Giovedì 21 Febbraio 2019 | 12:28

NEWS DALLA SEZIONE

L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
Nel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
Fotoreporter ferito
Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

Il San Carlo si offre di curare l'occhio di Micalizzi

 
L'invito
Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

Potenza, l'ospedale San Carlo si offre di curare il reporter ferito in Siria

 
«È un piano senza effetti»
Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

Basilicata, stop inceneritori nel 2020: Tar boccia ricorso ex Fenice

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

Catamarano in difficoltà, soccorso da Guardia Costiera al largo di Leuca

 
TarantoNel Tarantino
Tentò di uccidere due persone a S.Giorgio Jonico, pregiudicato si consegna ai cc

Tentò di uccidere 2 persone a S.Giorgio Jonico, 68enne si consegna ai cc

 
PotenzaL'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
BariPremiato a Rimini
Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

Viene da Monopoli il miglior burger gourmet italiano

 
Brindisil'emergenza
Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

Brindisi, allarme povertà: alla Caritas aumentano le richieste

 
FoggiaLa decisione
Foggia, dopo 14 anni chiude Unieuro, in 18 a casa

Foggia, dopo 14 anni chiude Unieuro, in 18 a casa

 
BatLa denuncia
Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

Barletta, stazione senza ascensore: non ha mai funzionato

 
Materail Truffatore è barese
Si fa dare 3 Rolex da negoziante fingendo di essere figlio di un amico: arrestato a Matera

«Mio padre è tuo amico», si fa dare 3 Rolex da rivenditore: arrestato a Matera

 

energia e ambiente

Centrale del Mercure (Enel)
l'interesse di cechi e italiani

Tra i possibili pretendenti, Eph e gruppo Marcegaglia. M5S: «Incompatibile con il parco». Oggi tavolo sulle royalty

Centrale del Mercure (Enel) l'interesse di cechi e italiani

di Pino Perciante

Rotonda La centrale a biomasse del Mercure è potenzialmente sul mercato, in vendita. Tra gli acquirenti vi sarebbero due gruppi internazionali, operanti nel settore delle energie rinnovabili. Uno dei due si chiama Eph (Energeticky a prumyslovy holding), un gruppo con sede nella Repubblica Ceca che ha già acquisito le centrali calabresi di Biomasse Italia e Biomasse Crotone. Ma nell’affare si intravede anche l’ombra del gruppo italiano Marcegaglia.

Intanto anche il Movimento 5 stelle, ieri sera, durante un incontro elettorale a Rotonda, ha posto l’accento sulla centrale del Mercure e sui possibili impatti negativi per il paesaggio del Pollino. Oggi, invece, a Castrovillari, nella sede del Parco, si riunirà il tavolo tecnico per il rispetto dell’intesa siglata nel 2014 al ministero dello Sviluppo economico che prevede il pagamento di royalties da parte di Enel in favore dei sette comuni della valle come compensazione ambientale collegata alle attività della centrale.

Secondo fonti vicine alla vicenda della possibile vendita dell’impianto, l’Enel avrebbe intavolato delle trattative con la società Biomasse Italia, la quale dal 2017 farebbe capo ad una società madre con sede nella Repubblica Ceca: la Eph. Ma all’affare parrebbe interessato anche il gruppo italiano che fa capo ai fratelli Antonio ed Emma Marcegaglia, quest’ultima presidente di Eni. Nei giorni scorsi, per l’esattezza l’8 febbraio, alcuni emissari della società del centro Europa avrebbero visitato l’impianto per prendere atto delle condizioni del ciclo produttivo. La centrale del Mercure, fin dalla sua riconversione a biomasse avvenuta tra il 2000 e il 2002, è stato al centro di aspre polemiche, ricorsi, ritiro di concessioni e nuove autorizzazioni. Un percorso contrassegnato da scontri sociali, lotte tra ambientalisti e non, burocrazia e partiti politici. Il 31 maggio prossimo è in programma l’udienza dinanzi al Consiglio di Stato per discutere i ricorsi dei Comuni di Rotonda e Viggianello e delle associazioni ambientaliste in merito all’autorizzazione che ha portato alla riapertura due anni fa dell’impianto che si trova al confine tra Basilicata e Calabria.

Ad onor del vero, del passaggio di mano della centrale se ne parla ormai da anni. Diverse sono state le voci su una possibile cessione da parte di Enel che però non si è mai concretizzata. Anche in questa occasione notizie ufficiali non ve ne sono e, dunque, bisognerà aspettare lo sviluppo degli eventi. L’operazione di acquisire la centrale del Mercure da parte di Eph rientrerebbe nella strategia dell’utility ceca di sviluppare il business delle energie rinnovabili in Europa. Si tratterebbe, infatti, del terzo investimento nell’energia prodotta da biomassa dopo il progetto di riconversione della centrale a carbone da 400 Mw di Lynemouth e l’acquisizione delle due centrali calabresi per complessivi 73 Mw. Con Biomasse Italia e Biomasse Crotone il gruppo Eph ha inserito nella propria forza lavoro 67 dipendenti diretti. Il margine operativo lordo (Mol) delle due aziende è pari a 50 milioni di euro per un indotto di circa 950 posti di lavoro diretti e indiretti. Non è detto però che si vada per forza verso una centrale del Mercure “made in Repubblica Ceca”: a sorpresa potrebbero spuntare altri acquirenti, e si vocifera anche che Eph stia valutando la possibilità di presentare un’offerta insieme ad un altro gruppo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400