Venerdì 17 Settembre 2021 | 00:01

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

a gallipoli

Una notte di musica per cercare di salvare il Parco Gondar

Il Parco Gondar a Gallipoli è stato per anni un grande contenitore di musica e spettacoli che ha portato musicisti di fama mondiale, ma da aprile 2017 è stato sequestrato per presunti abusi edilizi. Domenica 10 un concerto per difenderlo

concerto per Parco Gondar

GALLIPOLI – Un concerto per salvare il Parco Gondar. Risuoneranno alte le note domani sera a Gallipoli da parte di trenta artisti che hanno aderito all'iniziativa, ai quali si aggiungeranno altre sorprese durante la serata. Una festa organizzata dietro all'hastag #ParcoGondarCommunity con 40 associazioni alle quali si sono aggiunti numerosi attestati di stima e sostegno sia da parte di comuni cittadini che di nuove organizzazioni, fino ad arrivare a più di 50 firmatari e quasi mille foto inviate da ogni parte del mondo per chiedere la riapertura della «casa della musica».

Il Parco Gondar a Gallipoli è stato per anni un grande contenitore di musica e spettacoli che ha portato musicisti di fama mondiale, ma da aprile 2017 è stato sequestrato per presunti abusi edilizi. Lo scorso anno fu concessa una parziale facoltà d'uso per non mandare in rovina l'attività e tutti coloro che vi orbitavano attorno. Ques'anno cessate le «esigenze imprenditoriali contingenti» però, hanno ripreso vigore le esigenze cautelari del sequestro e lo scorso aprile il Tribunale di Lecce ha rigettato la richiesta di dissequestro, «perché gli abusi edilizi contestati non sono stati sanati».

L'estate gallipolina rischia seriamente di restare orfana di grande musica. Ecco allora l'ideo del concerto da parte della comunità che vuole difendere il Parco Gondar.

«Siamo entusiasti delle copiose adesioni che ogni giorno continuano ad arrivare da parte di tutte le associazioni del territorio - dichiarano gli organizzatori Matteo Spada e Paolo Demitri, rispettivamente presidente e vicepresidente dell'Associazione commercianti e imprenditori di Gallipoli -. Associazioni che rappresentano ogni pezzo di società civile, da quelle rappresentative delle più varie categorie economiche a quelle ambientaliste, passando da quelle territoriali arrivando a quelle di quartiere. Tutte animate dalla voglia di portare in piazza ciò che per loro ha rappresentato il Parco Gondar: uno dei più importanti contenitori artistico culturali del Salento. Possiamo quindi affermare con immensa gioia che per la prima volta la quasi totalità delle suddette associazioni sposano una causa comune con immensa forza. Altra grande risposta l'abbiamo ricevuta dai numerosi artisti, musicisti e teatranti che si sono offerti di animare la serata. Anche a loro vanno i nostri più sentiti ringraziamenti. Un risultato che fa sperare bene per il futuro».

Dalle 20:00 fino a mezzanotte Vata e Ttina faranno gli onori di casa  sul palco di piazza Tellini, mentre dalle 19:00 l’evento sarà animato dai banchetti delle associazioni firmatarie dell'iniziativa cittadina, tra cui Legambiente, FIdas, Avis, Arcobaleno su Tanzania, La Band di Babbo Natale,con spettacoli teatrali a cura dei Ragazzi di Via Malinconico e Improvvisart, giocolieri, artisti di strada, aree dedicate all’animazione dei bambini, flashmob e manifestazioni sportive. Le due bande cittadine Filarmonica e Santa Cecilia percorreranno le vie del centro e della città vecchia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie