Venerdì 04 Dicembre 2020 | 15:16

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Potentino
Non solo Covid: da Senise storia di Nicola, colpito da un virus che ha 3 casi al mondo

Non solo Covid: da Senise storia di Nicola, colpito da un virus che ha 3 casi al mondo

 
maltempo
Potenza, voragine in centro: sprofonda pensilina

Potenza, voragine in centro: sprofonda pensilina

 
scuola
Basilicata, ordinanza prorogata: elementari e medie in aula il 9 dicembre

Basilicata, ordinanza prorogata: elementari e medie in aula il 9 dicembre

 
Controlli dei CC
Potenza, nasconde droga nel codino dei capelli: pusher 33enne nei guai

Potenza, nasconde droga nel codino dei capelli: pusher 33enne nei guai

 
A Potenza
Cura con anticorpi monoclonali, sperimentazione al «San Carlo»

Cura con anticorpi monoclonali, sperimentazione al «San Carlo»

 
Nel Potentino
Marsicovetere, impose alla ditta un'assunzione: condannato ex sindaco Cantiani

Marsicovetere, impose alla ditta un'assunzione: condannato ex sindaco Cantiani

 
Concussione
Potenza, si fa dare denaro e regali: arrestato carabiniere forestale

Potenza, si fa dare denaro e regali: arrestato carabiniere forestale. In manette anche funzionario Ente Parco

 
a episcopia
Incendio in casa, forse per colpa di una stufa: muore 61enne nel Potentino

Incendio in casa, forse per colpa di una stufa: muore 61enne nel Potentino

 
Avigliano
Arriva a Natale la China China Laguardia, che piaceva a Emanuele Gianturco

Arriva a Natale la China China Laguardia, che piaceva a Emanuele Gianturco

 
La classifica
Qualità della vita in Italia, Potenza è 41esima: il plauso di Salvini

Qualità della vita in Italia, Potenza è 41esima: il plauso di Salvini

 

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, uomini contati nel reparto difensivo: Celiento è la certezza

Bari, uomini contati nel reparto difensivo: Celiento è la certezza

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoControlli
Taranto, in 20 in un circolo a mangiare e bere senza mascherina: sanzioni

Taranto, in 20 in un circolo a mangiare e bere senza mascherina: sanzioni

 
PotenzaNel Potentino
Non solo Covid: da Senise storia di Nicola, colpito da un virus che ha 3 casi al mondo

Non solo Covid: da Senise storia di Nicola, colpito da un virus che ha 3 casi al mondo

 
LecceNel Salento
Maltempo, tromba d'aria in zona industriale Soleto-Galatina: danni ad aziende

Maltempo, tromba d'aria in zona industriale Soleto-Galatina: danni ad aziende. A Noci mucche uccise da fulmine

 
Brindisinel Brindisino
Oria, nasce il «teatro da asporto»: gli spettacoli arrivano sotto casa

Oria, nasce il «teatro da asporto»: gli spettacoli arrivano sotto casa

 
BariOspedale Covid
Acquaviva, l'ospedale Miulli diventa set di una fiction: scoppia la polemica

Acquaviva, l'ospedale Miulli diventa set di una fiction: scoppia la polemica

 
BatLa decisione
Trani, contributi-Covid ai cittadini: 429mila euro con i buoni spesa

Trani, contributi-Covid ai cittadini: 429mila euro con i buoni spesa

 
FoggiaGuardia di Finanza
Vendevano gasolio illegalmente: scoperti 2 depositi nel Foggiano, 7mila litri sequestrati

Vendevano gasolio illegalmente: scoperti 2 depositi nel Foggiano, 7mila litri sequestrati

 
MateraL'operazione
Sfruttamento prostituzione, sgominata a Matera banda italo-cinese: 4 arresti

