Venerdì 21 Settembre 2018 | 11:31

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

l’inchiesta

Discarica Vergine, disastro ambientale ora in tre rischiano il processo

La discarica è tra Fragagnano e Lizzano. Per l’accusa le sostanze nocive avrebbero raggiunto la falda

discarica Vergine

TARANTO - È fissata per il 30 ottobre la prima udienza preliminare nei confronti dei tre imputati coinvolti nell’inchiesta per disastro ambientale causato dalla discarica Vergine nel sottosuolo dei territori tra Lizzano e Fragagnano.

È stato il sostituto procuratore Lanfranco Marazia a chiedere il rinvio a giudizio di Paolo Ciervo legale rappresentante della «Vergine spa» (società che ha gestito la discarica dal 19 dicembre 2013) e liquidatore della «Vergine srl» (società che ha gestito la discarica fino al 19 dicembre 2013) difeso dall’avvocato Michele Laforgia, Mario Petrelli legale rappresentante della «Vergine srl» difeso dall’avvocato Gianluca Mongelli, e il responsabile tecnico dell’impianto Pasquale Moretti difeso dall’avvocato Raffaele Errico.

Sarà il giudice Martino Rosati che dovrà valutare se vi sono gli elementi sufficienti per aprire o meno un processo: per l’accusa sostanze nocive avrebbero raggiunto la falda acquifera al punto che in alcuni punti l’acqua avrebbe superato la soglia di inquinamento e sarebbe stata dichiarata inutilizzabile per l’utilizzo umano.

Nella richiesta di rinvio a giudizio il pm Marazia ha contestato, come detto, il reato di disastro ambientale spiegando che «cooperando tra loro o con condotte tra loro indipendenti nelle rispettive qualità per colpa consistita in imprudenza e imperizia nella gestione del percolato e nell’impermeabilizzazione del bacino di discarica, trascurando l’intercettazione delle acque meteoriche, cagionavano abusivamente un disastro ambientale attraverso l’alterazione dell’equilibrio di un ecosistema la cui eliminazione – ha specificato il pm Marazia nell’atto di accusa – risulta particolarmente onerosa e raggiungibile solo con provvedimenti eccezionali».

Dalle indagini, infatti, è emersa la «contaminazione delle acque sotterranee» causata dal percolato di discarica e quindi dall’accumulo di sostanze inquinanti come nitrati, boro, diossine e pcb. L’inchiesta, partita dalle denunce dell’associazione ambientalista Attiva Lizzano, rappresentata nel procedimento dall’avvocato Francesco Nevoli, ha raggiunto una svolta grazie alla relazione dei consulenti Mauro Sanna e Bruno Greco scelti dal pubblico ministero Lanfranco Marazia.

In 46 pagine hanno chiarito la delicata situazione in cui si trova l’area sottostante la discarica già sequestrata a febbraio 2014. Per i tecnici il fermo delle attività e il mancato intervento della società che gestiva la discarica dopo il sequestro, ha causato danni alla falda: la presenza di nitrati nelle acque sottostanti permette di affermare «che da tale discarica – scrivono nella relazione – fuoriesca percolato che interferisce con le acque sotterranee» e «che le acque sotterranee interessate dalla discarica siano contaminate dal percolato è anche confermato dalla elevata concentrazione di PCB e di diossine, superiori a quelle previste dalla normativa specifica». Gli esperti hanno inoltre chiarito fino al sequestro il percolato prodotto era prelevato e stoccato nei silos per lo smaltimento, ma con il fermo delle attività il percolato «non è stato più raccolto ed evacuato dalla discarica» e anche per la mancata raccolta delle acque piovane si è infiltrato nel sottosuolo inquinandolo in modo significativo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Taranto, strage di Palagiano: autori ancora ignoti

Taranto, strage di Palagiano: autori ancora ignoti

 
Taranto, tenta rapina in tabaccheria e ferisce il proprietario: arrestato

Taranto, tenta rapina in tabaccheria e ferisce il proprietario: arrestato

 
Tra le strade di Grottaglie come in Fast and Furious: arrestato

Tra le strade di Grottaglie come in Fast and Furious: arrestato

 
Massafra, beccato con hashish, cocaina e marijuana: arrestato 18enne

Massafra, beccato con hashish, cocaina e marijuana: arrestato 18enne

 
Taranto, «La pulizia notturna? No, qui salta sempre»

Taranto, «La pulizia notturna? No, qui salta sempre»

 
Taranto, emergenza gas radon in 27 ambienti scolastici

Taranto, quartiere Tamburi emergenza gas radon in 27 ambienti scolastici

 
Con una spesa di 30 euroTicket per caffè e cornetto

Con una spesa di 30 euro
Ticket per caffè e cornetto

 
Taranto, gas radon nelle scuole: i cittadini chiedono garanzie

Taranto, gas radon nelle scuole:
i cittadini chiedono garanzie

 

GDM.TV

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 

PHOTONEWS