Giovedì 06 Agosto 2020 | 11:46

NEWS DALLA SEZIONE

L'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
SANITÀ
La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

La testa degli ospedali a Potenza, ma l'Asl l'unica farà capo a Matera

 
In Basilicata
Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

Tempa Rossa, domani test sulle valvole di sicurezza

 
INFRASTRUTTURE
Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

Genzano di Lucania, distretto G: al via lavori da 50 milioni

 
maltempo
Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

Potenza, bomba d'acqua sulla città: si allaga un supermercato

 
UNIVERSITÀ

Unibas, facoltà di Medicina: ora studiano gli aspiranti rettori

 
IL CASO

I familiari del centauro morto a Melfi: il manager Kawasaki va processato

 
Automobilismo
Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

Melfi, va al campano Salvatore Venanzio il primo slalom nazionale del Vulture

 
la scoperta
Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

Potenza, un bazar della droga nel centro d'accoglienza: arrestato 38enne nigeriano

 
Tragedia
Vinovo, guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna e si toglie la vita

Guardia giurata di Vietri di Potenza uccide la compagna in Piemonte e si toglie la vita

 
L'INVENZIONE
Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

Potenza, mascherina e disinfettante tutto a portata di borsetta

 

Il Biancorosso

serie c
Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

Bari, quanta folla agli arrivi: centrocampo da ridisegnare

 

NEWS DALLE PROVINCE

Barila scoperta
Gioia del Colle, truffa aggravata per conseguire 420mila euro di finanziamenti pubblici: nei guai 2 imprenditori

Gioia del Colle, truffa aggravata per conseguire 420mila euro di finanziamenti pubblici: nei guai 2 imprenditori

 
BrindisiLA TRAGEDIA
Brindisi, in fin di vita al Perrino l'uomo ustionato dalla moglie

Brindisi, in fin di vita al Perrino l'uomo ustionato dalla moglie

 
TarantoLe nuove professioni
Taranto, firmato protocollo per formare i «manager» del turismo del mare

Taranto, firmato protocollo per formare i «manager» del turismo del mare

 
MateraAllarme covid 19
Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

Ferrandina, altri 10 migranti in fuga dal centro di accoglienza: hanno violato la quarantena

 
PotenzaL'ufficialità
Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

Nasce la prima facoltà di Medicina in Basilicata: firmato l'accordo. Bardi: «Traguardo storico»

 
LecceIl caso
È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

È ufficiale: l'animale che si aggirava sulle spiagge del Salento è un lupo

 
FoggiaL'iniziativa
Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

Braccianti morti a Foggia: un'opera per ricordare le vittime del caporalato

 
BatIl caso
Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

Covid 19, anziana torna positiva in Rsa di Andria: tutti negativi i dipendenti

 

i più letti

La scomparsa di Vito Pinto

Lupara bianca nel melfese
quell'incontro di 21 anni fa

Nel giorno della sparizione Domenico Bevilacqua incontrò i Cassotta: poi scomparve anche lui

Lupara bianca nel melfesequell'incontro di 21 anni fa

Domenico Bevilacqua s’incontrò con i fratelli Cassotta durante le ricerche di Vito Pinto lo stesso giorno in cui del giovane di Melfi si sono perse le tracce. Qualche tempo dopo scompare anche lui.
La coincidenza è ricostruita nell’ultimo decreto di archiviazione dell’inchiesta sulla scomparsa del giovane di Melfi. Ma i due casi non sono mai stati messi in relazione. Vito è stato ucciso esattamente 21 anni fa, il 29 agosto, all’età di 20 anni. La sua famiglia - che non si è mai rassegnata - non ha ancora una lapide su cui appoggiare un fiore. Perché il suo corpo, con molta probabilità, è stato distrutto. Le inchieste, basate sulle dichiarazioni di collaboratori di giustizia, sono finite presto in archivio. Ma è da questo particolare che si può ripartire. Da quell’incontro, mai approfondito, tra i fratelli Cassotta e Bevilacqua. Il caso è finito in archivio perché «non c’erano elementi sufficienti a portare gli indagati a giudizio». Ma l’ultima richiesta di archiviazione contiene il particolare mai approfondito: un incontro a metà strada - tra Rionero e Melfi - tra i fratelli Cassotta che cercavano Vito. Ecco la ricostruzione fatta dalla Procura antimafia - ha coordinato l’inchiesta il procuratore aggiunto Francesco Basentini - nel documento con cui viene chiesta l’archiviazione: «Il giovane Pinto si era incontrato con Gerardo Perretta (testimone) e Marco Ugo Cassotta (un boss, secondo i magistrati, ucciso nella faida del Vulture nel 2007). Tutti e tre - si legge nel documento giudiziario - secondo quanto dichiarato dallo stesso Perretta agli investigatori, erano andati insieme a Rionero. Lì Perretta aveva lasciato Marco Ugo Cassotta nelle vicinanze dell’autolavaggio gestito dai suoi fratelli, mentre Pinto, su sua richiesta, era stato accompagnato al bar Bagatto con l’intesa che dopo mezz’ora doveva essere ripreso e accompagnato nuovamente a Melfi». Spiega il pm: «Perretta all’orario concordato tornò al bar e constatò l’assenza di Pinto». Probabilmente il giovane era già morto. All’epoca gli investigatori sentirono Marco Cassotta che nel primo interrogatorio confermò la versione di Perretta. Convocato di nuovo però ammise di essere stato presente quando Perretta tornò al bar per riprendere Pinto. «Perretta - scrive il pm Basentini - nel corso della nuova escussione evidenzia come unico nuovo particolare quello relativo all’incontro di Massimo Aldo Cassotta che aveva fatto lungo il tragitto di ritorno da Rionero a Melfi. In sostanza, secondo quanto rappresentato da Perretta, lui sarebbe tornato al bar Bagatto per riprendere Pinto. Non avendolo trovato si sarebbe allontanato dal bar per andare all’autolavaggio dove avrebbe preso Marco Cassotta per riaccompagnarlo a Melfi. Proprio lungo il tragitto Perretta e Marco Cassotta avrebbero incontrato Massimo Cassotta e un tale Domenico (che per il pm è Domenico Bevilacqua), che erano sul punto di raggiungere Rionero». Cosa si sono detti i quattro durante quell’incontro? E perché la morte di Bevilacqua - della quale per i giornalisti non ci sono al momento notizie facilmente reperibili - non è mai stata messa in relazione con la scomparsa di Pinto? È da queste domande che potrebbe ripartire l’inchiesta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie