Martedì 13 Novembre 2018 | 16:34

NEWS DALLA SEZIONE

A taranto
Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

Centro autismo rischia chiusura, protestano famiglie

 
Incidente sul lavoro
Taranto, due operai cadono da impalcatura in quartiere Tamburi

Taranto: il cestello della gru si ribalta, precipitano e muoiono due operai

 
Ambiente
Taranto, spostati i fusti radioattivi da ex Cemerad a Roma

Taranto, spostati i fusti radioattivi da ex Cemerad a Roma

 
Furto
Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

Rubano 720kg di olive a Palagiano, arrestati 4 stranieri

 
La vicenda
Taranto, vandali distruggono Piazza Bettolo nella notte

Taranto, vandali distruggono Piazza Bettolo nella notte

 
La tragedia in Francia
Marsiglia, ultimo saluto a Simona Carpignano: le sue ceneri sparse in mare

Marsiglia, ultimo saluto a Simona Carpignano: il corpo sarà cremato

 
Pericolo sventato
Taranto, raccolgono funghi velenosi senza saperlo: salvati dai forestali

Taranto, raccolgono funghi velenosi senza saperlo: salvati dai forestali

 
Blitz dei carabinieri
Caporalato, tre rumeni arrestati a Ginosa: sfruttavano i braccianti

Caporalato, tre rumeni arrestati a Ginosa: sfruttavano i braccianti

 
Voleva rivenderlo
Ruba scivolo da parco giochi, denunciato 36enne a Taranto

Ruba scivolo da parco giochi, denunciato 36enne a Taranto

 
Due operazioni
Droga, 2 denunce a Brindisi e un arresto a Leporano dopo perquisizioni in casa

Droga, 2 denunce a Brindisi e un arresto a Leporano dopo perquisizioni in casa

 
Il provvedimento
Omicidio Scazzi, 3 anni a Michele Misseri per calunnia e diffamazione

Omicidio Scazzi, 3 anni a Misseri per calunnia e diffamazione

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

A Taranto

Tornelli rotti all'Ilva: venerdì scatta lo sciopero per i lavoratori dell'appalto

La manifestazione indetta da Film, Fiom, Uilm e Usb per il 26 ottobre

Ilva

Lo stabilimento Ilva

TARANTO - Film, Fiom, Uilm e Usb hanno indetto per venerdì 26 ottobre lo sciopero dei lavoratori dell’appalto, con presidio davanti alla portineria imprese dalle 7 alle 9, per protestare contro i disagi causati dal mal funzionamento di alcuni tornelli che costringono gli stessi lavoratori a lunghissime file, anche sotto la pioggia, per entrare in fabbrica e farsi vistare l’ingresso da parte del vigilante di turno. «Abbiamo deciso di comune accordo con le altre sigle sindacali - spiega in una nota il coordinatore provinciale dell’Usb Francesco Rizzo - di far sentire la voce dei lavoratori in maniera forte. Segnaliamo da mesi il mal funzionamento dei tornelli. Nonostante il caos che si crea e il nostro continuo intervento, nessuno si è preoccupato. Ciò dimostra ancora una volta un’attenzione inesistente da parte di Ilva». In assenza «di soluzioni definitive - conclude Rizzo - si intraprenderanno ulteriori iniziative e forme di protesta, poiché tale situazione contribuisce ad alimentare malessere e causare ulteriori danni, oltre a quelli noti, ai lavoratori dell’appalto»

Anche questa mattina i lavoratori delle ditte di appalto dell’Ilva sono stati costretti a lunghe file per avere accesso all’interno della fabbrica a causa del malfunzionamento di alcuni tornelli. «Ilva - sottolinea in una nota Francesco Brigati della Fiom Cgil - continua a rinviare i lavori di ripristino e le ditte di appalto continuano a togliere ore di ferie ai lavoratori. In assenza di risposte certe da parte di Ilva e delle stesse ditte di appalto metteremo in campo iniziative di mobilitazione».
Vincenzo Castronuovo della Fim Cisl fa presente che si tratta di una «situazione a dir poco scandalosa che si trascina da diverse settimane con file di 200-300 metri di persone che non riescono a entrare nella portineria imprese perchè i tornelli sono bloccati. Il lavoratore non può accedere e di conseguenza per entrare devono essere tutti quanti, uno per uno, registrati dal vigilante. Questi lavoratori arrivano alle 5.30-5.45 in portineria e accedono agli impianti alle 8.30, le 9 dopo due ore e mezza di fila. Il problema lo abbiamo rappresentato più volte all’azienda, ma non si è mosso nulla».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400