Giovedì 24 Gennaio 2019 | 12:38

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Potenza, sosta gratis per chi fa shopping in centro

Potenza, sosta gratis per chi fa shopping in centro

 
Di Lauria
A Bologna per il padre malato, ma ha doppio lavoro: stanato furbetto della legge 104 nel Potentino

A Bologna per il padre malato, ma ha doppio lavoro: stanato furbetto nel Potentino

 
Verso le elezioni
Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

Basilicata al voto, Lacorazza (Pd) si candida

 
Elezioni
Regionali, Basilicata al voto il 23 marzo: firmato il decreto

Regionali, Basilicata al voto il 24 marzo: firmato il decreto

 
Allarme analfabetismo digitale
Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

Basilicata, a rischio «ghetto»: in 2 famiglie su 10 nessuno sa usare il web

 
A Lauria
In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

In auto 120grammi di marijuana: 2 arresti nel Potentino

 
Nel potentino
Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

Articoli tossici: 37mila prodotti sequestrati a Viggiano

 
La decisione
Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

Regionali, il centrosinistra alle primarie il 10 febbraio per scegliere il candidato

 
Emergenza maltempo
Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

Neve a Potenza, sindaco chiude le scuole, pioggia di insulti su Facebook

 
Il giallo
Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

Potenza, neonato muore al San Carlo: avviata indagine interna

 

Il processo

Caso Claps, prescritto in appello reato per due donne delle pulizie

Il ritrovamento del cadavere della studentessa avvenuto nel 2010

Elisa Claps , 25 anni dopo, manifesti a Potenza: «Dignità calpestata»

Elisa Claps

E’ intervenuta la prescrizione per Margherita Santarsiero e per la figlia Annalisa Lovito, condannate in primo grado nel 2015 a otto mesi di reclusione (pena sospesa) per false dichiarazioni al pm nell’ambito del processo che ha riguardato le dichiarazioni delle due donne delle pulizie nella vicenda del ritrovamento del corpo di Elisa Claps, uccisa il 12 settembre 1993, ma il cui cadavere fu scoperto nel sottotetto della chiesa della Trinità, a Potenza, nel 2010. L’estinzione del reato per intervenuta prescrizione è emersa oggi, a Potenza, nel corso del processo d’appello.

Per l’omicidio della studentessa potentina, è stato condannato in via definitiva a 30 anni di reclusione Danilo Restivo. Le due donne, difese dall’avvocato Maria Bamundo, si occupavano delle pulizie nella chiesa, e avevano dichiarato di non essere mai salite nel sottotetto prima del giorno del ritrovamento del corpo. 

Il 17 marzo 2010 marzo furono alcuni operai impegnati in lavori di ristrutturazione della chiesa a scoprire il corpo e a comunicarne la scoperta al viceparroco, don Wagno Oliveira - almeno secondo quella che era la prima e ufficiale versione del ritrovamento - portando così al ritrovamento del cadavere da parte della Polizia. Il viceparroco, nel corso del primo grado, aveva spiegato che, nei primi due mesi del 2010 una delle due donne gli aveva invece comunicato il ritrovamento dei resti (in particolare di un "cranio").

Don Oliveira raccontò di aver comunicato la vicenda anche all’allora vescovo di Potenza, monsignor Agostino Superbo: quest’ultimo poi disse di aver capito male le parole del sacerdote, e di non aver compreso che si parlasse di un cadavere. Dal processo di primo grado, secondo il giudice, sarebbe poi stato appurato che le donne avevano dichiarato il falso su molti aspetti della vicenda, e che il corpo di Elisa Claps sarebbe stato effettivamente visto prima del 17 marzo 2010.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400