Lunedì 08 Agosto 2022 | 15:56

In Puglia e Basilicata

La mobilitazione

Ilva, Landini annuncia: «Revocato lo sciopero dell'11 settembre»

Ilva

Di Maio invece replica a chi voleva l'annullamento della gara: senza le motivazioni di legge, avrebbe determinato che Mittal andava al Tar, faceva ricorso, vinceva e il 15 settembre entrava dentro lo stabilimento»

06 Settembre 2018

Redazione online

Dopo l’accordo sull'Ilva siglato al ministero dello Sviluppo economico, I sindacati hanno revocato lo sciopero che era stato proclamato per martedì 11 settembre dalle sigle dei metalmeccanici Fim Fiom Uilm e dal'Usb. Lo ha detto il segretario confederale della Cgil, Maurizio Landini, uscendo dal Mise e riferendo che è già partita la circolare alle strutture per la revoca dello sciopero.

Intanto il vicepremier e ministro, Luigi Di Maio, risponde ai cittadini di Taranto che si aspettavano l'annullamento della gara e la chiusura dello stabilimento: «La questione è molto semplice. Oggi un annullamento della gara senza le motivazioni di legge, avrebbe determinato una sola cosa: che Mittal andava al Tar, faceva ricorso, vinceva e il 15 settembre entrava dentro l'Ilva». «A quel punto - continua Di Maio - ArcelorMittal sarebbe entrata in Ilva «non con 10.700 assunti, l’articolo 18 e le migliorie ambientali, ma con meno assunti, meno tutele e senza accordo sindacale». Il tema vero «è che quel contratto stipulato con Am un anno fa è stato tenuto nascosto per troppo tempo e noi l’abbiamo, diciamo così, desecretato alla fine di aprile, per poi iniziare il percorso di accertamento della gara», ha continuato Di Maio, concludendo «tutto quello che è stato possibile fare, si è fatto per legge, e quello che non è stato possibile fare non lo è stato per legge».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725