Mercoledì 16 Ottobre 2019 | 06:33

Il Biancorosso

Lega pro
Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

Metamorfosi Bari: una rinascita sotto il segno di Vivarini

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantonel tarantino
Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

Castellaneta, infermiere aggredito fuori da ospedale da familiare di un paziente

 
Barisanità
Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

Bari, inaugurata nuova risonanza magnetica all'ospedale San Paolo

 
Materamorirono in 2
Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

Matera, palazzina crollò nel 2014: chieste 8 condanne

 
Brindisinel Brindisino
Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

Ostuni, violenta e sequestra la ex che riesce a fuggire: arrestato 52enne

 
Leccenel Leccese
Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

Maglie, piante di marijuana in un terreno e droga in casa: denunciato 32enne

 
Foggianel foggiano
San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

San Severo, polizia sequestra terreno con 30 piante di marijuana

 
Batl'iniziativa
«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

«Barletta non è una città accessibile»: il flash mob 'La rivolta delle carrozzine'

 
PotenzaI dati
Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

Criminalità, per il Sole 24 Ore la Basilicata è «quasi tranquilla»

 

i più letti

Frecciarossa

Interrogazione a Delrio

LECCE - La soppressione del Frecciarossa Milano-Lecce è oggetto di una interrogazione urgente al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, da parte dei deputati salentini Rocco Palese, Roberto Marti, Salvatore Capone e Federico Massa.
«Il ministro dei Trasporti - scrivono i parlamentari - finora sempre attento e leale nei confronti delle esigenze di mobilità dei cittadini del Mezzogiorno, convochi subito i vertici di Trenitalia e li faccia desistere dalla improvvisa, ingiustificata ed ingiusta decisione di eliminare il collegamento Frecciarossa Milano-Lecce, peraltro istituito nell’orario estivo a giugno scorso in seguito ad una mobilitazione senza precedenti della popolazione, dell’opinione pubblica, delle Istituzioni salentine e confermato appena 15 giorni fa dalla stessa Trenitalia nell’orario invernale. In caso contrario verrebbe violato il diritto alla mobilità di circa due milioni di cittadini salentini e pugliesi che, invece, è costituzionalmente garantito».

«Non abbiamo fatto in tempo ad esultare per la conferma nell’orario invernale - commentano - che Trenitalia ha inspiegabilmente fatto dietrofront, dopo aver peraltro confermato nei giorni scorsi che quel collegamento quest’estate è stato quasi sempre 'tutto esauritò. Escluse pertanto possibili ragioni di mercato, ci si chiede cosa c'è dietro questo assurdo scippo al Salento e alla Puglia». «È opportuno - concludono - che il Governo chiarisca se è d’accordo con Trenitalia e, in caso contrario, se non ritiene di dover immediatamente chiedere all’azienda di recedere da questa decisione»,

IL SINDACO DI LECCE - «Un dietrofront inaccettabile, un altro colpo basso per Lecce e il Salento. L’epilogo del Frecciarossa Milano-Lecce è una vicenda che rasenta il ridicolo. Promesse non mantenute, scelte opinabili, mancanza di attenzione: siamo il capro espiatorio d’Italia, la periferia "permanente» del nostro Paese». Lo afferma il sindaco di Lecce Paolo Perrone.

«Le responsabilità - accusa - sono di un governo nazionale che si dimostra sordo alle necessità della Puglia e di un governo regionale assolutamente 'baricentricò. Questo territorio merita rispetto e rivendica le stesse opportunità di sviluppo delle altre regioni. Le nostre rivendicazioni sono troppo deboli: dove sono i parlamentari salentini di centrosinistra? Dov'è il governo regionale, i cui rappresentanti sono stati eletti anche dalle comunità salentine?».

«Trenitalia - conclude - deve fare un passo indietro. Lo deve al Salento, che nel ruolo di fanalino di coda si sente fuori posto, e alle migliaia di turisti che per necessità o per piacere, da ogni dove, raggiungono la nostra provincia». 

LA REPLICA DI PALESE - «Il commento del presidente Emiliano sulla (in)opportunità che la Regione finanzi il collegamento Frecciarossa Milano-Lecce, è solo l’ultimo schiaffo in ordine di tempo che questa giunta regionale pugliese sferra al Salento cosí dimostrandosi baricentrica (senza alcun sentimento di astio da parte mia nei confronti dei baresi) e soprattutto miope perché, esattamente come se non cresce il Sud dell’Italia non cresce neanche il resto del Paese, cosí se non cresce e non esce dall’isolamento il Salento, non crescono neanche Bari e la Puglia». È quanto afferma in una nota l’On. Rocco Palese, vicepresidente della Commissione Bilancio della Camera.

Se la Giunta regionale - prosegue Palese - «lascia indifferentemente morire di Xylella tutti i nostri alberi e partecipa, assecondandolo, all’isolamento del Salento non facendo nulla per il raddoppio della SS 275 Maglie - Leuca e affermando che il Frecciarossa non può pagarlo la Regione, si ammazzano sia l’agricoltura sia il turismo di tutta la Puglia ed è quindi evidente che siamo davanti ad una totale incapacità politica e ad una miopia assoluta nelle strategie».

«Dal presidente della Regione - conclude - ci saremmo aspettati maggior senso di appartenenza e maggiore orgoglio nel difendere la Puglia ed il Salento anche dalla miopia del Governo nazionale. Invece vediamo che la Basilicata ottiene il Frecciarossa autofinanziandoselo e la Puglia lo perde nonostante proprio Emiliano avesse proposto a giugno 2016 che la Regione contribuisse al finanziamento esattamente come fa per Ryanair che con i suoi servizi garantisce il diritto alla mobilità di milioni di pugliesi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400