Venerdì 19 Ottobre 2018 | 12:43

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Migranti, Calimera offre ospitalitàsindaco Riace. Lega: spot a illegalità

Migranti, Calimera offre ospitalità sindaco Riace. Lega: spot a illega...

 
UN detenuto
Lecce, esce per un permesso e torna in carcere con una dose a mo' di supposta

Lecce, esce per un permesso e torna in carcere con una dose a mo' di s...

 
La sentenza
Mafia, Consiglio di Stato confermascioglimento comune di Parabita

Mafia, Consiglio di Stato conferma scioglimento Comune di Parabita

 
A Cavallino (LE)
Salento, pitbull azzanna un altro cane e proprietaria che tenta di difenderlo

Salento, pitbull azzanna un altro cane e proprietaria che tenta di dif...

 
Il gasdotto
Tap, Potì: «Tavolo anche per Emiliano e Arpa» Ma per ministero Ambiente: «incontro informale»

Tap, Potì: «Tavolo anche per Emiliano e Arpa» Ma per ministero Ambient...

 
Economia
La rivincita delle scarpe «made in Casarano»

La rivincita delle scarpe «made in Casarano»: i casi Donadeo e Parrott...

 
Igiene
Escrementi e cattivi odori: i disagi in via Zanardelli

Escrementi e cattivi odori: i disagi in via Zanardelli

 
A Carmiano (Lecce)
Sequestrati e pestati dal branco per un furto da 8mila euro mai commesso: 6 misure cautelari

Sequestrati e pestati dal branco per un furto da 8mila euro mai commes...

 
La richiesta dei commercianti
Centro aperto alle auto durante feste di Natale

Centro aperto alle auto durante feste di Natale

 
I movimenti
IL prefetto Palomba

Prefetti, a Lecce arriva Cucinotta
mentre Palomba va a Torino

 
Caso gasdotto a Palazzo Chigi
Tap, sindaco Melendugno da Conte:«Stop a progetto, commesse illegalità»

Tap, sindaco Melendugno da Conte per dire no. Palazzo Chigi: stop cost...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

Indagini della Polizia a Lecce

Dal robot di cucina al battitappeto:
così le truffe on line di due donne

Diverse vittime in Salento. Sono note in tutta Italia: sono una catanese e una napoletana

truffa web

Nelle scorse settimane, sono state identificate ed indagate dagli agenti della Divisione Anticrimine della Questura di Lecce le responsabili di alcune truffe online. Si tratta di una 23enne sarda, una 56 enne catanese e di due donne napoletane, tutte indagate in altre province italiane per reati dello stesso tipo commessi con le medesime modalità.

In tutti i casi, nonostante le vittime avessero versato la somma pattuita nessuna di esse aveva ricevuto l’oggetto concordato nella compravendita online. A seguito di un’attività info-investigativa, i poliziotti hanno riscontrato che la somma versata dalle vittime era accreditata su una carta prepagata utilizzata, appunto, per la vendita dalle donne che è risultato avessero tutte precedenti specifici per truffa. Gli oggetti, tutti di uso comune, variavano dal cellulare al robot da cucina, dal batti tappetto alla consolle per videogiochi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400