Mercoledì 27 Marzo 2019 | 01:12

NEWS DALLA SEZIONE

La sentenza
Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

 
Nel Leccese
Ugento, no del Tar a una nuova discarica

Ugento, no del Tar a una nuova discarica

 
Il convegno
«Breast Unit», cresce del 18% sopravvivenza dal cancro al seno

«Breast Unit», cresce del 18% sopravvivenza dal cancro al seno

 
La protesta
Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

Xylella a Lecce, i no Tap manifestano contro Lezzi: «Lei ci tradì, evviva Marco Poti»

 
A Casarano
Lecce, al Liceo Vannini sbarca la robotica: ecco la scuola del futuro

Lecce, al Liceo Vannini sbarca la robotica: ecco la scuola del futuro

 
Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

Leuca, intercettata da Gdf barca a vela con 25 migranti

 
Il gasdotto
Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

 
Agricoltura in protesta
Lecce, Coldiretti e Gilet arancioni a Conte: «Bisogna fermare disastro Xylella»

Lecce, Coldiretti e Gilet arancioni a Conte: «Bisogna fermare disastro Xylella»
Lui replica: «Andava fatto prima»

 
La visita
Patto Cnr-Eni sulla ricerca: il premier Conte in visita a Lecce

Lecce, firmato da Premier patto Cnr-Eni sulla ricerca
«Governo? Questa ultima esperienza» VD

 
Nel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

 
A san Cataldo (Le)
Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

 

Il Biancorosso

LA PARTITA
Il meglio di Palmese-Baritutte le emozioni biancorosse

Il meglio di Palmese-Bari
tutte le emozioni biancorosse

 

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaL'annuncio
Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

Basilicata, lo sconfitto Trerotola resterà in consiglio regionale

 
LecceLa sentenza
Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

Lecce, processo a gruppo Scu: 12 condanne e un patteggiamento

 
BrindisiL'episodio
Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

Francavilla F.na, tenta di uccidere il cognato, arrestato

 
TarantoUn 36enne
Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

Consegnava eroina nascosta nei panini: arrestato a Taranto

 
GdM.TVNel foggiano
«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

«Servizio completo»: così i 7 arrestati di S.Severo fornivano droga e sesso

 
HomeL'operazione dei cc
Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

Margherita di Savoia, rapina una farmacia e poi fugge su auto rubata: arrestato 41enne

 
GdM.TVLo spettacolo sportivo
Matera 2019, Fiona May in scena stasera con «Maratona di New York»

Matera 2019, Fiona May in scena con «Maratona di New York»

 

Nel Salento

Xylella: «Da un anno attendo l'ok per sradicare 450 ulivi secchi»

Parla l'olivicoltrice Angela Benegiamo: «Non posso reimpiantare. Se gli ulivi non del tutto disseccati non produrranno olive, saremo rovinati»

xylella

Nel Salento la Xylella fastidiosa non uccide solo gli ulivi, ma anche la speranza degli agricoltori di ripartire, di guardare oltre il disastro causato dal batterio. Nei campi la burocrazia si allea con la sputacchina (l’insetto vettore) e genera una miscela micidiale. Vincoli regionali e nazionali, ritardi e rimpalli di responsabilità mostrano insieme il volto peggiore dell’Italia. E il decreto Centinaio, emanato qualche giorno fa, si teme che possa rivelarsi uno strumento incapace di snellire le procedure per attuare le misure volute dall’Europa nel tentativo di contrastare l’inesorabile avanzata della batteriosi verso il Nord della Puglia.
La storia leccese che vi raccontiamo ha dell’incredibile, dello scandaloso. «Abbiamo 12mila ulivi tra Giuggianello, Minervino, Poggiardo e Scorrano e tutti mostrano evidenti segnali di disseccamento, almeno l’80% è già del tutto “bruciacchiato”», racconta disperata Angela Benegiamo, olivicoltrice e frantoiana di Giuggianello. «In particolare - spiega - a Scorrano ho 450 ulivi, di cui circa 100 monumentali, secchi dal 2015. Quando è stato possibile, ho avviato le pratiche per lo sradicamento. Ho depositato l’istanza il 7 novembre 2017 e il primo sopralluogo dei tecnici dell’Ufficio provinciale di Lecce dell’assessorato regionale all’Agricoltura è stato effettuato oltre un anno dopo, il 15 novembre 2018. Solo a dicembre 2018 gli ispettori fitosanitari hanno prelevato i campioni e le analisi sono state eseguite dal laboratorio accreditato del Crsa di Locorotondo, a mie spese. Da quel momento - denuncia - tutto tace. Non ho ancora avuto la possibilità di espiantare e, quindi, se sarò “fortunata”, potrò reimpiantare nel 2020».


La situazione si complica perché Benegiamo ha due frantoi. «Stiamo decidendo, nostro malgrado, di dismettere - annuncia - la linea di produzione di uno dei due perché non producendo più olive, non c’è, di conseguenza, prodotto da molire. Aspetterò con ansia altri due mesi, sperando che gli ulivi non ancora del tutto disseccati a Giuggianello possano produrre un quantitativo di olive tale da poter mettere in funzione le macchine di uno dei due impianti. In caso contrario, saremo rovinati».
Questo, purtroppo, non è un caso isolato. È la condizione in cui versano tutti gli olivicoltori e i frantoiani dell’area «infetta», che reclamano la semplificazione delle procedure per l’espianto e il reimpianto. «Siamo lieti di constatare che anche chi si è rallegrato per il decreto varato qualche giorno fa, si stia ricredendo», ironizza il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia che aggiunge: «Chi ha addirittura esultato, fino a poche ore fa, definendo il provvedimento “un primo passo importante”, sta ritornando sui suoi passi. È una vittoria di Pirro perché chi avrebbe dovuto e potuto segnalare al ministro che il decreto mancava di misure tanto attese dal Salento non l’ha fatto prima che il provvedimento arrivasse in Consiglio dei ministri. Ora va emendato, inserendo - è il pensiero di Muraglia - l’articolato utile a superare i vincoli paesaggisti e idrogeologi, assegnando risorse vere per la ricostruzione del patrimonio olivicolo del Salento».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400