Sabato 17 Novembre 2018 | 09:26

NEWS DALLA SEZIONE

Furto andato male
Fiumicino, coppia di Potenza ruba borsa con 2kg d'oro e 3mila euro, rintracciati

Fiumicino, coppia di Potenza ruba borsa con 2kg d'oro e 3mila euro, rintracciati

 
Sanità
Potenza, stop dialisi fino a gennaioScoppia il caso dei tetti di spesa

Potenza, stop dialisi fino a gennaio
Scoppia il caso dei tetti di spesa

 
Deposito atomico
Basilicata in prima fila tra nucleare e petrolio

Basilicata in prima fila tra nucleare e petrolio

 
Violazioni tributarie
Potenza, emettevano fatture inesistenti: sequestrati beni per 205mila euro

Potenza, emettevano fatture inesistenti: sequestrati beni per 205mila euro

 
Il caso
Potenza, nascondeva la cocaina sul camion della frutta: un arresto

Potenza, nascondeva la cocaina sul camion della frutta: un arresto

 
Il vademecum
Potenza, truffe anziani: ecco come evitarle

Potenza, truffe anziani: ecco come evitarle

 
Rimedi antigravidanza «hot»
Potenza, farmacista «spione»: chiesta la condanna a 9 anni e 4 mesi

Potenza, farmacista «spione»: chiesta condanna a 9 anni e 4 mesi

 
Evasione
Potenza, non dichiara 110mila euro: individuato dalla GdF

Potenza, non dichiara 110mila euro: individuato dalla GdF

 
Su rete stradale e autostradale
Ponti e viadotti, nel Potentinonon c'è nessuna criticità

Ponti e viadotti, nel Potentino
non c'è nessuna criticità

 
L'indagine
Rionero, spaccio di droga tra gli studenti: indagati tre ragazzi

Rionero, spaccio di droga tra gli studenti: indagati tre ragazzi

 
A san fele
Incendiò l'auto della mamma della ex: 25enne arrestato per stalking nel Potentino

Incendiò l'auto dell'ex suocera: 25enne arrestato per stalking

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Il provvedimento

Incarichi non autorizzati: docente deve 15mila euro a Unibas

La docente, della Facoltà di Scienze Agrarie, lavorò per Eni

Università, per Sole 24 oreUnibas è al 44esimo posto

La docente della Facoltà di Scienze Agrarie e Forestali dell’Università di Basilicata Simonetta Fascetti è stata condannata pagare alla stessa Università circa 30mila euro frutto di 11 incarichi esterni all’ateneo svolti senza la preventiva autorizzazione dell’amministrazione. Una condanna, per così dire, in due tempi perché dopo che l’amministrazione, a seguito i una verifica campione effettuata dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, nel 2008, aveva ingiunto, come da norme, il versamento dei proventi all’amministrazione e poi, nel 2010, disposto il prelievo forzoso dallo stipendio la Prof aveva ricorso al Tar che, nel 2011, aveva confermato il provvedimento di prelievo in parte, escludendolo per la somma di 15.493,71 euro (ossia 30 milioni di lire del 2008) ricevute dalla Fascetti per l'incarico di studio per la redazione della Carta della vegetazione per l'Osservatorio Ambientale della Val d'Agri, conferito da Eni . il 23 gennaio 1998 e liquidato il 31 marzo 1998 che sarebbe caduto in prescrizione.


I giudici avevano però rigettato una richiesta di inammissibilità del ricorso presentata dall’Università, secondo cui l’impugnazione della docente era tardiva perché andava fatta nei 60 giorni dal provvedimento ingiuntivo del 2008 mentre venne presentato nel 2010. Un’eccezione respinta in primo grado (sulla scia di quella che i giudici di secondo grado hanno ritenuto una erronea qualificazione dell’atto impugnato) e invece ora accolto con la conseguente condanna a pagare all’università anche i rimanenti 15mila e passa euro avuti dall’Eni

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400