Venerdì 20 Settembre 2019 | 12:24

NEWS DALLA SEZIONE

ROMA
Tralummescuro, il nuovo libro di Guccini

Tralummescuro, il nuovo libro di Guccini

 
ROMA
Giordana Angi, 11/10 arriva nuovo album

Giordana Angi, 11/10 arriva nuovo album

 
ROMA
Liam Gallagher, esce "Why Me? Why Not."

Liam Gallagher, esce "Why Me? Why Not."

 
TORINO
Paolo Icaro alla Gam, 50 opere a Torino

Paolo Icaro alla Gam, 50 opere a Torino

 
COLOGNO MONZESE (MILANO)
Ricci, il Conte 2 ci darà molte gioie

Ricci, il Conte 2 ci darà molte gioie

 
TORINO
Portici di Carta, dedicato a Camilleri

Portici di Carta, dedicato a Camilleri

 
LUGANO
Wopart, carta all'origine della bellezza

Wopart, carta all'origine della bellezza

 
TORINO
Museo Cinema, De Gaetano nuovo direttore

Museo Cinema, De Gaetano nuovo direttore

 
ROMA
Roberto Colombo,nuovo disco dopo 40 anni

Roberto Colombo,nuovo disco dopo 40 anni

 
ROMA
LP,1 mld streaming per album Lost on you

LP,1 mld streaming per album Lost on you

 
ROMA
Antropocene, foto della fine del mondo

Antropocene, foto della fine del mondo

 

Il Biancorosso

Serie C
Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

Il Bari si dà una mossa: mini-ciclo per la svolta

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoCosimo Stano
Manduria, pestarono a morte anziano: chiesta messa alla prova per due minori

Manduria, pestarono a morte anziano: chiesta messa alla prova per due minori

 
BatL'inchiesta
Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzina

Barletta, tangenti al carabinieri per l'appalto delle palazzine

 
BariNegli ospedali
Monopoli e Molfetta, i furbetti del cartellino: in arrivo 20 licenziamenti

Monopoli e Molfetta, i furbetti del cartellino: in arrivo 20 licenziamenti

 
FoggiaIn via Bagnante
Foggia maxi rissa in centro con mazze e spranghe: sette arresti e due feriti

Foggia maxi rissa in centro con mazze e spranghe: sette arresti e due feriti

 
PotenzaIspettorato
Lavoro nero, controlli nel Metapontino: trovati 11 «irregolari»

Lavoro nero, controlli nel Metapontino: trovati 11 «irregolari»

 
BrindisiBlitz dei Cc
Oria, catturato rapinatore: era latitante da due mesi

Oria, catturato rapinatore: era latitante da due mesi

 
LecceNel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
MateraTentato omicidio
Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

Matera, lite per le spese del picnic, 31enne accoltella cognato: arrestato

 

i più letti

Presentato al festival Cinema europeo Lecce

Cinema, «Immagine dal vero»: immigrati, storie di chi ce l'ha fatta

«Immagine dal vero», il documentario di Luciano Accomando, dovrebbe arrivare presto in tv

Il film non fiction «Immagine dal vero», è nato dalla voglia di offrire uno sguardo inedito su quella che viene vissuta come emergenza e contro ignoranza, luoghi comuni e fake news

«Immagine dal vero», documentario di Luciano Accomando

«Immagine dal vero», documentario di Luciano Accomando

«IMMAGINE DAL VERO» - Ramsey, artista, Linda che diventa mamma, Ibrahim, ex attivista che è fuggito dalle torture e si è laureato in Italia, Fella, kickboxer, Adam, medico, Abdel, mediatore di Emergency, Desmond, allenatore di pallavolo, Irene parrucchiera. Sono fra le storie di successo quotidiano realizzate dai 12 immigrati in Sicilia, protagonisti di «Immagine dal vero», il documentario di Luciano Accomando che dopo la presentazione al Salina Doc Fest e qualche giorno fa al Festival del Cinema europeo di Lecce, dovrebbe arrivare presto in tv: «siamo in trattative per la messa in onda» spiega all’Ansa il regista.

Il film non fiction, «è nato dalla voglia di offrire uno sguardo inedito su quella che viene vissuta come un’emergenza - dice Accomando -. Una prospettiva che va contro l’ignoranza, i tanti luoghi comuni e le fake news sempre più diffuse sugli immigrati».

In un montaggio incrociato, scandito in capitoli, incontriamo fra gli altri, Ramsey, tunisino autore di quadri nei quali gli immigrati sono rappresentati come numeri, «perché e così che spesso siamo visti» dice, sottolineando anche però, che uno degli errori più comuni che gli immigrati fanno una volta arrivati è «chiudersi da soli in un ghetto». Incontriamo Desmond, della Sierra Leone, che una volta arrivato nel nostro Paese nel 1997 per le Universiadi, si è trovato nell’impossibilità di ripartire, perché nel suo Paese era scoppiata la guerra. Senza soldi e contatti si è dovuto costruire una nuova vita, sfidando, all’inizio molti pregiudizi. Gli stessi affrontati da Alina, che a scuola veniva chiamata dall’insegnante solo «la ragazza col velo». La cosa più brutta, spiega Adam, palestinese, che in Italia ha realizzato il suo sogno di diventare medico «è quando senti dire, 'Io non sono razzista, ma...' in quel 'mà c'è la Shoah, ci sono i milioni di morti della II guerra Mondiale».

«All’inizio non è stato facile trovare chi fosse disposto a raccontarsi - spiega Accomando -. C'è stato un lavoro lunghissimo per conquistare la loro fiducia». E ne sono nati veri rapporti d’amicizia, come quello «con Linda, che nel film vediamo anche partorire, la sua bellissima bambina, Marzia. In quel momento era sola in Italia, il marito era in Ghana, non c'erano amici o parenti con lei, le siamo stati vicino noi e ancora continuiamo».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie