Lunedì 22 Aprile 2019 | 00:16

NEWS DALLA SEZIONE

La nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
Elezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
L'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto.La squadra fa ricorso ma viene respinto

 
A potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Parco del Pollino
Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

 
Stalking
Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

 
La terra trema
Paura nella notte nel Potentino: scossa di terremoto di magnitudo 2.9

Paura nella notte nel Potentino: scossa di terremoto di magnitudo 2.9

 
Neo governatore
Regione Basilicata, arriva l'insediamento di Bari

Basilicata, Bardi insediato: è presidente della Regione

 
Sentenza
Potenza, abusò di minori in casa famiglia e clinica: condannato a 9 anni

Potenza, abusò di minori in casa famiglia e clinica: condannato a 9 anni

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Il sequestro

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

La decisione è stata presa a causa della mancata bonifica. L’azienda rassicura: «Le acque non sono compromesse»

Melfi, sequestrati impianti inceneritore: «E' pericoloso»

POTENZA - Il danno ambientale era stato già accertato nel 2009, nel corso degli anni la «mancata bonifica" ha compromesso ulteriormente la situazione delle acque potabili creando un «grave pericolo per la salute pubblica": sono queste le motivazioni alla base del sequestro degli impianti di messa in sicurezza e bonifica dello stabilimento «Rendina Ambiente" (ex Fenice), inceneritore di rifiuti speciali, pericolosi e non, che comunque continua a essere attivo nell’area industriale di San Nicola di Melfi (Potenza). Una tesi, quella degli inquirenti, che l’azienda esclude «nella maniera più assoluta: non c'è stata la compromissione delle acque potabili».

Il provvedimento di sequestro è stato deciso dal gip di Potenza su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo lucano che ha coordinato le indagini dei Carabinieri del Noe. Con l’ordinanza è stato disposto anche il divieto di dimora in Basilicata per Luca Alifano, di 51 anni, di Avellino, amministratore delegato e legale rappresentante della «Rendina», indagato per inquinamento ambientale. Le analisi acquisite dagli investigatori hanno infatti fatto emergere «l'ulteriore aggravamento della compromissione del bene ambientale», ossia «una diffusa e storica contaminazione delle falde acquifere sotterranee da inquinanti pericolosi e cancerogeni». Una situazione «non più tollerabile» per il Movimento cinque stelle che, attraverso il deputato lucano Gianluca Rospi, annuncia di voler portare la questione alla Commissione Ambiente della Camera.

La Rendina, invece, «attende fiduciosa l’avanzamento delle indagini: dimostreranno la piena regolarità del nostro operato che è sempre stato collaborativo. E’ bene sottolineare che - è scritto in una nota diffusa dall’azienda - tutte le procedure previste per la messa in atto della bonifica sono state seguite nel pieno rispetto della normativa italiana. Fin dal 2009, quando l’azienda ha sporto autodenuncia per l’avvenuto inquinamento della falda, si è messo in atto un piano di messa in sicurezza in emergenza e avviato un costante monitoraggio degli inquinanti». Spesso, ha rimarcato il presidente della società, Marco Steardo, «durante i lavori della Conferenza dei Servizi, abbiamo notato un rallentamento delle decisioni necessarie per il proseguimento del piano di bonifica. Per rimarcare questi ritardi abbiamo anche presentato un’articolata nota alla Procura, per far verificare perché un processo di bonifica, così importante per il nostro territorio, si rallentasse oltre misura. Spero che questo episodio - ha concluso Steardo - si concluda quanto prima perché il sequestro rischia di rallentare ulteriormente la bonifica». 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400