Facevano prostituire donne cinesi, sgominata banda a Matera: 4 arresti VD

 

i più letti

Legambiente

Eco-reati in Basilicata: dietro non c'è la mafia, ma le aziende

La Basilicata al quindicesimo posto, ma crescono i reati sui rifiuti

Eco-reati in Basilicata: dietro non c'è la mafia, ma le aziende

POTENZA - In Basilicata dietro ai reati contro l’ambiente non si cela il volto della criminalità organizzata ma quello, per certi versi più subdolo e inquietante, delle grandi imprese. Manager in doppio petto che attraverso i crimini ambientali perseguono l’obiettivo di un illecito arricchimento. Questo il quadro tracciato dal comandante del Noe di Basilicata, il maggiore Luigi Vaglio, nel corso della presentazione del rapporto sulle Ecomafie 2019 di Legambiente, che si è tenuta ieri pomeriggio a Potenza nella sede di Scambiologico.

«La Basilicata - ha spiegato il maggiore Vaglio - dal punto di vista ambientale è una regione ricca di risorse ma anche di criticità. A differenza delle regioni contermini, anche se non vi sono fenomeni di criminalità organizzata che investono sull’ambiente ci sono altre organizzazioni che hanno operato e che operano in danno del territorio. I delitti contro l’ambiente sono soprattutto delitti d’impresa, lo dicono le nostre indagini. Dalla famosa indagine sullo sversamento di petrolio in Val d’Agri, che è a dibattimento, all’attività sul ciclo dei rifiuti solidi urbani a Potenza, dove c’è già la sentenza di primo grado. Proprio nel settore dei rifiuti ci sono enormi interessi economici». Secondo quanto appurato dal Noe negli ultimi dieci anni di attività, in Basilicata i crimini contro l’ambiente «coinvolgono realtà imprenditoriali di primissimo piano a livello regionale, nazionale ed internazionale. I delitti ambientali, soprattutto i più gravi, sono crimini d’impresa, che comprendono un dolo specifico, che è la volontà di arricchirsi o lucrando direttamente o grazie ad un mancato esborso. Un esempio del primo caso è quello di un impianto che produceva compost, in territorio calabrese, ai confini con la Basilicata e che non rispettava le specifiche tanto che al suo interno vi erano lamette da barba, pile esauste ed altro ancora. Materiale che veniva sversato sui campi nella zona del Lagonegrese. La nostra esperienza ci dice che gli eco reati introdotti dalla legge 68 del 2015 hanno trovato applicazione in regione, soprattutto l’inquinamento ambientale e il disastro ambientale, quest’ultimo ad esempio nel caso della contaminazione delle falde a Viggiano causate dalla perdita di petrolio dell’impianto Eni. Abbiamo avuto anche qualche caso di reato di impedimenti al controllo ambientale, sotto forma di elusione o attestando situazioni non vere».

Ma quali sono le nuove frontiere degli illeciti ambientali in Basilicata, dove si stanno indirizzando le indagini del Noe? «Nel campo dei rifiuti - ha spiegato il maggiore Vaglio - è necessario attenzionare anche altri operatori economici che gestiscono rifiuti, come i cementifici, oppure i cosiddetti ripristini ambientali, come cave dismesse che vengono usate per tombare rifiuti sottratti alla filiera legale del ciclo, come accadde alcuni anni fa a Tursi e a Pisticci, con il tombamento nel Fosso della Lavandaia di fusti contenenti morchia di verniciatura provenienti dal Veneto. Ma ci sono anche delle deviazioni del sistema anche nel ciclo legale dei rifiuti come nel caso dei rifiuti solidi urbani della provincia di Potenza dove era stato operato un declassamento che consentiva lo smaltimento in alcune discariche che non erano autorizzate a smaltire quel tipo di rifiuti. C’è poi il settore delle energie alternative su cui ci stiamo concentrando fotovoltaico ed eolico. Anche in questo caso ci sono grosso interessi economici. La nostra attenzione è rivolta sia al fine vita dei materiali che vengono utilizzati sia ai flussi finanziari che interessano il settore».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie