Martedì 27 Settembre 2022 | 22:04

In Puglia e Basilicata

ELEZIONI POLITICHE 2022

Centrodestra

43,79%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

26,13%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,79%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,43%

Movimento 5 Stelle

Centrodestra

44,02%

Fratelli d'Italia con Giorgia Meloni


Forza Italia


Lega per Salvini Premier


Noi Moderati / Lupi – Toti – Brugnaro – UDC

Centrosinistra

25,99%

Partito Democratico – Italia Democratica e Progressista


Alleanza Verdi e Sinistra


Impegno Civico Luigi Di Maio – Centro Democratico


+Europa

Terzo Polo

7,74%

Azione – Italia Viva – Calenda

M5S

15,55%

Movimento 5 Stelle

 

Il caso

Bolletta della luce da 1 mln per fabbrica di gelati in Salento, imprenditore: «Non licenzio»

A Bitonto arriva il «gelato sospeso»: iniziativa di solidarietà

Accantona produzione vaschette e punta su fotovoltaico

21 Settembre 2022

Redazione online

LECCE - Con l’aumento dei costi dell’energia, Spiridione Strafino, fondatore della storica Royal, azienda salentina produttrice di gelati, quest’anno ha pagato una bolletta da un milione di euro per l’elettricità, a differenza dei 300mila euro circa spesi negli anni scorsi per la stagione lavorativa che va da febbraio ad agosto. E poiché «la chiusura è impensabile», così come «licenziare è una cosa che non esiste», l'imprenditore di Monteroni (Lecce) ha deciso di puntare sul fotovoltaico e di mettere da parte temporaneamente il gelato in vaschetta continuando a produrre formati meno 'energivorI» e «più remunerativi» dal punto di vista dei costi.

Gli aumenti dell’energia «destinati a crescere» li ritiene "stupidi: per la mia casa il kilowatt ora lo pago 0,26 centesimi perché un imprenditore che dà lavoro e distribuisce ricchezza lo deve pagare quattro volte tanto?». «Gli altri anni - evidenzia - il costo energetico incideva per il 5%, quest’anno è arrivato al 18-19%: non sempre si riesce a recuperare, è una continua guerra. Quest’anno per la prima volta i costi di alcuni prodotti siamo stati costretti a ritoccarli tre volte» mentre «il costo della nostra vaschetta è invariato dal 1984: costava 3.700 lire e oggi costa 1 euro e 90 centesimi»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 

BLOG

- News dai Territori -
 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725