Martedì 11 Agosto 2020 | 23:59

NEWS DALLA SEZIONE

POLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 
l'iniziativa del comune
Offerta ai turisti del Pollino. Dormi 2 notti, ne paghi una

Rotonda, offerta ai turisti nel Pollino: dormi 2 notti, ne paghi una

 
LA TRAGEDIA nel potentino
Donna muore a Rionero investita dal suo furgone

Donna muore a Rionero in Vulture investita dal suo furgone

 
Contagi
Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

Basilicata, un nuovo caso di Covid a Calvello: è una donna tornata dalla Lombardia

 
Il caso
Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

Potenza, Giuseppe Spera nominato nuovo commissario del San Carlo

 
L'INTERVISTA
«Per uscire dalla crisi serve la verità»

Potenza, «Per uscire dalla crisi serve la verità»: la Chiesa suona la sveglia alla Basilicata

 
bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

Coronavirus in Basilicata, 0 contagi su 273 tamponi nelle ultime 24 h

 
fase 3
Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

 
Il caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
SERIE C
Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

Potenza, sarà rivoluzione. Squadra da rifondare per aprire un nuovo ciclo

 
la denuncia
Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto ormai livello di guardia»

Coronavirus migranti in Basilicata, Bardi: «Situazione ha raggiunto livello di guardia»

 

Il Biancorosso

LEGA PRO
Fatti il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

Fatto il Napoli, tocca al Bari. Vivarini più fuori che dentro

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeVerso il voto
Regionali 2020, Elena Gentile probabile candidata a Lecce

Regionali 2020, Elena Gentile probabile candidata a Lecce

 
TarantoIn ospedale
Sanità, Asl Taranto potenzia il Cup: ridotti i tempi d'attesa

Sanità, Asl Taranto potenzia il Cup: ridotti i tempi d'attesa

 
MateraLa scoperta
Montescaglioso, uomo trovato morto in un uliveto dopo un incendio

Montescaglioso, uomo trovato morto in un uliveto dopo un incendio

 
BariLa denuncia
Regionali 2020, candidato Lega a Bari: «Un balordo mi ha devastato sede del comitato»

Regionali 2020, candidato Lega a Bari: «Un balordo mi ha devastato sede del comitato»

 
FoggiaLe misure anticontagio
Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

Covid 19, troppi focolai a Cerignola: scatta obbligo di mascherina anche all'aperto

 
Batnella Bat
Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

Spinazzola, braccianti sfruttati a 3,80 euro all'ora: 3 arresti in un'azienda

 
PotenzaPOLITICA
Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

Basilicata, si spacca la Lega: chiesta espulsione di Zullino

 

i più letti

Allarme analfabetismo digitale

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

La Regione è «maglia nera» d’Italia secondo i dati Istat. Ma il resto della società procede

innovazione economia digitale

POTENZA - Allarme analfabetismo digitale. La Basilicata un tempo con i migliori indici per la diffusione di computer e utilizzo della rete, la regione che si spinge sempre più avanti, in linea con il Paese e con l’Europa, sulla digitalizzazione dei servizi, deve fare i conti con la più alta percentuale di Italia di persone che dicono di non usare internet perché non lo sanno usare. Sono numeri assolutamente non marginali, più di due famiglie ogni dieci, esattamente il 21,71% delle famiglie lucane, che si trovano, ad esempio nella condizione di impossibilità di effettuare l’iscrizione del proprio figlio a scuola (operazione ordinariamente fatta per via digitale) perché nessuno in casa sa usare internet.
L’allarme emerge tra le righe del rapporto Istat su cittadini, imprese e tecnologie informatiche pubblicato la scorsa settimana e basato su dati freschissimi, quelli del 2018. E nel descrivere un Paese in larga parte «connesso» mostra significative sacche di resistenza a questa innovazione su cui riflettere, anche per evitare che la cittadinanza digitale si sviluppi lasciando dei «ghetti» di esclusi.

L’accesso a internet In Basilicata dispone di un accesso a internet il 68,8 per cento delle famiglie. Il dato regionale è più basso di quello nazionale di 6,3 punti (la media è 75,1) siamo quartultimi, ma il valore non è molto dissimile da quello medio del Sud che fa registrare un 69,8%. Nel dettaglio, la distanza si riduce considerando la sola banda larga (Basilicata 68,4%, Italia 73,7) ma aumenta considerando le connessioni a banda larga fisse (da noi il 45,1 a livello Paese il 53,8), ma tutto sommato il 34,1% di famiglie lucane in possesso di banda larga mobile riequilibrano la situazione (a livello nazionale è il 36,9).

Chi non naviga e perché E siamo all’altra faccia della medaglia. Il 31,2 per cento delle famiglie lucane non ha accesso a internet (a livello nazionale il 24,7). E quando s i va a chiedere il perché, la risposta prevalente, data dal 69,6 per cento delle famiglie lucane prive di connessione, è che «Nessuno sa usare internet». Ovviamente si tratta di una percentuale di una percentuale, ma in totale porta al 21,71 per cento del totale. In Italia in questa condizione ci sono il 14,37 delle famiglie, cioè da noi il problema è grande una volta e mezzo quello nazionale che, nella differenziazioni delle altre regioni, spazia dal 9,23% del trentino al 19,83 della Calabria.

Una netta divisione La realtà, quindi sembra spaccarsi in due. Anche perché per il resto d le mondo, quello che internet lo conosce, il fenomeno è in crescita anche da noi: il 64,1% dei lucani (in questo caso parliamo di persone non famiglie) usa internet (dato nazionale 68,5%), il 48,8 lo fa tutti i giorni (nazionale 52,1%) e anche tra quel 33,7% che dichiara di non usarlo (nazionale 30,6) mai c’è chi può contare su un familiare che, in caso di necessità, lo fa al posto suo. E così si sviluppa un mondo nuovo. Il 55,5 per cento dei lucani, ad esempio, ordina in internet merci o servizi (il dato nazionale del 55,9 è analogo) il 29,8 lo ha fatto negli ultimi 3 mesi (34% nazionale) e ancora il 10,5 degli internauti lucani hanno venduto merci o servizi su internet (a livello nazionale il dato è del 10,8%) e il 37,5% ha usato servizi di pagamento (39,2). Pionieri si sono affacciati anche nelle operazioni finanziare on line (da noi il 4,7% a livello nazionale il 10,1) o usare i servizi bancari web (qui il 37,7 nel Paese il 44,6). È chiaro che il mondo va avanti e con diverse velocità ci si adegua. Non così per oltre il 21% dei lucani. Che da questo incedere dei tempi è tagliato fuori. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie