Lunedì 12 Aprile 2021 | 00:45

NEWS DALLA SEZIONE

Industria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
Il virus
Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

Covid, il grido d'allarme del carcere di Melfi: 57 positivi, situazione grave

 
Il commento
La troika lucana contro la pandemia

La troika lucana contro la pandemia

 
Emergenza carceri
Covid, terzo detenuto da Melfi in attesa di essere ricoverato al San Carlo di Potenza

Covid, terzo detenuto da Melfi ricoverato a Malattie Infettive al San Carlo di Potenza

 
L'inaugurazione
Ospedale di Pescopagano, inaugurati i reparti di riabilitazione e lungodegenza

Ospedale di Pescopagano, inaugurati i reparti di riabilitazione e lungodegenza

 
Covid
Basilicata arancione Bardi: «Ma abbiamo numeri da zona gialla»

Basilicata diventa arancione, Bardi: «Ma abbiamo numeri da zona gialla»

 
Controlli dei CC
Potenza, controlli antidroga: 12 persone denunciate

Potenza, controlli antidroga: 12 persone denunciate

 
dati regionali
Covid in Basilicata, cresce curva contagi (+212) e tasso di positività (12%): altri 4 morti

Covid in Basilicata, cresce curva contagi (+212) e tasso di positività (12%): altri 4 morti. Vaccini ai caregiver

 
Agricoltura
Basilicata, aumentano del 12% imprese agricole condotte da giovani

Basilicata, aumentano del 12% imprese agricole condotte da giovani

 
trasporti
Basilicata, mobilità turistica: ipotesi treni speciali per il periodo estivo

Basilicata, mobilità turistica: ipotesi treni speciali per il periodo estivo

 

Il Biancorosso

Il punto
Bari, Carrera a modo suo: «Non tutto da buttare»

Bari, Carrera a modo suo: «Non tutto da buttare»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Homeultim'ora
Bari, morto il boss Giuseppe Mercante

Bari, è morto il boss Giuseppe Mercante: conosciuto come «Pinuccio u' drogat»

 
PotenzaIndustria
Stellantis «minaccia» la Basilicata

Stellantis «minaccia» la Basilicata

 
BrindisiNel Brindisino
Torre Canne, la spiaggia è sempre più accessibile e alla portata di tutti

Torre Canne, la spiaggia è sempre più accessibile e alla portata di tutti

 
TarantoNel Tarantino
Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

Palagianello, lo zio «orco» la tiene incatenata in casa e prova a darle fuoco: in carcere

 
HomeIncidente mortale
Tragedia a Nardò, scontro tra 3 auto: due morti e 4 feriti

Tragedia a Nardò, scontro fra tre auto: morta 75enne, quattro feriti gravi FOTO

 
MateraIl caso
Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

Policoro, paziente positivo al pronto soccorso: chiuso per sanificazione

 
FoggiaIl caso nel Foggiano
Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

Apricena, sottrae 40mila euro a due fratelli disabili: indagato parroco

 
BatNella Bat
Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

Bisceglie, bombe danneggiarono ben 7 auto parcheggiate: 2 arresti

 

i più letti

la sentenza

Potenza, omicidio Cassotta: assolto il 43enne Prota. Delitto senza colpevole

La decisione è della Corte di appello di Salerno. Un coimputato di Prota era già stato assolto in primo grado

aula di tribunale

RIONERO IN VULTURE - La Corte di appello di Salerno ha assolto stamani Donato Prota, di 43 anni, rimasto unico imputato dell’omicidio di Bruno Augusto Cassotta, ucciso a Rionero in Vulture (Potenza) il primo ottobre 2008 con 12 colpi di arma da fuoco.

Lo si è appreso a Potenza dal difensore di Prota, l’avvocato Giuseppe Colucci. Prota era stato assolto già in primo grado: venne però condannato all’ergastolo in secondo grado. La sentenza fu annullata e il processo rifatto, a Salerno: l'imputato fu condannato a trent'anni di reclusione ma anche questa sentenza fu annullata dalla Corte di Cassazione, come nel primo caso. Oggi è stata emessa la nuova sentenza di assoluzione.

Un coimputato di Prota era già stato assolto in primo grado (e la sentenza confermata in appello). Anche i presunti mandanti del delitto - che ora è rimasto senza responsabili - sono stati assolti. 

La verità su Tita
«Ammazzato 
per uno sgarro»

di FABIO AMENDOLARA
POTENZA - L’hanno giustiziato perché si era fatto rimettere a nuovo la macelleria da un’impresa che lavorava sulla strada tra Ruvo del Monte e Calitri. Quell’impresa pagava già il «pizzo» al clan Delli Gatti che, a quel punto, ha dovuto garantire la protezione promessa. Uno sgarro. È per questo motivo che - secondo il killer pentito della mala del Vulture Alessandro D’Amato - Domenico Tita, macellaio di Ruvo del Monte, è stato condannato a morte nel 1991. Le dichiarazioni del pentito hanno riaperto l’inchiesta sull’omicidio di mafia avvenuto ad Atella il 26 febbraio del 1991
• Gli spararono alla schiena

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie