Martedì 22 Gennaio 2019 | 13:43

NEWS DALLA SEZIONE

A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
Ambiente
Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 

Chiuse le indagini

Marocchino ucciso, nei guai
ex pentito e sua figlia

il delitto avvenuto un anno fa alla periferia estrema di Gallipoli

Marocchino ucciso, nei guaiex pentite e sua figlia

GALLIPOLI - Padre e figlia indagati per l’omicidio dell’ambulante marocchino Khalid Lagraidi. Il sostituto procuratore Alessio Coccioli ha chiuso le indagini sul giallo del cadavere ritrovato a fine gennaio all’estrema periferia di Gallipoli nascosto in un bidone. Le accuse vengono mosse a Marco Barba, 43 anni, detto “U Tannatu” e alla figlia Rosalba, di 23. Il primo risponde di omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, dai motivi futili e abietti e occultamento di cadavere. Quest’ultima accusa viene contestata anche alla figlia. L’esecuzione risale al 23 giugno scorso. Barba avrebbe trascinato l’ambulante marocchino in aperta campagna nei pressi di Madonna del Carmine.

L’ex collaboratore di giustizia avrebbe dapprima cercato di strangolare Lagraidi. Poi gli avrebbe sferrato numerosi colpi alla testa provocandogli diverse fratture al cranio. Infine avrebbe cercato di nascondere il cadavere in un bidone metallico e di sciogliere il corpo con numerose bottiglie di acido muriatico. Una manovra compiuta grazie alla collaborazione della figlia. I due Barba avrebbe riposto il corpo nel fusto chiudendolo con pietrisco e materiale edilizio sotto gli alberi. Il cadavere dell’ambulante pè rimasto senza sepoltura per mesi. Il giallo sulla scomparsa è stato risolto solo a fine gennaio quando Rosalba Barba si è presentata presso la caserma dei carabinieri di Gallipoli per svelare la presenza di un cadavere alla periferia di Gallipoli. Ha accompagnato gli investigatori sul posto consentendo il ritrovamento del corpo dell’ambulante. Il movente sarebbe legato al mancato pagamento di Lagraidi di un piccolo quantitativo di hashish.

Tanto sarebbe bastato all’ex collaboratore di giustizia per emettere una condanna a morte. Del cittadino nord africano non sarebbe dovuta rimanere alcuna traccia sepolto in un bidone coperto con del pietrisco e calce per evitare la fuoriuscita del cadavere. Nei propositi di Barba, la calce e l’acido avrebbero dovuto decomporre il corpo in tempi rapidi. In realtà il manto avrebbe protetto il cadavere dall’azione corrosiva. Padre e figlia sono difesi rispettivamente dagli avvocati Fabrizio Mauro e Amilcare Tana. [F.Oli.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400