Giovedì 20 Settembre 2018 | 00:10

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Basilicata, truffe e mancati controlli

Medicina dello sport
il grande bluff delle visite

Medicina dello sportil grande bluff delle visite

foto d'archivio

MASSIMO BRANCATI

L’ultimo caso in Basilicata ha riguardato un calciatore amatoriale deceduto durante una partita a Vietri di Potenza. Di sport si può anche morire, soprattutto se chi scende in campo non ha il via libera di medici specializzati.
Ad ogni tragedia fa seguito un acceso dibattito sulla necessità di garantire controlli accurati agli sportivi: la legge in materia lascia la responsabilità dell’effettuazione della visita al presidente della società dell’atleta o al presidente del circolo sportivo o della palestra nella quale l’individuo pratica l’attività. Ogni presidente è tenuto ad essere in possesso dei certificati di idoneità di tutti gli atleti, ma molte società sportive o ignorano questo obbligo o lo sottovalutano, non rendendosi conto dell’enorme responsabilità civile e penale che si assumono.

In Basilicata - dove ci sono strutture accreditate in cui sottoporsi ai controlli medici - sta accadendo un fenomeno che preoccupa, quello dell’acquisizione di certificazioni medico sportive di idoneità rese «a domicilio»: si tratta di medici «itineranti», provenienti soprattutto dalla Campania, che effettuano prestazioni negli impianti sportivi frequentati. Si improvvisano laboratori all’interno di garage o locali inadeguati. E capita che gli esami non vengano neppure eseguiti, rilasciando certificazioni fasulle. Quant’anche il check up fosse svolto in maniera regolare, vale la pena ricordare che si tratterebbe comunque di un’operazione da «invalidare». È quanto sottolinea il delegato regionale della Federazione Medico Sportiva Italiana (comitato regionale), Rocco Cantore: «Gli utenti di prestazioni itineranti extraregionali sappiano che un medico specialista accreditato presso regioni limitrofe può rilasciare la certificazione relativa ad attività sportive agonistiche soltanto nella sua struttura accreditata (e cioé nella sua regione e non in Basilicata). Le Regioni accreditano le strutture del medico e non il medico. Pertanto - aggiunge Cantore - è indispensabile l’accreditamento della struttura di quel medico specialista in medicina dello sport da parte della Regione Basilicata». In altre parole, lo sportivo lucano che voglia usufruire di servizi resi da un medico sportivo accreditato presso la Regione Toscana, tanto per fare un esempio, dovrà recarsi presso la sua struttura (presidio) accreditata di Firenze, Pisa o Siena.

Nonostante la visita sia obbligatoria per legge e necessaria per il tesseramento sportivo non tutti gli atleti vengono sottoposti al check up di idoneità. Secondo una recente statistica, in Basilicata l'indice di evasione si attesterebbe intorno al 45%. È su questa percentuale che bisognerebbe lavorare. Ed è sulle società sportive che va fatta un’azione di sensibilizzazione, partendo dal divulgare i riferimenti normativi, nazionali e regionali, che regolano la materia: legge 59/96 della Regione Basilicata («Norme per la tutela sanitaria delle attività sportive»), direttiva 5058 del 1997 (delibera di Giunta regionale), direttiva del 16 aprile 2012 del Dipartimento Salute della Regione, linee guida del Ministero della Salute dell’8 agosto 2014.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Terremoti, gli esperti di tutto il mondo si incontrano a Potenza

Terremoti, gli esperti di tutto il mondo si incontrano a Potenza

 
Agricoltura, pomodori danneggiati: chiesto stato di calamità

Agricoltura, pomodori danneggiati: chiesto stato di calamità

 
Potenza, ponti non antisismici: assolti i vertici Anas

Potenza, ponti non antisismici: assolti i vertici Anas

 
Potenza, tentata concussione: medici del lavoro Asp andranno a processo

Potenza, tentata concussione: medici del lavoro Asp andranno a processo

 
Uccide moglie e si ammazza«Lei era amante della poesia»

Uccide moglie e si ammazza
«Lei era amante della poesia»

 
Tajani agli Stati Generali di FI: «Il reddito di cittadinanza? Una sciocchezza»

Tajani agli Stati Generali di FI: «Il reddito di cittadinanza? Una sciocchezza»

 
Rivello, confermati 6 anni al prete pedofilo: adescava minori on line

Rivello, confermati 6 anni al prete pedofilo: adescava minori on line

 

GDM.TV

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 
Bari, il raduno dei bikers:moto, birra e tanta musica IL VIDEO

Bari, il raduno dei bikers: moto,
birra e tanta musica fino a sera

 
Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

Grave incidente in via Barisano da Trani: motociclista in codice rosso

 

PHOTONEWS