Sabato 01 Ottobre 2022 | 10:21

In Puglia e Basilicata

Scontro in Commissione

Modifiche al traffico
ricadute sul commercio

Modifiche al traffico ricadute sul commercio

21 Marzo 2018

Scontro, al secondo piano di palazzo Carafa, davanti ai commercianti. Invitati, questi ultimi, da Federica de Benedetto, nuova presidente della Commissione Attività produttive e commerciali a esprimere la loro sulle modifiche al piano traffico, compresa la tanto contestata inversione di marcia su viale Marconi.

Ma il centrosinistra parla di «strumentalizzazione del malcontento dei commercianti, gli stessi che per anni sono stati abbandonati - attacca Marco De Matteis, capogruppo di “Sveglia Lecce” - come dimostra la situazione di degrado dell'ex mercato dei fiori, a cui si sta cercando di porre rimedio attraverso un confronto costruttivo con la Soprintendenza ai Beni culturali. Abbiamo assistito ad un tentativo strumentale da parte della neo presidente De Benedetto, la quale - auspico solo per inesperienza - ha proposto all'ordine del giorno un argomento che non è di competenza della commissione Annona e che ha avuto per oggetto "il piano traffico". In realtà l'oggetto non poteva essere il piano traffico, ma alcuni provvedimenti di modifica alla viabilità che - si è appreso nel corso della discussione - erano già stati previsti con una deliberazione comunale della giunta Perrone in data 9 maggio 2011. A completare il quadro strumentale si è aggiunta l'errata convocazione a mezzo cellulare privato ad alcuni commercianti, fatto questo che non ha reso facile l'eventuale interlocuzione con i cittadini presenti».

Ma la presidente della Commissione non indietreggia di un millimetro. Anzi, per domani mattina ha convocato una nuova seduta con lo stesso ordine del giorno di ieri. «Fa sorridere come il centrosinistra confonda la strumentalizzazione con l’ascolto - replica Federica De Benedetto - Si sarebbe forse trattato di una strumentalizzazione se avessi incontrato i commercianti nella sede del mio partito (Forza Italia, ndr). Ma incontrarli in una sede istituzionale, qual è il Comune, alla presenza di tutte le parti politiche, è una occasione di confronto. Evidentemente hanno perso l’abitudine al confronto. Quanto all’oggetto della convocazione, si può verificare perché è protocollato, come si parli dell’ascolto delle ricadute del Piano traffico sulle attività commerciali. E dove avremmo dovuto ascoltarli i commercianti se non nella Commissione Attività produttive e commerciali? Penso che attaccandosi a presunti vizi di forma si sia dato un pessimo spettacolo alla presenza degli stessi cittadini, che avevano chiuso la loro attività per venire in Comune. Il nostro è un modo per avvicinare le istituzioni alla città, al di là - conclude De Benedetto - del colore politico».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725