Giovedì 25 Aprile 2019 | 00:41

NEWS DALLA SEZIONE

Il nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 
Le indagini
Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

Disastro ambientale Val D'agri, suicida avvisò con memoriale

 
Petrolio lucano
Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

Basilicata, Rockhopper rilancia: è scontro con Di Maio

 
Il caso
Basilicata, petrolio contaminato in Val D'Agri: un arresto

Val D'Agri, petrolio contaminato: arrestato dirigente Eni 
«Massima collaborazione»

 
La nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
Elezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
L'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto.La squadra fa ricorso ma viene respinto

 
A potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Parco del Pollino
Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

 

Il Biancorosso

L'ALLENATORE
"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

"La vittoria più bella? Quella ad Acireale"
Cornacchini: "Le difficoltà ci saranno sempre"

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl premio
Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

Mafia, scuola barese vince concorso Fondazione Falcone

 
TarantoAmbiente ferito
Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

Ex Ilva, mamma ragazzo morto di cancro: «Non stringo la mano a Di Maio»

 
LecceTecnologia
Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

Lecce, ecco Dumbo: miniescavatore radiocomandato che pulisce le vasche Aqp

 
BatLavoro
Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

Barletta, sindacati soddisfatti: stop licenziamenti alla Timac

 
FoggiaL'intervista
Giannini: «Al treno-tram la Regione ha rinunciato»

Giannini: «Al treno-tram Foggia-Manfredonia la Regione ha rinunciato»

 
BrindisiStalking
Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

Francavilla, non accetta la relazione dell'ex e aggredisce lui e la compagna: arrestata

 
MateraIn fiamme
Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

 
PotenzaIl nuovo volto della regione
Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

Basilicata, Bardi prende tempo: giunta dopo i 10 giorni

 

Il processo

Caso Claps, prescritto in appello reato per due donne delle pulizie

Il ritrovamento del cadavere della studentessa avvenuto nel 2010

Elisa Claps , 25 anni dopo, manifesti a Potenza: «Dignità calpestata»

Elisa Claps

E’ intervenuta la prescrizione per Margherita Santarsiero e per la figlia Annalisa Lovito, condannate in primo grado nel 2015 a otto mesi di reclusione (pena sospesa) per false dichiarazioni al pm nell’ambito del processo che ha riguardato le dichiarazioni delle due donne delle pulizie nella vicenda del ritrovamento del corpo di Elisa Claps, uccisa il 12 settembre 1993, ma il cui cadavere fu scoperto nel sottotetto della chiesa della Trinità, a Potenza, nel 2010. L’estinzione del reato per intervenuta prescrizione è emersa oggi, a Potenza, nel corso del processo d’appello.

Per l’omicidio della studentessa potentina, è stato condannato in via definitiva a 30 anni di reclusione Danilo Restivo. Le due donne, difese dall’avvocato Maria Bamundo, si occupavano delle pulizie nella chiesa, e avevano dichiarato di non essere mai salite nel sottotetto prima del giorno del ritrovamento del corpo. 

Il 17 marzo 2010 marzo furono alcuni operai impegnati in lavori di ristrutturazione della chiesa a scoprire il corpo e a comunicarne la scoperta al viceparroco, don Wagno Oliveira - almeno secondo quella che era la prima e ufficiale versione del ritrovamento - portando così al ritrovamento del cadavere da parte della Polizia. Il viceparroco, nel corso del primo grado, aveva spiegato che, nei primi due mesi del 2010 una delle due donne gli aveva invece comunicato il ritrovamento dei resti (in particolare di un "cranio").

Don Oliveira raccontò di aver comunicato la vicenda anche all’allora vescovo di Potenza, monsignor Agostino Superbo: quest’ultimo poi disse di aver capito male le parole del sacerdote, e di non aver compreso che si parlasse di un cadavere. Dal processo di primo grado, secondo il giudice, sarebbe poi stato appurato che le donne avevano dichiarato il falso su molti aspetti della vicenda, e che il corpo di Elisa Claps sarebbe stato effettivamente visto prima del 17 marzo 2010.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400