Sabato 16 Febbraio 2019 | 21:15

NEWS DALLA SEZIONE

Il premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
La manifestazione
Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

Taranto, anche Caparezza sostiene la fiaccolata per i bimbi morti di cancro

 
In via Temenide
Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

 
Denunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
Denunciato proprietario
Castellaneta Marina, convalidato sequestro lido Albatros

Castellaneta Marina, convalidato sequestro lido Albatros

 
Nel Tarantino
Pulsano, 80enne muore colpito da un vaso caduto per il vento

Pulsano, 80enne muore colpito da un vaso caduto per il vento

 
Nel tarantino
San Giorgio Jonico, pregiudicato ferito da colpi di pistola, è grave

San Giorgio Jonico, pregiudicato ferito da colpi di pistola, è grave

 
Sanità
Taranto, arrivano gli assegni di cura per gli ammalati gravissimi

Taranto, arrivano gli assegni di cura per gli ammalati gravissimi

 
Ambiente ferito
Ex Ilva, polveri su Taranto: chiesto incontro a Prefetto

Forte vento a Taranto, oggi scuole chiuse. Polveri dall'ex Ilva: chiesto incontro a Prefetto

 
Il caso
Nascondeva una pistola nel reggiseno: arrestata a Taranto

Nascondeva una pistola nel reggiseno: arrestata a Taranto

 
Dai cc di Massafra
Falsificavano banconote e le vendevano: 3 arresti nel Tarantino

Falsificavano banconote e le vendevano: 3 arresti nel Tarantino

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl premio
Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie da 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

Ex Ilva Taranto, azienda di pulizie dà 100 euro a chi non si fa male sul lavoro

 
BariL'appello
Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

Puglia, i giovani di Forza Italia: «Il rilancio del partito passa da noi»

 
LecceVerso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

L'inchiesta

Castellaneta, morì dopo caduta dal letto: solo infermiera rischia processo

Chiesta archiviazione per 9 medici. La morte del 64enne avvenuta avvenuta a dicembre 2016. C

Massafra, romeno accoltellatofermati due connazionali

l'ospedale di Castellaneta

Il pm della Procura di Taranto, Mariano Buccoliero, ha chiesto il rinvio a giudizio per una infermiera 42enne dell’ospedale di Castellaneta accusata di omicidio colposo in relazione alla morte di un paziente, Antonio Pesce, di 64 anni, che il 17 dicembre 2016 cadde dal letto della struttura sanitaria e spirò tre ore dopo. Per 9 medici è stata sollecitata l’archiviazione. I familiari della vittima, che presentarono un esposto ai carabinieri di Castellaneta, si sono affidati, tramite il consulente personale Luigi Cisonna, a Studio 3A, società specializzata a livello nazionale nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini.

Pesce, già affetto da cardiopatia dilatativa, il 15 dicembre 2016 si recò al Pronto Soccorso di Castellaneta per «dispnea ingravescente». Dopo una consulenza cardiologica con diagnosi di scompenso cardiaco congestizio, fu ricoverato in Cardiologia e sottoposto a una terapia che ne aveva migliorato le condizioni.

Alle 9 del 17 dicembre, però, fu trovato nella sua stanza «a tratti disorientato», come scritto dall’infermiera nella cartella clinica, e poi, alle 10.15, accusò un’improvvisa perdita di coscienza rovinando per terra dal letto dov'era seduto. Secondo l’accusa, l’imputata «pur rendendosi conto delle condizioni di disorientamento del paziente, lì ricoverato, ometteva di avvisare il personale medico di tale criticità e di adottare immediate misure idonee a prevenire il rischio di una caduta dal letto di ricovero, in tal modo provocandone appunto la caduta direttamente sul pavimento e cagionandogli lesioni cervico-midollari da cui derivava la morte per insufficienza respiratoria». L’udienza preliminare è fissata per il 7 giugno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400