Venerdì 15 Febbraio 2019 | 19:35

NEWS DALLA SEZIONE

Nuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 
Il caso
Lecce, voti in cambio di case popolari: in 35 a processo, anche politici

Lecce, voti in cambio di case popolari: in 35 a processo, anche politici

 
La tragedia
Lecce, schianto mortale mentre va al lavoro: muore 19enne

Lecce, schianto mortale mentre va al lavoro: muore 19enne

 
La lettera aperta
San Valentino, i 5 consigli di mons. Seccia agli innamorati: «Dio vi vuole felici»

San Valentino, i 5 consigli di mons. Seccia agli innamorati

 
L'inchiesta a Lecce
Giustizia svenduta: a Lecce altro magistrato nel mirino, si indaga su un albergo e questioni fiscali

Giustizia svenduta: altro magistrato nel mirino, si indaga su un albergo e questioni fiscali

 
La rapina in mattinata
Acquarica del Capo: entra in banca, spinge dipendente e porta via denaro

Acquarica del Capo: entra in banca, spinge dipendente e porta via denaro

 
Millantato credito
Chiedono soldi ad anziano per averlo aiutato ad avere indennità di accompagnamento: 2 arresti a Surbo

Chiedono soldi ad anziano per averlo aiutato all'Inps: 2 arresti a Surbo

 
Ha violato la messa alla prova
Ruba auto a Novoli: rintracciato, tira calcio a cc e tenta di scappare, arrestato 29enne

Fermato da cc per furto, tira calcio e tenta di scappare, arrestato nel Leccese

 
A Chiesanuova (Le)
Gallipoli, 20enne albanese perde il controllo dell'auto e muore mentre va al lavoro

Gallipoli, 20enne albanese perde il controllo dell'auto e muore mentre va al lavoro

 
Droga
Ricercato in Belgio va in vacanza a Nardò: arrestato 19enne

Ricercato in Belgio va in vacanza a Nardò: arrestato 19enne

 
L'allerta
Aids a Lecce: è allarme tra i giovani un nuovo contagio a settimana

Aids a Lecce: è allarme tra i giovani un nuovo contagio a settimana

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIn via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 
BariCon il sindaco
Putignano, Gabrielli sigla accordo per la nascita di un nuovo commissariato di polizia

Putignano, Gabrielli sigla accordo per la nascita di un nuovo commissariato di polizia

 
MateraNel Materano
Frana a Pomarico, Governo dà l'ok allo stato d'emergenza

Frana a Pomarico, governo dà l'ok allo stato d'emergenza

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 
BatSanità
Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

 

Verso le elezioni

Lecce, Salvemini si ricandida, il vice è Delli Noci

L'ex sindaco annuncia la ricandidatura, con una coalizione progressista, civica e moderata

Lecce, Salvemini si ricandida, il vice è Delli Noci

foto Massimino

«Oggi comunico la mia disponibilità...». Nemmeno il tempo di concludere la frase e, nell’affollata sala dell’Open Space di palazzo Carafa, erano già tutti in piedi ad applaudire. Carlo Salvemini è arrivato pochi minuti prima delle 11 e ha dispensato sorrisi, abbracci e strette di mano. Ha abbracciato sorridendo, in particolare, Alessandro Delli Noci seduto in prima fila tra i giornalisti.
«Come sapete, io di solito parlo a braccio - ha premesso al microfono Salvemini - Ma ci sono momenti in cui è utile lasciare una traccia perché le parole sono importanti». Ha citato (consapevolmente, inconsapevolmente, chi lo sa?) Nanni Moretti in «Palombella rossa». Lo stesso Moretti che, in un altro film («Aprile») sollecitava D’Alema a dire «qualcosa di sinistra». E, invece, per tutta la conferenza di ieri, Salvemini non ha mai pronunciato le parole «sinistra» o «centrosinistra».
«Oggi comunico la mia disponibilità a candidarmi sindaco della città, alla testa di una coalizione progressista, civica e moderata», ha scandito Salvemini. Per poi aggiungere di essere «profondamente convinto che progressismo e moderatismo possono camminare assieme ed essere felice sintesi politica di un progetto di governo cittadino».


Ieri scadevano i 20 giorni di «riflessione», dopo le dimissioni rassegnate lo scorso 7 gennaio, al termine del Consiglio comunale che ha dato l’ok alla manovra di riequilibrio pluriennale dei conti del Comune. «C’era per me bisogno di recuperare lucidità, di provare a guardare le cose con un distacco maggiore - ha spiegato l’ex sindaco - Il tempo della riflessione è stato dunque un tempo investito per arrivare a questo appuntamento con la lucidità, l’animo e la condizione fisica, emotiva, mentale indispensabili per partire verso un nuovo traguardo. Era necessario anche consentire alla città di guardare, a mente fredda, all’esperienza della nostra amministrazione, ai tanti provvedimenti su cui stavamo lavorando e che ci auguriamo non si fermino, ai progetti che abbiamo scritto, alle direzioni che abbiamo indicato. Le attestazioni che in questo periodo ciascuno di noi ha ricevuto, da parte di tantissime persone rafforzano in noi l’idea di aver segnato una discontinuità forte, reale, perché percepita trasversalmente; di aver lasciato un’impronta riconoscibile».


E ora si riparte con una nuova campagna elettorale. Già da domani Salvemini incontrerà partiti e movimenti. Unico «no» quello posto ad un nuovo accordo con «Andare Oltre» di Pippi Mellone e Massimo Fragola. «No, tra noi c’è stata una risoluzione consensuale», ha scherzato Salvemini. «Possiamo lavorare per allargare la coalizione sulla base di due necessarie premesse - ha poi spiegato - il riconoscimento del valore dell’esperienza del governo cittadino uscente; e la scelta di avere al mio fianco, come vicesindaco, Alessandro Delli Noci, se al termine della campagna elettorale i leccesi ci accorderanno fiducia».
Una nuova campagna elettorale che «non dovrà essere contro qualcuno, come accaduto in questo Open Space lo scorso 8 gennaio - ha ricordato Salvemini - Quel giorno un luogo istituzionale, come quello in cui ci troviamo, è stato utilizzato per brindare con champagne e pasticciotti allo scioglimento del Consiglio comunale.

I giorni trascorsi da quella mattina dimostrano che chi ha creato le condizioni per l’interruzione anticipata della consiliatura - costringendo la città al commissariamento e al voto anticipato - lo ha fatto in assenza di un progetto alternativo. L’urgenza, evidentemente, era togliere il potere da mani che da troppo tempo non erano le loro. Ma noi il potere, inteso come sostantivo, sinonimo di dominio, non lo abbiamo mai avuto. Lo abbiamo sempre interpretato come un verbo servile: potere cambiare, potere trasformare, potere migliorare la città».
Salvemini ha chiarito di non avere la sfera di cristallo per sapere cosa farà il centrodestra e chi sceglierà come suo avversario per la poltrona di primo cittadino. Quanto a Delli Noci, l’ex vicesindaco ha confermato che non sarà candidato. «Confermo la mia scelta - ha detto Delli Noci - e non, come sostiene qualcuno, per avere la poltrona senza candidarmi. Il mio consenso si misura sulla mia comunità civica che si mette a disposizione della città. Una comunità che sta crescendo. E rispetto alle minacce, che qualche candidato vicino a me ha ricevuto due anni fa, ora il peso di chi minacciava è notevolmente calato».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400