Giovedì 24 Giugno 2021 | 04:38

NEWS DALLA SEZIONE

Attentato
Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

 
La protesta
Link Lecce: «Tasse universitarie, ignorate le opinioni degli studenti»

Link Lecce: «Tasse universitarie, ignorate le opinioni degli studenti»

 
serie b
Lecce: arriva dalla Francia il centrocampista Alexis Blin

Lecce: arriva dalla Francia il centrocampista Alexis Blin

 
Strage di api
Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie

Squinzano, un incendio distrugge oltre 100 arnie. Poche ore prima un altro incendio a Torre dell'Orso

 
Migranti
Sbarco in Salento di 4 pachistani e un cingalese: intercettati dalla Guardia Costiera

Salento, terzo sbarco in 3 giorni: 4 pachistani e un cingalese intercettati dalla Guardia Costiera

 
Salento in famme
A fuoco la pineta di Torre dell'Orso

A fuoco la pineta di Torre dell'Orso

 
Il caso
Dj salentino morto impiccato, i genitori scrivono a Mattarella

Dj salentino morto impiccato, i genitori scrivono a Mattarella

 
Il progetto
Martano, la lettura arriva in piazza e nei campi scuola estivi

Martano, la lettura arriva in piazza e nei campi scuola estivi

 
Lecce, un patto contro l'usura e le estorsioni

Lecce, un patto contro l'usura e le estorsioni

 
maltrattamenti
Presicce-Acquarica, picchia la compagna con un manico di scopa: allontanato

Presicce-Acquarica, picchia la compagna con un manico di scopa: allontanato

 
La decisione
Nardò, fa troppo caldo: il sindaco vieta lavoro nei campi tra le 12.30 e le 16

Nardò, fa troppo caldo: il sindaco vieta lavoro nei campi tra le 12.30 e le 16

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, riuscito l'intervento per Andreoni

Bari calcio, riuscito l'intervento per Andreoni

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaL'incidente
Foggia, scontro tra due auto in viale Kennedy: ci sarebbero dei feriti

Foggia, scontro tra due auto in viale Kennedy: ci sarebbero dei feriti

 
TarantoLa protesta
Ex Ilva, sit-in degli ambientalisti, sulle t-shirt lo slogan: «I bimbi Taranto vogliono vivere»

Ex Ilva, sit-in degli ambientalisti, sulle t-shirt lo slogan: «I bimbi Taranto vogliono vivere». Sindacati: «Cig non idonea, presidio il 2 luglio»

 
Bari
Terlizzi, aggredì un vigile dopo la multa: commerciante ai domiciliari

Terlizzi, aggredì un vigile dopo la multa: commerciante ai domiciliari

 
PotenzaIl blitz
Vietri di Potenza, in casa munizioni, pistola e fucile: un arresto

Vietri di Potenza, in casa munizioni, pistola e fucile: un arresto

 
PotenzaCovid
Basilicata, 13 positivi su 684 tamponi analizzati

Basilicata, 13 positivi su 684 tamponi analizzati

 
BrindisiTesori dimenticati
«Il castello di Oria va restituito alla comunità»

«Il castello di Oria va restituito alla comunità»

 
LecceAttentato
Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

Galatone, bomba carta danneggia un'abitazione disabitata

 

i più letti

Le indagini

Carabiniere ucciso a Copertino, il sospetto: conosceva il suo assassino?

Si ricostruisce la tela dei rapporti e delle frequentazioni di Silvano Nestola

Carabiniere ucciso a Copertino, il sospetto: conosceva il suo assassino?

L’assassino conosceva la vittima e le sue abitudini? Qualcuno lo ha portato sul luogo dell’agguato? Oppure aveva dimestichezza con quella zona periferica in cui è avvenuto l’omicidio? Sono le domande che i carabinieri del Comando provinciale di Lecce e i militari della tenenza di Copertino si stanno ponendo in queste ore per ricostruire quanto accaduto lunedì sera in contrada “Tarantini” e per risalire al killer che ha stroncato la vita all’ex carabiniere Silvano Nestola.
Tutte le piste possibili sono battute, compresa quella che orbita intorno alla sfera privata del 46enne e che finora ha visto l’ascolto di almeno una decina di persone, tra cui una famiglia di San Donaci, padre, madre, figlia e l’ex marito di quest’ultima. Né viene tralasciata quella che porta all’attività svolta dall’ex carabiniere quando era in servizio a San Pietro Vernotico, che gli valse un encomio dei vertici dell’Arma per aver fatto arrestare quattro spacciatori e scoperto un ingente quantitativo di droga. Insomma, le indagini guardano in ogni direzione per ricostruire la tela dei rapporti dell’uomo, notoriamente persona mite e tranquilla.


Si cerca soprattutto di capire come abbia fatto il killer ad arrivare sul luogo dell’agguato, già difficile da raggiungere per chi è del posto.
L’assassino, dalla corporatura alta e robusta, conosceva le possibili vie di fuga che gli avrebbero consentito di lasciare indisturbato quel reticolo di stradine in terra battuta, di cui una immette sulla provinciale 16, Copertino – S. Pietro in Lama e l’altra alla 6 che conduce a Monteroni? Contrada “Tarantini” è un piccola appendice antropizzata, distante un paio di chilometri dal contesto urbano di Copertino, in direzione nord. Nell’area sorgono diverse abitazioni, alcune delle quali dotate di impianto di videosorveglianza, circondate da muri di recinzione piuttosto alti delimitati da stradine sconnesse e tuttavia percorribili dalle auto, ma solo a passo d’uomo. Come sterrata è la strada sulla quale affaccia la villetta della sorella presso cui Nestola si recava spesso a pranzo o per cena almeno tre-quattro volte la settimana. Quasi un abitudinario, dunque. E allora chi, se non qualcuno che conosceva bene le abitudini dell’ex carabiniere, può aver fornito al killer tutte le indicazioni necessarie?
Intanto si attende l’autopsia i cui risultati potrebbero fornire ulteriori dettagli sull’agguato.

ALLA RICERCA DELL'ARMA - Nuovo sopralluogo questa mattina in contrada Tarantino a Copertino dove i carabinieri sono arrivati di buon'ora insieme a personale del nucleo cinofilo ricerca e soccorso di Modugno . L’intera area intorno alla villetta dove l'ex maresciallo dei carabinieri Silvano Nestola è stato ucciso lunedì sera, è stata perlustrata con l’impiego di Eny, un pastore tedesco femmina 'specializzato' nella ricerca di armi.
Gli investigatori stanno cercando l’arma usata dall’assassinio , un fucile da caccia semiautomatico probabilmente modificato, privo del riduttore nel serbatoio. Le ricerche si sono spostate successivamente anche nelle aree di campagna confinanti col luogo del delitto. Intanto questa mattina tutti gli elementi repertati nei pressi della villetta sono stati inviati al Ris di Roma. Si tratta essenzialmente di bossoli e pallini da caccia oltre a dei campioni di sangue della vittima . Saranno sottoposti ad esame balistico anche due fucili simili a quello che ha ucciso Silvano Nestola , sequestrati nella casa della famiglia di San Donaci ascoltata nei giorni scorsi in caserma a Lecce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie