Mercoledì 26 Giugno 2019 | 17:54

NEWS DALLA SEZIONE

L'inchiesta
Scorrano, c’è l’ipotesi scioglimento per il Comune

Mafia, a Scorrano ipotesi scioglimento del Comune
Il sindaco: «Nessun patto elettorale con clan»

 
Tribunale di Potenza
Lecce, torna in libertà l'ex pm Emilio Arnesano

Lecce, torna in libertà l'ex pm Emilio Arnesano

 
In salento
Tragedia a Torre Chianca: 66enne annega e muore sotto gli occhi dei bagnanti

Tragedia a Torre Chianca: 66enne annega e muore sotto gli occhi dei bagnanti

 
L'emergenza
Xylella, produzione olive in Salento giù del 16%

Xylella, produzione olive in Salento giù del 16%

 
Omicidio
Lecce, raptus nella casa di riposo: 72enne uccide un’anziana

Lecce, raptus nella casa di riposo: 72enne uccide anziana nella stanza da letto

 
L'emergenza
Lecce, caos liste d'attesa: una colonscopia? Nel 2021

Lecce, caos liste d'attesa: una colonscopia? Nel 2021

 
L’operazione dei cc
Mafia a Lecce, sgominato clan emergente: 30 arresti. Indagato anche un sindaco

Lecce, sgominato clan: 30 arresti. Indagato sindaco di Scorrano: «Promise appalti a mafiosi»

 
Nel Salento
Gallipoli, crollo in chiesa, matrimonio dirottato

Gallipoli, crollo in chiesa, matrimonio dirottato

 
Dai Cc
Due rapine a Squinzano e Surbo, preso un 40enne dopo inseguimento

Due rapine a Squinzano e Surbo, preso un 40enne dopo inseguimento

 
La tragedia
Otranto, donna precipita dai bastioni del Castello davanti gli occhi del sindaco

Otranto, donna precipita dai bastioni del Castello sotto gli occhi del sindaco

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Machach, talento francese del Napoliè l'ultima idea intrigante del Bari

Machach, talento francese del Napoli è l'ultima idea intrigante del Bari

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVandalismo
Torre a Mare, vandali in azione al chioschetto della p.zza del Porto

Torre a Mare, vandali in azione al chioschetto della p.zza del Porto

 
GdM.TVIl rogo
Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva:  interviene il Canadair

Torre Guaceto, incendio minaccia la Riserva: distrutti tre ettari

 
PotenzaL'inchiesta
Potenza, raccolta abusiva di scommesse: sequestro in una ricevitoria

Potenza, raccolta abusiva di scommesse: sequestro in una ricevitoria

 
FoggiaLa lettera agli assassini
Lupara bianca nel Foggiano, mamma vittima: «Pentitevi, dopo di me c'è solo la giustizia»

Lupara bianca nel Foggiano, mamma vittima: «Pentitevi, dopo di me c'è solo la giustizia»

 
TarantoLe aggressioni
Manduria, botte e calci all'anziano per condividere i video sui social: le azioni della baby-gang

Manduria: «È diventato pazzo il triplo», così il branco derideva il disabile

 
LecceL'inchiesta
Scorrano, c’è l’ipotesi scioglimento per il Comune

Mafia, a Scorrano ipotesi scioglimento del Comune. Interdetta la ditta dei fuochi

 
MateraGiustizia
Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

Potenza-Matera, scoppia la guerra delle toghe

 
BatIl caso
Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

Barletta, tentano di rubare la pensione ad anziana: arrestati

 

i più letti

Nel Salento

Xylella: «Da un anno attendo l'ok per sradicare 450 ulivi secchi»

Parla l'olivicoltrice Angela Benegiamo: «Non posso reimpiantare. Se gli ulivi non del tutto disseccati non produrranno olive, saremo rovinati»

xylella

Nel Salento la Xylella fastidiosa non uccide solo gli ulivi, ma anche la speranza degli agricoltori di ripartire, di guardare oltre il disastro causato dal batterio. Nei campi la burocrazia si allea con la sputacchina (l’insetto vettore) e genera una miscela micidiale. Vincoli regionali e nazionali, ritardi e rimpalli di responsabilità mostrano insieme il volto peggiore dell’Italia. E il decreto Centinaio, emanato qualche giorno fa, si teme che possa rivelarsi uno strumento incapace di snellire le procedure per attuare le misure volute dall’Europa nel tentativo di contrastare l’inesorabile avanzata della batteriosi verso il Nord della Puglia.
La storia leccese che vi raccontiamo ha dell’incredibile, dello scandaloso. «Abbiamo 12mila ulivi tra Giuggianello, Minervino, Poggiardo e Scorrano e tutti mostrano evidenti segnali di disseccamento, almeno l’80% è già del tutto “bruciacchiato”», racconta disperata Angela Benegiamo, olivicoltrice e frantoiana di Giuggianello. «In particolare - spiega - a Scorrano ho 450 ulivi, di cui circa 100 monumentali, secchi dal 2015. Quando è stato possibile, ho avviato le pratiche per lo sradicamento. Ho depositato l’istanza il 7 novembre 2017 e il primo sopralluogo dei tecnici dell’Ufficio provinciale di Lecce dell’assessorato regionale all’Agricoltura è stato effettuato oltre un anno dopo, il 15 novembre 2018. Solo a dicembre 2018 gli ispettori fitosanitari hanno prelevato i campioni e le analisi sono state eseguite dal laboratorio accreditato del Crsa di Locorotondo, a mie spese. Da quel momento - denuncia - tutto tace. Non ho ancora avuto la possibilità di espiantare e, quindi, se sarò “fortunata”, potrò reimpiantare nel 2020».


La situazione si complica perché Benegiamo ha due frantoi. «Stiamo decidendo, nostro malgrado, di dismettere - annuncia - la linea di produzione di uno dei due perché non producendo più olive, non c’è, di conseguenza, prodotto da molire. Aspetterò con ansia altri due mesi, sperando che gli ulivi non ancora del tutto disseccati a Giuggianello possano produrre un quantitativo di olive tale da poter mettere in funzione le macchine di uno dei due impianti. In caso contrario, saremo rovinati».
Questo, purtroppo, non è un caso isolato. È la condizione in cui versano tutti gli olivicoltori e i frantoiani dell’area «infetta», che reclamano la semplificazione delle procedure per l’espianto e il reimpianto. «Siamo lieti di constatare che anche chi si è rallegrato per il decreto varato qualche giorno fa, si stia ricredendo», ironizza il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia che aggiunge: «Chi ha addirittura esultato, fino a poche ore fa, definendo il provvedimento “un primo passo importante”, sta ritornando sui suoi passi. È una vittoria di Pirro perché chi avrebbe dovuto e potuto segnalare al ministro che il decreto mancava di misure tanto attese dal Salento non l’ha fatto prima che il provvedimento arrivasse in Consiglio dei ministri. Ora va emendato, inserendo - è il pensiero di Muraglia - l’articolato utile a superare i vincoli paesaggisti e idrogeologi, assegnando risorse vere per la ricostruzione del patrimonio olivicolo del Salento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie