Venerdì 17 Settembre 2021 | 11:40

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

Giornata nera a Lecce

Pioggia e lavori paralizzano la città

Lunghe code in centro e traffico in tilt fino a sera

Pioggia e lavori paralizzano la città

LECCE - Una giornata piovosa, migliaia di auto, provenienti soprattutto dalle direzioni di Maglie e Gallipoli (le statali 16 e 101) ed i lavori dell’Acquedotto in via Cavallotti. Un cocktail perfetto per mandare in tilt il piccolo centro di Lecce. Una “straordinaria” giornata di traffico quella vissuta ieri dal capoluogo. Dalla mattina alla sera - con un piccolo break solo nel primo pomeriggio - il caos ha regnato nell’area di piazza Mazzini, nei viali e nei quartieri più centrali di Lecce. Auto incolonnate e lenti caroselli, tra concerti di clacson e gas scarico, hanno intasato la gran parte delle strade del centro.

«Un afflusso straordinario di automobili in città, provenienti soprattutto dagli ingressi sud e da Gallipoli», fanno sapere da Palazzo Carafa, precisando che si è trattato «in larghissima parte, di mezzi appartenenti a turisti e visitatori». Il traffico, spiegano dal Comune, ha creato difficoltà nella circolazione, in particolare in prossimità della rotatoria di ingresso da Maglie e delle arterie poste in entrata da Gallipoli. Le condizioni meteo non adatte per trascorrere la giornata in spiaggia ha spinto un grande numero di turisti a preferire la visita della città di Lecce, spostandosi in massa dalle località turistiche della costa. Dunque, precisano da Palazzo Carafa, se da un lato il centro storico si è riempito fin dal mattino di turisti in visita, per la felicità dei gestori delle attività commerciali, dall'altro i viali di accesso alla città sono stati interessati da code e rallentamenti. Ma quanto accaduto ha risvegliato le voci critiche che in questi giorni hanno censurato la scelta di inversione di marcia nella corsia interna di via Cavallotti in presenza dei lavori per la fogna. Tra queste, la consigliera Federica De Benedetto, (Forza Italia). «Parcheggi tagliati drasticamente in un anno, inversioni di marcia contemporanee all'inizio dei lavori, basterebbe dire: “abbiamo sbagliato”», commenta De Benedetto. «Perché - aggiunge - dall'amministrazione Salvemini non mi aspetto l'infallibilità, ma almeno l'umiltà di ammettere gli errori. E dopo mesi di proteste dei commercianti avere il coraggio di affermare che il grande afflusso di turisti ha mandato in tilt il traffico ma giovato ai loro affari, è di pessimo gusto». Per il segretario provinciale di FI, Paride Mazzotta, non c’è alcuna «straordinarietà», in quanto accaduto, perché «il traffico turistico in questo periodo è ipotizzabile e facilmente prevedibile». Da qui, l’appello a salvemini a «correre ai ripari» e a «rivedere il Piano della mobilità».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie