Martedì 25 Giugno 2019 | 01:35

NEWS DALLA SEZIONE

Arrestato
Picerno, minaccia di morte ex moglie e la spinge

Picerno, minaccia di morte ex moglie e la spinge: in manette

 
Cassazione
Melfi, ucciso e fatto pezzi: annullamento bis condanna presunti killer

Melfi, ucciso e fatto pezzi: annullamento bis condanna presunti killer

 
Occupazione
Melfi, Fca annuncia stop produzione in 30 turni. Uilm preoccupata

Melfi, Fca annuncia stop produzione in 30 turni. Uilm preoccupata

 
Ospedale San Carlo
Potenza. allarme a Neonatologia: ci sono solo 5 medici in reparto

Potenza, allarme a Neonatologia: ci sono solo 5 medici in reparto

 
I dati
Basilicata, abusi edilizi in calo: ma va giù solo 1 su 4

Basilicata, abusi edilizi in calo: ma va giù solo 1 su 4

 
Alle 5.50
Potenza, scossa di terremoto di magnitudo 2.9

Potenza, scossa di terremoto di magnitudo 2.9

 
Ambiente
Eolico, il Governo impugna l'ultima legge della Basilicata

Eolico, il Governo impugna l'ultima legge della Basilicata

 
Calcio
Frode sportiva: la finanza nella sede del Bitonto e del Picerno

Combine Bitonto-Picerno: Gdf in sedi società, 8 indagati

 
Maltempo
Potenza, danni del nubifragio rete di scolo sotto accusa

Potenza, danni del nubifragio rete di scolo sotto accusa

 
La nomina
Potenza, Mario Guarente si insedia ufficialmente come sindaco

Potenza, Mario Guarente si insedia ufficialmente come sindaco

 
Udienza a dicembre
Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

Potenza, sfruttavano prostitute (anche una minore): processo per 9

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il tour della Puglia di Antenuccitra cene, amici e calciatori

Il tour della Puglia di Antenucci tra cene, amici e calciatori

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'annuncio
Foggia, ok da Palazzo Chigi a 43 progetti per 280 mln. Conte: lavoro di squadra

Foggia, ok da Palazzo Chigi a 43 progetti per 280 mln. Conte: lavoro di squadra

 
PotenzaArrestato
Picerno, minaccia di morte ex moglie e la spinge

Picerno, minaccia di morte ex moglie e la spinge: in manette

 
GdM.TVIl caso
Polignano, pesce scaduto e congelato: sequestri in due ristoranti

Polignano, pesce scaduto e congelato: sequestri in due ristoranti

 
BrindisiNel Brindisino
Crac partecipata, torna in libertà il sindaco di S.Pietro Vernotico

Crac partecipata, torna in libertà il sindaco di S.Pietro Vernotico

 
TarantoIl caso
Bonifiche, commissario Taranto: «Accordo da 12 mln per 4 Comuni»

Bonifiche, commissario Taranto: «Accordo da 12 mln per 4 Comuni»

 
MateraA Montescaglioso
Matera, cadde mongolfiera e morirono 2 studenti: chieste 4 condanne

Matera, cadde mongolfiera e morirono 2 studenti: chieste 4 condanne

 
LecceOmicidio
Lecce, raptus nella casa di riposo: 72enne uccide un’anziana

Lecce, raptus nella casa di riposo: 72enne uccide anziana nella stanza da letto

 
BatLa manifestazione
Trani, cane trascinato dall’auto: gli animalisti all’attacco

Trani, cane trascinato dall’auto: gli animalisti all’attacco

 

i più letti

La scomparsa di Vito Pinto

Lupara bianca nel melfese
quell'incontro di 21 anni fa

Nel giorno della sparizione Domenico Bevilacqua incontrò i Cassotta: poi scomparve anche lui

Lupara bianca nel melfesequell'incontro di 21 anni fa

Domenico Bevilacqua s’incontrò con i fratelli Cassotta durante le ricerche di Vito Pinto lo stesso giorno in cui del giovane di Melfi si sono perse le tracce. Qualche tempo dopo scompare anche lui.
La coincidenza è ricostruita nell’ultimo decreto di archiviazione dell’inchiesta sulla scomparsa del giovane di Melfi. Ma i due casi non sono mai stati messi in relazione. Vito è stato ucciso esattamente 21 anni fa, il 29 agosto, all’età di 20 anni. La sua famiglia - che non si è mai rassegnata - non ha ancora una lapide su cui appoggiare un fiore. Perché il suo corpo, con molta probabilità, è stato distrutto. Le inchieste, basate sulle dichiarazioni di collaboratori di giustizia, sono finite presto in archivio. Ma è da questo particolare che si può ripartire. Da quell’incontro, mai approfondito, tra i fratelli Cassotta e Bevilacqua. Il caso è finito in archivio perché «non c’erano elementi sufficienti a portare gli indagati a giudizio». Ma l’ultima richiesta di archiviazione contiene il particolare mai approfondito: un incontro a metà strada - tra Rionero e Melfi - tra i fratelli Cassotta che cercavano Vito. Ecco la ricostruzione fatta dalla Procura antimafia - ha coordinato l’inchiesta il procuratore aggiunto Francesco Basentini - nel documento con cui viene chiesta l’archiviazione: «Il giovane Pinto si era incontrato con Gerardo Perretta (testimone) e Marco Ugo Cassotta (un boss, secondo i magistrati, ucciso nella faida del Vulture nel 2007). Tutti e tre - si legge nel documento giudiziario - secondo quanto dichiarato dallo stesso Perretta agli investigatori, erano andati insieme a Rionero. Lì Perretta aveva lasciato Marco Ugo Cassotta nelle vicinanze dell’autolavaggio gestito dai suoi fratelli, mentre Pinto, su sua richiesta, era stato accompagnato al bar Bagatto con l’intesa che dopo mezz’ora doveva essere ripreso e accompagnato nuovamente a Melfi». Spiega il pm: «Perretta all’orario concordato tornò al bar e constatò l’assenza di Pinto». Probabilmente il giovane era già morto. All’epoca gli investigatori sentirono Marco Cassotta che nel primo interrogatorio confermò la versione di Perretta. Convocato di nuovo però ammise di essere stato presente quando Perretta tornò al bar per riprendere Pinto. «Perretta - scrive il pm Basentini - nel corso della nuova escussione evidenzia come unico nuovo particolare quello relativo all’incontro di Massimo Aldo Cassotta che aveva fatto lungo il tragitto di ritorno da Rionero a Melfi. In sostanza, secondo quanto rappresentato da Perretta, lui sarebbe tornato al bar Bagatto per riprendere Pinto. Non avendolo trovato si sarebbe allontanato dal bar per andare all’autolavaggio dove avrebbe preso Marco Cassotta per riaccompagnarlo a Melfi. Proprio lungo il tragitto Perretta e Marco Cassotta avrebbero incontrato Massimo Cassotta e un tale Domenico (che per il pm è Domenico Bevilacqua), che erano sul punto di raggiungere Rionero». Cosa si sono detti i quattro durante quell’incontro? E perché la morte di Bevilacqua - della quale per i giornalisti non ci sono al momento notizie facilmente reperibili - non è mai stata messa in relazione con la scomparsa di Pinto? È da queste domande che potrebbe ripartire l’inchiesta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie