Martedì 23 Aprile 2019 | 06:05

NEWS DALLA SEZIONE

A Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
Tutela ambientale
Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

Lecce, scatta il divieto di accensione dei fuochi e barbecue nei boschi

 
Il caso
Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

Lo operano per un'ernia, gli tolgono un testicolo: risarcito

 
Inchiesta Favori & giustizia
Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

Pm Arnesano resta ai domiciliari: ma farà Pasqua con i suoi

 
Nel Salento
Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

Gallipoli, carabinieri portano uova di Pasqua ai bimbi ricoverati in ospedale

 
Il caso
Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

Taviano, entra in chiesa per rubare le offerte, ma i fedeli chiamano i cc

 
Lite in famiglia
Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

Aradeo, colpisce con un coltello da cucina la cognata: arrestato

 
Il caso
Parabita, dopo le minacce arriva lo scudo dello Stato

Parabita, dopo le minacce arriva lo scudo dello Stato

 
La decisione
Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

Lecce, accusati di aver causato morte 87enne: assolti 4 medici

 
Verso il voto
«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

«Santini» elettorali per strada, a Lecce appello al senso civico

 
Nel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 

Il Biancorosso

IL COMMENTO
Il primo gradino di una scalache porta molto più in alto

Il primo gradino di una scala
che porta molto più in alto

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa raccolta differenziata
Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

Bari, arriva il porta a porta: da domani kit nei rioni San Paolo e Stanic

 
TarantoIl caso
Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

Taranto, ricoverato dopo incidente si getta dalla finestra dell'ospedale: morto 29enne

 
BrindisiMolestie in famiglia
Turturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

Tuturano, minaccia di morte l'ex moglie: arrestato 46enne

 
LecceA Ugento
Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

Lecce, picchia e spara ad un 28enne poi punta l'arma contro i cc: arrestato

 
BatLa sentenza
Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

Trani, barca affondata nella darsena: Comune pagherà i danni

 
FoggiaSpaccio
San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

San Severo, la droga tra i panini: arrestato un fornaio

 
PotenzaLa nuova giunta
Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

Regione Basilicata, Laguardia verso la vicepresidenza

 
MateraDai Carabinieri
Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

Ferrandina, spacciava in circolo ricreativo: arrestato 27enne

 

agricoltura e ambiente

Veleni contro la Xylella ma quei pesticidi saranno la fine dell’apicoltura salentina

Monta la protesta contro il decreto Martina che obbliga gloi agricoltori all'uso di pesticidi per cercare di contrastare la xylella. Contrari i bio agricoltori e gli apicoltori

api

UGENTO - «I trattamenti previsti dal decreto Martina segneranno la fine dell’apicoltura nel Salento e nella Valle d’Itria». Non usa mezzi termini, l’apicoltore Roberto Polo, per descrivere il destino dell’apicoltura salentina dopo l’introduzione delle nuove norme che impongono l’utilizzo di pesticidi per contrastare la diffusione della Xylella.

Polo gestisce l’azienda agrituristica «Sarruni», nelle campagne di Ugento, nel parco naturale, a pochi metri dal confine con Presicce. Da circa vent’anni porta avanti, con tecniche rigorosamente biologiche, anche una piccola apicoltura. «La situazione - spiega - non è delle migliori: fino a poco tempo fa riuscivo a produrre fino a 60 chili di miele con una sola cassetta di api, mentre oggi alcune cassette non ne producono affatto. Preferisco non prelevare quel poco miele prodotto, per lasciarlo alle api e, in questo modo, evitare che scompaiano del tutto. I trattamenti previsti dal decreto Martina non faranno altro che peggiorare ulteriormente la situazione, sancendo la fine dell’apicoltura nel Salento e nella Valle d’Itria». Si tratta, continua Roberto Polo, di «farmaci neurotossici che non causano la morte di singoli insetti, ma sterminano intere famiglie di api, oltre a tante altre specie. Ci stiamo avviando verso una situazione di non ritorno».

L’apicoltore ricorda che «circa l’80 per cento di ciò che noi mangiamo viene impollinato dalle api. L’introduzione di questi pesticidi, dunque, ci obbligherà ad importare da zone lontane tutto ciò che fino ad oggi abbiamo prodotto in loco. La situazione è già catastrofica, molte famiglie di api sono state sterminate. A ciò si aggiunga l’ignoranza di chi, quando si imbatte in uno sciame, anziché interpellare chi può raccoglierlo, usa pesticidi o fiamme per eliminarlo».

Gli apicoltori della zona, però, non hanno intenzione di stare a guardare lo scorrere degli eventi senza agire. «Per quanto mi riguarda - conclude Polo - ho già contattato i referenti del parco naturale, chiedendo anche a loro di prendere una posizione netta». L’auspicio dell’apicoltore ugentino è che tutti insieme ci si muova per evitare il declino dell’apicoltura e, più in generale, per tutelare la salute dell’uomo e la tutela dell’ambiente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400