Giovedì 27 Febbraio 2020 | 09:32

NEWS DALLA SEZIONE

Maltempo
Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

 
il furto
Potenza, ruba oggetti sacri in chiesa, arrestato 36enne

Potenza, ruba oggetti sacri in chiesa, arrestato 39enne

 
L'incontro
Basilicata, emergenza Coronavirus, domani riunione straordinaria del consiglio regionale

Basilicata, emergenza Coronavirus, domani riunione straordinaria del consiglio regionale

 
L'emergenza
Coronavirus, scanner termico all'Università della Basilicata

Coronavirus, scanner termico all'Università della Basilicata

 
A Muro lucano
Potenza, imprenditore e figlio scoperti a rubare legname: arrestati

Potenza, imprenditore e figlio scoperti a rubare legname: arrestati

 
Il caso
Coronavirus: da Milano a Potenza, allontanato avvocato dal Tribunale

Coronavirus: da Milano a Potenza, allontanato avvocato dal Tribunale

 
monica imperiale
Potenza città dello sport 2021. Da cestista a buttafuori: «Ecco i valori dello sport»

Potenza città dello sport 2021. Da cestista a buttafuori: «Ecco i valori dello sport»

 
La polemica
Maratea, no al «parco marino»: il Comune ammaina le 5 vele

Maratea, no al «parco marino»: il Comune ammaina le 5 vele

 
La polemica
Le dichiarazioni di Bardi: «Quarantena solo per i lucani»

Le dichiarazioni di Bardi: «Quarantena solo per i lucani»

 
Il caso
Mafia, blitz dei carabinieri contro traffico di droga in Basilicata: 16 fermi

Mafia, blitz dei carabinieri contro traffico di droga in Basilicata: 16 fermi. Torture per estorcere denaro

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari, 2-2 a Terni. Pareggio amaro: la Reggina se ne va, il Monopoli si avvicina

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaMaltempo
Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

Forti raffiche di vento a Potenza: divelti pali della luce e alberi sradicati

 
HomeIl virus
Il Coronavirus arriva in Puglia, un caso positivo a Taranto: tornato da poco da Codogno

Il Coronavirus arriva in Puglia, caso positivo a Taranto: 33enne di Torricella tornato in aereo lunedì da Codogno.
Al Moscati isolato pronto soccorso. Scuole chiuse

 
BatL'incidente mortale
Trinitapoli, auto finisce fuori strada sulla S 16: morta 56enne

Trinitapoli, scontro tra due auto, una finisce fuori strada sulla SS16: morta 56enne

 
BrindisiLa curiosità
Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la carta dai funghi

Ceglie Messapica, ecco la ricercatrice che ricava la pelle dai funghi

 
LecceIsolato a Codogno
La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

La testimonianza: «Io, medico di Novoli contagiato dal Coronavirus»

 
MateraIl recupero
Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

Matera, ritrovato senza vita nella Gravina il corpo di Giovanni Montesano

 

Legambiente

Eco-reati in Basilicata: dietro non c'è la mafia, ma le aziende

La Basilicata al quindicesimo posto, ma crescono i reati sui rifiuti

Eco-reati in Basilicata: dietro non c'è la mafia, ma le aziende

POTENZA - In Basilicata dietro ai reati contro l’ambiente non si cela il volto della criminalità organizzata ma quello, per certi versi più subdolo e inquietante, delle grandi imprese. Manager in doppio petto che attraverso i crimini ambientali perseguono l’obiettivo di un illecito arricchimento. Questo il quadro tracciato dal comandante del Noe di Basilicata, il maggiore Luigi Vaglio, nel corso della presentazione del rapporto sulle Ecomafie 2019 di Legambiente, che si è tenuta ieri pomeriggio a Potenza nella sede di Scambiologico.

«La Basilicata - ha spiegato il maggiore Vaglio - dal punto di vista ambientale è una regione ricca di risorse ma anche di criticità. A differenza delle regioni contermini, anche se non vi sono fenomeni di criminalità organizzata che investono sull’ambiente ci sono altre organizzazioni che hanno operato e che operano in danno del territorio. I delitti contro l’ambiente sono soprattutto delitti d’impresa, lo dicono le nostre indagini. Dalla famosa indagine sullo sversamento di petrolio in Val d’Agri, che è a dibattimento, all’attività sul ciclo dei rifiuti solidi urbani a Potenza, dove c’è già la sentenza di primo grado. Proprio nel settore dei rifiuti ci sono enormi interessi economici». Secondo quanto appurato dal Noe negli ultimi dieci anni di attività, in Basilicata i crimini contro l’ambiente «coinvolgono realtà imprenditoriali di primissimo piano a livello regionale, nazionale ed internazionale. I delitti ambientali, soprattutto i più gravi, sono crimini d’impresa, che comprendono un dolo specifico, che è la volontà di arricchirsi o lucrando direttamente o grazie ad un mancato esborso. Un esempio del primo caso è quello di un impianto che produceva compost, in territorio calabrese, ai confini con la Basilicata e che non rispettava le specifiche tanto che al suo interno vi erano lamette da barba, pile esauste ed altro ancora. Materiale che veniva sversato sui campi nella zona del Lagonegrese. La nostra esperienza ci dice che gli eco reati introdotti dalla legge 68 del 2015 hanno trovato applicazione in regione, soprattutto l’inquinamento ambientale e il disastro ambientale, quest’ultimo ad esempio nel caso della contaminazione delle falde a Viggiano causate dalla perdita di petrolio dell’impianto Eni. Abbiamo avuto anche qualche caso di reato di impedimenti al controllo ambientale, sotto forma di elusione o attestando situazioni non vere».

Ma quali sono le nuove frontiere degli illeciti ambientali in Basilicata, dove si stanno indirizzando le indagini del Noe? «Nel campo dei rifiuti - ha spiegato il maggiore Vaglio - è necessario attenzionare anche altri operatori economici che gestiscono rifiuti, come i cementifici, oppure i cosiddetti ripristini ambientali, come cave dismesse che vengono usate per tombare rifiuti sottratti alla filiera legale del ciclo, come accadde alcuni anni fa a Tursi e a Pisticci, con il tombamento nel Fosso della Lavandaia di fusti contenenti morchia di verniciatura provenienti dal Veneto. Ma ci sono anche delle deviazioni del sistema anche nel ciclo legale dei rifiuti come nel caso dei rifiuti solidi urbani della provincia di Potenza dove era stato operato un declassamento che consentiva lo smaltimento in alcune discariche che non erano autorizzate a smaltire quel tipo di rifiuti. C’è poi il settore delle energie alternative su cui ci stiamo concentrando fotovoltaico ed eolico. Anche in questo caso ci sono grosso interessi economici. La nostra attenzione è rivolta sia al fine vita dei materiali che vengono utilizzati sia ai flussi finanziari che interessano il settore».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie