore di cannabis legale: valori superiori alla norma

Ruvo, in manette coltivatore di cannabis legale: valori superiori alla norma

 
HomeSulla strada 379
Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

Scontro tra 2 auto sulla strada per Torre Canne: un morto e un ferito

 

i più letti

Monteparano

Casa di riposo abusiva
chieste nuove indagini

Il Consiglio di Stato: violato il decreto di sequestro?

Casa di riposo abusivachieste nuove indagini

Bene hanno fatto Asl e distretto socio sanitario numero 6 con Grottaglie comune capofila ad escludere la società Villa Argento dalla procedura per l’assegnazione di 50 posti letto per residenza socio sanitaria per anziani visto il sequestro disposto dalla magistratura il 12 febbraio 2018 nei confronti della struttura di Monteparano. Lo ha ribadito il Consiglio di Stato, confermando la sentenza del Tar di Lecce del 24 ottobre scorso.

Il 20 giugno si svolgerà l’udienza preliminare chiesta dal procuratore aggiunto Maurizio Carbone nei confronti di quattro imputati: il titolare della società che gestisce la struttura, Antonio Greco, 63 anni di Lecce e tre dirigenti del Comune di Monteparano, Tania Giovane, 50 anni, Antonio Giuseppe Capuzzimati, 64 anni e Nicola Antonante, 61 anni. I finanzieri misero i sigilli all’intera struttura, un immobile con piscina, ambulatori di chirurgia e dermatologia del valore di 3,4 milioni di euro. Per l’accusa, sia il permesso a costruire che l’autorizzazione all’esercizio della struttura furono viziati da omissioni e irregolarità. Al posto della residenza socio-sanitaria per anziani, secondo il piano regolatore, doveva sorgere un albergo. Le indagini in un primo momento si sono concentrate su presunte violazioni edilizie e sulle contestazioni di falso e abuso d’ufficio mosse a vario titolo nei confronti dei tre dirigenti comunali ma dalle carte dell’inchiesta è emersa anche una piccola parentopoli: due di loro avevano congiunti assunti nella struttura. Circostanza quest’utima, per la quale ora a Greco e Antonante, responsabile dell’ufficio tecnico comunale, viene contestata anche la corruzione perché in cambio di tre permessi a costruire rilasciati nel 2015 e ritenuti illegittimi, Antonante avrebbe ottenuto l’assunzione della moglie come responsabile amministrativa. Di abuso d’ufficio risponderà anche Capuzzimati, addetto all’ufficio protocollo, accusato di non aver protocollato una pec in cui la Regione Puglia riscontrava una serie di vizi nelle autorizzazioni e invitava il Comune a intervenire. Di falso, invece, è accusata Tania Giovane, responsabile dei servizi sociali per aver attestato falsamente che la struttura aveva i requisiti previsti dalle norme regionali per essere iscritta nel registro delle residenze accreditate, senza aver effettuato il necessario sopralluogo in sede.

La società ha fatto ricorso prima al Tar e poi al Consiglio di Stato, sostenendo che le facoltà d’uso concessa dalla magistratura non ne impedisce l’operatività e dunque la partecipazione a gare pubbliche. Per il Consiglio di Stato, invece, la facoltà d’uso è stata concessa unicamente per preservare gli incolpevoli ospiti e non certo per far evitare i danni connessi all’interruzione dell’attività economica. Non solo, visto che gli ospiti sarebbero nel frattempo addirittura aumentati, passando da 57 a 64, sarà ora l’Asl a dover verificare la reale situazione, al fine di inviare gli atti al gip in caso di violazione del decreto di sequestro.[mimmo mazza]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie