Lunedì 22 Aprile 2019 | 00:53

NEWS DALLA SEZIONE

La nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
Elezioni del 26 maggio
Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

Potenza, Andretta candidata del centrosinistra: scalza De Luca

 
L'annuncio
Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

Fca, Melfi: sindacati, a maggio alcuni stop a produzione

 
La curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto.La squadra fa ricorso ma viene respinto

 
A potenza
Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

Ospedale San Carlo, da giugno sospesi 14 ambiti intramoenia

 
Nel Potentino
Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

Melfi, costrinse compagna incinta a prostituirsi: arrestato

 
Parco del Pollino
Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

Il parco naturalistico «Viggianello Waterland» diventa realtà

 
Stalking
Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

Melfi, chiedeva sesso alla sua ex minacciando il «revenge porn»

 
La terra trema
Paura nella notte nel Potentino: scossa di terremoto di magnitudo 2.9

Paura nella notte nel Potentino: scossa di terremoto di magnitudo 2.9

 
Neo governatore
Regione Basilicata, arriva l'insediamento di Bari

Basilicata, Bardi insediato: è presidente della Regione

 
Sentenza
Potenza, abusò di minori in casa famiglia e clinica: condannato a 9 anni

Potenza, abusò di minori in casa famiglia e clinica: condannato a 9 anni

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
BariL'analisi
Bari, La Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

Bari, la Zona industriale grande assente dal dibattito elettorale

 
LecceIl caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 
TarantoSanità
Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

Taranto, 4 anni per avere una diagnosi: denunciata la Asl

 
BrindisiCuriosità
Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

Ponte festività, i vip nel Brindisino: ecco gli arrivi e i «ritrovi»

 

Corleto

«Totalgate», assolti in 4
per i lavori a Tempa Rossa

L’inchiesta del 2008 era coordinata dall’allora pm Woodcock

«Totalgate», assolti in 4 per i lavori a Tempa Rossa

PINO PERCIANTE

Assolti «perché il fatto non sussiste». Ribaltato in appello il verdetto di primo grado per quattro imputati del processo Totalgate, l’inchiesta aperta nel 2008 sulla costruzione del Centro olio di «Tempa Rossa» a Corleto Perticara. Il 3 aprile del 2016 (proprio mentre decolla l’altra inchiesta sul giacimento della valle del Sauro, quella che poi porterà alle dimissioni dell’allora ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi) il tribunale di Potenza condanna due ex dirigenti della Total, Roberto Francini e Roberto Pasi, l’ingegner Roberto Giliberti, e il dirigente dell’ufficio tecnico del comune di Corleto Perticara, Michele Schiavello, imputati di concussione (tentata e consumata) nell’indagine del 2008. Oggi la Corte d’Appello ha capovolto le decisioni del giudizio di primo grado in cui i quattro imputati erano stati condannati a pene comprese tra cinque e sette anni di reclusione.

Secondo i giudici d’Appello di Potenza, invece, il fatto non sussiste. Non ci fu concussione nella vicenda legata agli espropri di alcuni terreni per la costruzione del Centro olio di “Tempa Rossa”. Tutti assolti, dunque, i quattro imputati. La Procura generale aveva chiesto la conferma delle condanne. I quattro erano rimasti coinvolti in un filone dell’inchiesta condotta dieci anni fa dal pm Henry John Woodcock in cui l’accusa sosteneva che alcuni funzionari del comune di Corleto, d’accordo con i manager della compagnia petrolifera, avrebbero spinto i proprietari di alcuni terreni necessari alla costruzione del Centro olio a cederli ad un prezzo stracciato. Ai giudici di appello, ieri mattina, è bastata un’ ora di camera di consiglio per cancellare le condanne di primo grado. «Giustizia è fatta», ha detto all’uscita dal tribunale l’avvocato Franco Trivigno difensore, assieme al suo collega Leonardo Pace, dell’architetto Schiavello. Le motivazioni della sentenza si conosceranno entro 90 giorni. «Dopo aver letto le motivazioni, valuteremo una richiesta di risarcimento danni», ha detto l’avvocato Paolo Appella, difensore dell’ingegnere Roberto Giliberti.

E così, dopo 10 anni, il Totalgate si sgonfia e finisce nel nulla. Nessuno degli imputati è stato condannato. Nello scorso mese di febbraio, infatti, sempre la Corte d’Appello aveva dichiarato la prescrizione per i reati di corruzione, turbativa d’asta, falso e abuso d’ufficio a carico di altri cinque imputati che pure erano stati condannati in primo grado: l’ex amministratore delegato di Total Italia, Lionel Lehva, l’ex manager della compagnia petrolifera, Jean Paul Juguet, l’ex sindaco di Gorgoglione, Ignazio Tornetta, e gli imprenditori Nicola Rocco Donnoli e Francesco Rocco Ferrara.

Viene, quindi, di fatto azzerata la sentenza di primo grado che nel 2016 aveva portato a nove condanne e diciotto assoluzioni, mente già in fase di udienza preliminare il gup aveva cancellato l’ipotesi accusatoria più grave, vale a dire quella della presunta associazione per delinquere. Intanto, la compagnia petrolifera ha quasi terminato i lavori del Centro olio che dovrebbe arrivare al funzionamento nei prossimi mesi con l’aumento della produzione italiana di greggio del 40 per cento. Inoltre, è stato raggiunto l’accordo tra Eni e Total per il trasporto di 20-30mila barili di petrolio al giorno da Corleto Perticara a Taranto attraverso l’oleodotto dell’Eni, e per la raffinazione nello stesso impianto del capoluogo pugliese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400