Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 22:50

NEWS DALLA SEZIONE

Verso le elezioni
Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

 
Elezioni
Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

Regionali, Basilicata al voto il 24 marzo: firmato il decreto

 
Allarme analfabetismo digitale
Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

 
A Lauria
In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

 
Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 
La decisione del Tribunale
Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

Elezioni in Basilicata, Tar accoglie ricorso M5S: «Non si voterà a maggio»

 
Giustizia e ambiente
Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

Potenza, Petrolgate uno scudo contro la prescrizione

 

Il provvedimento

Incarichi non autorizzati: docente deve 15mila euro a Unibas

La docente, della Facoltà di Scienze Agrarie, lavorò per Eni

Università, per Sole 24 oreUnibas è al 44esimo posto

La docente della Facoltà di Scienze Agrarie e Forestali dell’Università di Basilicata Simonetta Fascetti è stata condannata pagare alla stessa Università circa 30mila euro frutto di 11 incarichi esterni all’ateneo svolti senza la preventiva autorizzazione dell’amministrazione. Una condanna, per così dire, in due tempi perché dopo che l’amministrazione, a seguito i una verifica campione effettuata dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, nel 2008, aveva ingiunto, come da norme, il versamento dei proventi all’amministrazione e poi, nel 2010, disposto il prelievo forzoso dallo stipendio la Prof aveva ricorso al Tar che, nel 2011, aveva confermato il provvedimento di prelievo in parte, escludendolo per la somma di 15.493,71 euro (ossia 30 milioni di lire del 2008) ricevute dalla Fascetti per l'incarico di studio per la redazione della Carta della vegetazione per l'Osservatorio Ambientale della Val d'Agri, conferito da Eni . il 23 gennaio 1998 e liquidato il 31 marzo 1998 che sarebbe caduto in prescrizione.


I giudici avevano però rigettato una richiesta di inammissibilità del ricorso presentata dall’Università, secondo cui l’impugnazione della docente era tardiva perché andava fatta nei 60 giorni dal provvedimento ingiuntivo del 2008 mentre venne presentato nel 2010. Un’eccezione respinta in primo grado (sulla scia di quella che i giudici di secondo grado hanno ritenuto una erronea qualificazione dell’atto impugnato) e invece ora accolto con la conseguente condanna a pagare all’università anche i rimanenti 15mila e passa euro avuti dall’Eni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400