Martedì 28 Giugno 2022 | 13:48

In Puglia e Basilicata

Il caso

Le mani della Camorra in Puglia: resta ai domiciliari il consigliere comunale di Lecce

polizia

nei riquadri da sinistra Andrea Guido e Pasquale Finocchio

Andrea Guido, il consigliere comunale di Lecce arrestato dal 20 aprile scorso nell’ambito del maxi blitz anti camorra della Procura di Napoli contro il clan Moccia

17 Maggio 2022

Redazione online

LECCE - Resta agli arresti domiciliari Andrea Guido, il consigliere comunale di Lecce arrestato dal 20 aprile scorso nell’ambito del maxi blitz anti camorra della Procura di Napoli contro il clan Moccia.

I giudici della Decima sezione del collegio del Tribunale del Riesame di Napoli hanno rigettato la richiesta di revoca della misura cautelare avanzata dai legali del politico salentino.
Guido, 44 anni, è accusato corruzione con aggravante mafiosa, per fatti risalenti al 2017 quando ricopriva il ruolo di assessore all’ambiente della Giunta comunale guidata dall’allora sindaco Paolo Perrone.

È accusato di aver favorito un’azienda di Afragola ritenuta il braccio economico del clan in cambio di cinquemila euro. Quando è stato interrogato, Guido si è detto innocente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento:

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Carica altre news...

 

PODCAST

 

PRIMO PIANO

 
 
 
 
- News dai Territori -

BAT

 
Editrice del Mezzogiorno srl - Partita IVA n. 08600270725