Lunedì 27 Maggio 2019 | 11:03

NEWS DALLA SEZIONE

Controlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
Arrestato dai Cc
Melfi, era ai domiciliari ma spacciava: in cella 24enne

Melfi, era ai domiciliari ma spacciava: in cella 24enne

 
Auto e motori
Melgi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

Melfi, record in Fca: è stata prodotta la 500millesima Fiat 500 X

 
Dai Carabinieri
Tenta estorsione a imprenditore: arrestato 46enne a Maratea

Tenta estorsione a imprenditore: arrestato 46enne a Maratea

 
Statale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
nel potentino
Avigliano: famiglia adotta 3 bambini, 2 sono disabili

Avigliano: famiglia adotta 3 bambini, 2 sono disabili

 
L'operazione
GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

GdF, a Lauria scoperti 5 lavoratori in nero

 
Comando provinciale
Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

Controlli dei Carabinieri, sei denunciati nel Potentino

 
A ripacandida
Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne nel Potentino

Si ustiona mentre accende il camino: grave un 20enne

 
Il caso
Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

Potenza, rapina in ufficio postale con taglierino: arrestato

 
Il caso
Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

Potenza, contro l’eolico selvaggio: cittadini in corteo da Bardi

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoI dati nel tarantino
Europee, M5S giù di 20 punti ma restano primi: nessun effetto Ilva

Europee, M5S giù di 20 punti ma restano primi: nessun effetto Ilva

 
FoggiaI dati
Europee, nei paesi foggiani del Premier Conte vince il M5S

Foggia, M5S vince nei paesi del Premier. Lega, effetto vacanze di Salvini

 
BariScrutini dopo le 14
Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

Bari, i dati di M5S e Lega sulle comunali e l'influenza sul ballottaggio

 
LecceIl caso in Salento
Novoli, sbagliano il nome del candidato sindaco: sulla scheda un "De" in più

Novoli, sbagliato il nome del candidato sindaco sulla scheda: un «De» in più

 
MateraAlcuni disagi
Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

Matera, elettori non trovano più i seggi: erano stati cambiati

 
BatIn piazza
Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

Canosa, incendiata auto di avvocato ex assessore regionale

 
BrindisiMala sanità
«Ceglie Messapica, cala il silenzio sull'ospedale»

Ceglie Messapica, fisiatra in aspettativa: niente riabilitazione dopo incidente

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 

i più letti

Il provvedimento

Incarichi non autorizzati: docente deve 15mila euro a Unibas

La docente, della Facoltà di Scienze Agrarie, lavorò per Eni

Università, per Sole 24 oreUnibas è al 44esimo posto

La docente della Facoltà di Scienze Agrarie e Forestali dell’Università di Basilicata Simonetta Fascetti è stata condannata pagare alla stessa Università circa 30mila euro frutto di 11 incarichi esterni all’ateneo svolti senza la preventiva autorizzazione dell’amministrazione. Una condanna, per così dire, in due tempi perché dopo che l’amministrazione, a seguito i una verifica campione effettuata dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, nel 2008, aveva ingiunto, come da norme, il versamento dei proventi all’amministrazione e poi, nel 2010, disposto il prelievo forzoso dallo stipendio la Prof aveva ricorso al Tar che, nel 2011, aveva confermato il provvedimento di prelievo in parte, escludendolo per la somma di 15.493,71 euro (ossia 30 milioni di lire del 2008) ricevute dalla Fascetti per l'incarico di studio per la redazione della Carta della vegetazione per l'Osservatorio Ambientale della Val d'Agri, conferito da Eni . il 23 gennaio 1998 e liquidato il 31 marzo 1998 che sarebbe caduto in prescrizione.


I giudici avevano però rigettato una richiesta di inammissibilità del ricorso presentata dall’Università, secondo cui l’impugnazione della docente era tardiva perché andava fatta nei 60 giorni dal provvedimento ingiuntivo del 2008 mentre venne presentato nel 2010. Un’eccezione respinta in primo grado (sulla scia di quella che i giudici di secondo grado hanno ritenuto una erronea qualificazione dell’atto impugnato) e invece ora accolto con la conseguente condanna a pagare all’università anche i rimanenti 15mila e passa euro avuti dall’Eni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400