Sabato 23 Gennaio 2021 | 03:44

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
Il caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
Il caso
Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita

Potenza, crolla pezzo di solaio di un appartamento: 60enne ferita VD

 
Nel Potentino
Usb fa analizzare le mascherine di Fca, «Non sono idonee»: scatta la denuncia

Usb fa analizzare le mascherine di Fca, «Non sono idonee»: scatta la denuncia

 
Nel Potentino
Oppido Lucano, dipendente banca sottrae 2 milioni a 4 comuni: 4 arresti

Oppido Lucano, dipendente banca sottrae 2 milioni a 4 comuni: 4 arresti

 
Guardia di Finanza
Gioco d'azzardo illecito: sequestrati beni per mezzo milione di euro a 54enne potentino

Gioco d'azzardo illecito: sequestrati beni per mezzo milione di euro a 54enne potentino

 
Per almeno 15 giorni
Potenza, responsabile piscina Montereale positivo al Covid: chiude struttura

Potenza, responsabile piscina Montereale positivo al Covid: chiude struttura

 
economia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 
Giustizia
Potenza, infiltrazioni d'acqua e impianto elettrico non funzionante: «Tribunale prossimo all'inagibilità»

Potenza, infiltrazioni d'acqua e impianto elettrico non funzionante: «Tribunale prossimo all'inagibilità»

 
la richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Senegalese trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: indaga la Polfer

Uomo trovato morto a bordo del treno Bari-Lecce: si tratta di un senegalese, indaga la Polfer

 
BrindisiIl caso
Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

Blitz dei Nas in due case di riposo a Brindisi e Potenza: chiuse per carenze igieniche

 
TarantoIl virus
Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

Covid 19 a Grottaglie, dipendenti comunali positivi: chiusi gli uffici

 
PotenzaIl caso
Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

Melfi, in auto con 4 quintali di cavi di rame: denunciato

 
FoggiaLa novità
Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

Policlinico di Foggia, nasce il primo reparto di Andrologia in Puglia

 
LecceLa convenzione
Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

Lecce, nasce il 'Parco della Giustizia' su terreno confiscato alla mafia

 
MateraNel Materano
Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

Mafia, sequestrati beni a capoclan lucano: case, mezzi e contanti

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 

i più letti

attenzione

L'eredità dello zio d'America
è solo una truffa on line

L'aggancio sul web: «Sei un parente, hai diritto all'eredità». Ma è un inganno. Le trappole di internet

polizia postale

di MARIA IDA SETTEMBRINO

La mannaia delle truffe internazionali continua a mietere vittime. Questa volta è toccato ad un cittadino della Basilicata meridionale. Complice Twitter. Il tempo di concludere la registrazione e l’account della giovane preda viene inserito nei circuiti occulti delle truffe che passano per il web. Partono a raffica i primi messaggi diretti alla posta istantanea in cui si parla di una cospicua eredità custodita in una banca degli States. «Il proprietario dei fondi è un cittadino del tuo Paese che ha avuto un deposito nella mia banca nel 2010 per 36 mesi di calendario, valutati in 18.400.000 dollari. A parlare è Clary Walsh. La banca è la Standard Chartered e attualmente - dice la truffatrice - sono la responsabile dello sviluppo dei sistemi di gruppo. La data di scadenza del contratto di deposito era il 16 gennaio 2013. Purtroppo il ricco ereditiere era tra le vittime morte nella saga di Gheddafi in Libia, che ha ucciso diverse centinaia di persone. Ero in Libia per un viaggio d’affari e così sono venuta a conoscenza della sua fine. Quando ho visto il tuo nome - prosegue la truffatrice - sono stata felice e ora sto cercando la tua collaborazione per presentarti come Next of Kin Heir al conto, visto che hai il suo stesso cognome e le mie banche centrali hanno già contezza della tua persona. Non vi è alcun rischio; l’operazione sarà eseguita con un legittimo accordo che ti proteggerà da qualsiasi violazione del diritto. Capisco che non conosci questo uomo – incalza la truffatrice nella successiva conversazione - perché è probabilmente un parente lontano o non in relazione con te, ma la cosa importante è il fatto che tu abbia lo stesso cognome di lui e, come ho già detto, abbiamo l’opportunità di lavorare insieme e rivendicare questi fondi. Ti dirò, anche qui, che questo tipo di transazione normalmente costa un po’ di soldi per eseguire, ma è nulla in confronto a quello che potrai trarne come beneficio. Penso che sia un’opportunità della vita per rendere meglio il tuo futuro. Non sarai mai pentito di incontrarmi. Vi introdurremo ad un buon avvocato qui a Londra che avrai contattato e chiederai che i suoi servizi legali ti rappresenteranno per la richiesta».

I toni iniziano a cambiare e le mail o i semplici tentativi di contatto si fanno sempre più pressanti quando le richieste inducono il quarantenne a rilasciare informazioni sempre più personali. «Le informazioni di cui ho bisogno per iniziare il processo sono le seguenti: nome, cognome, data di nascita, occupazione, indirizzo di residenza, copia scansionata di una valida carta d’identità, numero di telefono e la tua nazionalità». A quel punto, l’utente «certifica» la truffa e inizia a fingersi interessato alla transazione. «Oltre ai documenti – scrive il quarantenne - devo inviarvi un contributo economico per la transazione? Ve lo chiedo perché da noi in Italia funziona così quando si fa uso di un servizio a distanza». È così che la truffatrice arriva velocemente «al sodo». «Non capisco davvero il contenuto del tuo messaggio, ma ti suggerisco di inviarmi le tue informazioni, un’istantanea o una copia scansionata della tua carta di credito valida, in modo da poter procedere con il mio lavoro interno». Alla richiesta di scansionare la carta di credito, il ragazzo smaschera il tentativo di truffa e forte degli allegati che documentano la provenienza del mandante, si reca alla Polizia Postale per sporgere denuncia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie