Lunedì 22 Ottobre 2018 | 23:28

NEWS DALLA SEZIONE

a Presicce
Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, arrestato 39enne nel Leccese

Nascondeva 2kg di droga nel fienile tra gli animali, ar...

 
Lo statuto è valido
Elezioni Confcommercio: il giudice dà il via libera

Elezioni Confcommercio: il giudice dà il via libera

 
L'iniziativa
A Racale il pranzo a colori per dire noalla mensa separati del comune di Lodi

A Racale il pranzo a colori per dire no alla mensa sepa...

 
Italia a 5 Stelle
Tap, Di Maio passa di lato a striscione attivisti a Circo Massimo

Tap, Di Maio passa di lato a striscione attivisti a Cir...

 
Il sequestro della villa
La denuncia alla Mirren farà scappare via i vip

«La denuncia alla Mirren farà scappare via i vip»

 
Dai Cc
Ugento, arrestato spacciatore 22enne: aveva cocaina e soldi

Ugento, arrestato spacciatore 22enne: aveva cocaina e s...

 
A Taurisano (Le)
Palpeggia donna per strada, arrestato 33enne pakistano

Palpeggia donna per strada, arrestato 33enne pakistano

 
L'intervista
Sgarbi: «Salento affascinante, ma poca offerta culturale»

Sgarbi: «Salento affascinante, ma poca offerta cultural...

 
Lavori senza autorizzazione
Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: indagata l'Oscar Helen Mirren

Lecce, da paladina degli ulivi a regina degli abusi: in...

 
La rivolta nel M5S
Tap, ultimatum ai parlamentari«Subito incontro o dimissioni»

Tap, ultimatum ai parlamentari «Subito incontro o dimis...

 
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

i più letti

lotta al batterio

Xylella, la Regione Puglia contro i sindaci: si rispetti il decreto Martina

Il decreto prevede l'uso dei fitofarmaci per fermare la sputacchina, il principale vettore della xylella fastidiosa

Contro gli interventi imposti dal ministro di contrasto alla xylella, hanno firmato ordinanze i sindaci di Nardò e Gallipoli

ulivo secco, xylella

BARI - La Regione Puglia contro i sindaci salentini che hanno alzato gli scudi contro il decreto Martina di contrasto alla Xylella. «La Regione Puglia è pronta a valutare e mettere in campo un’attività di contrasto alle ordinanze dei sindaci che immotivatamente vietano l’utilizzo di fitofarmaci nella lotta al vettore della Xylella». Lo ha sostenuto l’assessore alle Risorse agroalimentari della Puglia e coordinatore della Commissione agricoltura della Conferenza delle Regioni, Leonardo Di Gioia, al termine di un incontro tecnico con le associazioni agricole e l'osservatorio fitosanitario regionale.

La lotta allo stadio adulto del principale vettore della batteriosi prevede da maggio ad agosto due trattamenti specifici contro la sputacchina, con il primo trattamento da effettuarsi subito.

Contro gli interventi imposti dal decreto ministeriale sulla prevenzione, il controllo e l'eradicazione della Xylella fastidiosa il sindaco di Nardò, Pippi Mellone, ha firmato il 12 maggio scorso un’ordinanza contingibile e urgente con la quale ha «vietato su tutto il territorio comunale, a scopo cautelativo e in via precauzionale, utilizzare in agricoltura pesticidi e prodotti fitosanitari estranei alle normali prassi agricole, quindi nei modi e nelle forme previste dal decreto». Un intervento quello del sindaco di Nardò che è stato prontamente seguito anche dal sindaco di Gallipoli, Stefano Minerva.

«Chi non ottempera incappa nelle sanzioni. Questo deve essere chiaro perché ai sensi del Decreto Martina, dell’art 11 in particolare, l’osservatorio fitosanitario regionale deve declinare le prescrizioni per il territorio colpito dalla batteriosi della Xylella affinché si proceda con i due trattamenti fitosanitari obbligatori - ha spiegato Di Gioia -. Con le associazioni agricole, con i tecnici e con l'osservatorio fitosanitario regionale abbiamo convenuto che non si può derogare alle prescrizioni scientifiche contenute all’interno del provvedimento nazionale e che esiste una validazione fatta dal Ministero della Sanità e da organismi internazionali come l’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) su una serie di prodotti cui faremo riferimento affinché si possano utilizzare nell’ottemperare alle prescrizioni dei due trattamenti obbligatori». «Avremo l’accortezza e la premura di spiegare quali sono i principi attivi contenuti nei prodotti per fare in modo che nella scelta gli agricoltori possano orientarsi o meno su quelli che contengono neonicotinoidi (insetticidi dannosi per le api, ndr). Un qualcosa assolutamente consentito e prescritto come profilassi mirata sugli ulivi e sulla sputacchina, avendo caratteristiche utili».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400