Venerdì 22 Febbraio 2019 | 23:10

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
In vista del 24 marzo
Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

Regionali in Basilicata, a Potenza e Matera la presentazione delle liste

 
Economia
Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

Lo Svimez alla Basilicata: «Trattenete più royalties»

 
L'iniziativa
A Vietri di Potenza se adotti un cane non paghi la Tari

A Vietri di Potenza se adotti un cucciolo dal canile non paghi la Tari

 
L'intervista
Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

Lezioni di esorcismo a scuola, sacerdote: «Sarebbe servito»

 
La decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
L'analisi
Badante di condominio: la creatività dei lucani

Badante di condominio: la creatività dei lucani

 
In Basilicata
Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

Elezioni, Carmen Lasorella rinuncia alla candidatura

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 
Mobilità
Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

Trasporti pubblici lucani, fondi ordinari ma pochi bus: mancano 200 mezzi

 
Dal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaVerso le regionali
Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

Elezioni, a Potenza e Matera le prime liste: sono di centrodestra e M5S

 
LecceSalento
Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa un passo indietro e ritira l'interrogazione

Villa al mare del pm a Porto Cesareo, M5S fa retromarcia e ritira interrogazione

 
BariLa sentenza
Bari, offese tra ragazzi via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

Bari, offese tra ragazzini via whatsapp: per la Cassazione è diffamazione

 
HomeIl siderurgico
Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

Ex Ilva a Taranto, ripartono gli impianti: soddisfazione della Fim

 
BrindisiFurto in casa
San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: denunciati n 2

San Vito dei Normanni, ristrutturano abitazione e rubano 2.500 euro: 2 denunciati 

 
GdM.TVGli arresti della Polizia
Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

Andria, assaltavano tir con esplosivo e armi: decimato clan Griner, 11 in carcere

 
MateraSfruttamento
Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

Metaponto, ecco la Felandina: il «ghetto» dove vivono 400 disperati

 
FoggiaAtti vandalici
Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

Foggia, bus Ataf presi a sassate da baby gang

 

caso elisa claps

Ecco perché è falsa
la perizia di Pascali

Le motivazioni della sentenza di condanna depistaggi, silenzi e coperture

Ecco perché è falsa la perizia di Pascali

di Massimo Brancati

Fu incaricato di analizzare il corpo di Elisa Claps, compreso gli indumenti, per cercare tracce biologiche riconducibili all’unico sospettato della morte della ragazza, Danilo Restivo. Ma il genetista Vincenzo Pascali «scartò», tra i reperti da esaminare, la maglia di Elisa. Ritenendola inutile. Proprio quella maglia «inchiodò» Restivo: su di essa, infatti, i carabinieri del Ris rinvennero tracce di Dna compatibili con quelle dell’indagato.

È questo il «cuore» dell’accusa mossa a Pascali, condannato dal tribunale di Salerno a un anno e sei mesi di reclusione per falso in perizia. Nelle 46 pagine delle motivazioni della sentenza, il giudice Ubaldo Perrotta ricostruisce l’accaduto spiegando nel dettaglio quali sono i punti contestati al genetista: 1. Pascali affermava che non era stato possibile prelevare campioni biologici in particolare dalla maglia e dal femore. «Attestazione falsa - scrive il giudice - in quanto i reperti non venivano proprio sottoposti ad esami e, pertanto, nessuna ricerca era avvenuta sugli stessi»; 2. il perito spiegava che solo una parte dei campioni avviati all’esame mostrava di contenere Dna positivamente misurabile, indicando come soglia minima utile ad ottenere un profilo genetico completo quella tra 10 e 20 nanogrammi. «Circostanza non vera - sottolinea il giudice - atteso che la soglia minima di Dna necessaria a fini identificativi è di almeno venti volte inferiore».

Il giudice Perrotta, nelle motivazioni, evidenzia come Pascali sia caduto più volte in contraddizione sulla vicenda della maglia, prima parlando di un reperto tecnicamente non analizzabile, poi scaricando la responsabilità sul perito nominato dalla Procura, Stefanoni, che non l’avrebbe classificata tra le priorità, poi ancora ammettendo di aver fatto un errore: «Sin dalle primissime battute del processo - scrive il giudice - l’imputato da un lato ha parlato della scelta consapevole di non sottoporre ad analisi la maglia e dall’altro ha aspramente criticato i risultati raggiunti dai nuovi periti, che trovarono il Dna sulla maglia, a suo avviso basati su procedimenti scientifici fallaci e influenzati dalla conoscenza del profilo dell’imputato Restivo». Quanto alla soglia minima per ottenere un profilo genetico completo, Pascali ha detto, denotando grande confusione, che la sua «è un’affermazione astratta che potrebbe essere considerata un refuso... o di scrittura oppure di copia e incolla preso da altri documenti».

Nelle motivazioni della sentenza spunta anche la convocazione «irrituale» di un incontro tra periti di parte con l’avvocato della famiglia Restivo fatta dallo stesso Pascale, durante il quale il genetista comunicò i risultati delle analisi su un materasso e una federa ritrovati nel sottotetto della chiesa della Trinità da cui estrarre tracce biologiche. In quell’occasione Pascale disse che il Dna ritrovato non era di Restivo (nel frattempo, però, erano in corso altre perizie). Quella riunione fu convocata senza comunicarlo neppure all’allora Pm Volpe.

«Posto che la perizia ormai è stata dichiarata palesemente falsa, come avevamo sostenuto fin dall’inizio - tuona Gildo Claps, fratello di Elisa - ora non resta che rispondere a una domanda che racchiude tanti altri interrogativi: perché? Perché ci sono stati tutti questi silenzi, omissioni e depistaggi? Perché un perito di fama internazionale qual è Pascali mette in atto una perizia falsa? Chi aveva interesse a nascondere la verità su questa vicenda?». Domande che riecheggiano anche sull’altro lato oscuro dell’inchiesta, quello del ritrovamento del cadavere di Elisa. A tal proposito, l’avvocato della famiglia Claps, Giuliana Scarpetta, ha depositato un memoriale al tribunale di Potenza in cui chiede di valutare la possibilità del rinvio a giudizio dei sacerdoti e dell’ex vescovo Superbo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400