Mercoledì 26 Febbraio 2020 | 08:55

NEWS DALLA SEZIONE

“Final Blow”
Lecce, associazione mafiosa dedita allo spaccio e gioco d'azzardo: 70 arresti

Lecce, associazione mafiosa dedita allo spaccio e gioco d'azzardo: 70 arresti

 
L'operazione Camaleonte
Lecce, falsi documenti per truffare banche e assicurazioni: 4 arresti

Lecce, falsi documenti per truffare banche e assicurazioni: 4 arresti

 
L'incidente
Fuori strada con la moto: muore una donna in Salento

Fuori strada con la moto: muore una donna in Salento

 
I controlli
Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

Dal Lodigiano ad Andrano: sospetto contagio da Coronavirus a pranzo nuziale per famiglia salentina

 
nel Leccese
Tubercolosi a Salice Salentino: 30enne contagia i genitori

Tubercolosi a Salice Salentino: 30enne contagia i genitori

 
Nel Salento
Patù, in vendita monumento nazionale: scoppia il caso «Centopietre»

Patù, in vendita monumento nazionale: scoppia il caso «Centopietre»

 
Misterioso episodio
Imbrattato col sangue citofono abitazione ex sindaco di Carmiano

Imbrattato col sangue citofono abitazione ex sindaco di Carmiano

 
università
Istituto Nazionale Astrofisica inaugura sezione all'UniSalento

Istituto Nazionale Astrofisica inaugura sezione all'UniSalento

 
nel Leccese
Chiesanuova, un'auto e una moto dati alle fiamme all'alba: indagano i cc

Chiesanuova, un'auto e una moto dati alle fiamme all'alba: indagano i cc

 
Presi dai Cc
Carmiano, rapinatori portano via carte Bancomat e si fanno fotografare allo sportello: arrestati

Carmiano, rapinatori portano via carte Bancomat e si fanno fotografare allo sportello: arrestati

 
al «fazzi»
Lecce, il paradosso del reparto di Odontostomatolgia: non ci sono posti letti «fissi»

Lecce, il paradosso del reparto di Odontostomatolgia: non ci sono posti letto «fissi»

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza

Bari in trasferta a Terni per non perdere la speranza: ma niente tifosi

 

NEWS DALLE PROVINCE

Lecce“Final Blow”
Lecce, associazione mafiosa dedita allo spaccio e gioco d'azzardo: 70 arresti

Lecce, associazione mafiosa dedita allo spaccio e gioco d'azzardo: 70 arresti

 
FoggiaLe ordinanze
Foggia, incendiarono mezzi raccolta rifiuti, arresti nella notte

Foggia, incendiarono mezzi raccolta rifiuti, arresti nella notte

 
BrindisiL'indagine
Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

Inchiesta porto Brindisi, chiuse indagini per 13 persone

 
BariL'udienza
Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

Acquaviva, uccise il marito a coltellate: chiesto processo per 29enne

 
TarantoI controlli
Taranto, due arresti per droga: in manette 21enne e 40enne

Taranto, due arresti per droga: in manette 21enne e 40enne

 
MateraIl concorso
Racconti, foto, ricette e poesie per promuovere il pane di Matera

Racconti, foto, ricette e poesie per promuovere il pane di Matera

 
BatTeppisti
Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

Trani, vandali in azione nel mirino auto e fioriere

 

i più letti

agricoltura e ambiente

Veleni contro la Xylella ma quei pesticidi saranno la fine dell’apicoltura salentina

Monta la protesta contro il decreto Martina che obbliga gloi agricoltori all'uso di pesticidi per cercare di contrastare la xylella. Contrari i bio agricoltori e gli apicoltori

api

UGENTO - «I trattamenti previsti dal decreto Martina segneranno la fine dell’apicoltura nel Salento e nella Valle d’Itria». Non usa mezzi termini, l’apicoltore Roberto Polo, per descrivere il destino dell’apicoltura salentina dopo l’introduzione delle nuove norme che impongono l’utilizzo di pesticidi per contrastare la diffusione della Xylella.

Polo gestisce l’azienda agrituristica «Sarruni», nelle campagne di Ugento, nel parco naturale, a pochi metri dal confine con Presicce. Da circa vent’anni porta avanti, con tecniche rigorosamente biologiche, anche una piccola apicoltura. «La situazione - spiega - non è delle migliori: fino a poco tempo fa riuscivo a produrre fino a 60 chili di miele con una sola cassetta di api, mentre oggi alcune cassette non ne producono affatto. Preferisco non prelevare quel poco miele prodotto, per lasciarlo alle api e, in questo modo, evitare che scompaiano del tutto. I trattamenti previsti dal decreto Martina non faranno altro che peggiorare ulteriormente la situazione, sancendo la fine dell’apicoltura nel Salento e nella Valle d’Itria». Si tratta, continua Roberto Polo, di «farmaci neurotossici che non causano la morte di singoli insetti, ma sterminano intere famiglie di api, oltre a tante altre specie. Ci stiamo avviando verso una situazione di non ritorno».

L’apicoltore ricorda che «circa l’80 per cento di ciò che noi mangiamo viene impollinato dalle api. L’introduzione di questi pesticidi, dunque, ci obbligherà ad importare da zone lontane tutto ciò che fino ad oggi abbiamo prodotto in loco. La situazione è già catastrofica, molte famiglie di api sono state sterminate. A ciò si aggiunga l’ignoranza di chi, quando si imbatte in uno sciame, anziché interpellare chi può raccoglierlo, usa pesticidi o fiamme per eliminarlo».

Gli apicoltori della zona, però, non hanno intenzione di stare a guardare lo scorrere degli eventi senza agire. «Per quanto mi riguarda - conclude Polo - ho già contattato i referenti del parco naturale, chiedendo anche a loro di prendere una posizione netta». L’auspicio dell’apicoltore ugentino è che tutti insieme ci si muova per evitare il declino dell’apicoltura e, più in generale, per tutelare la salute dell’uomo e la tutela dell’ambiente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie