Domenica 26 Maggio 2019 | 23:34

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

POULE SCUDETTO

Bari, domenica con l'Avellinoconta solamente vincere

Bari, domenica con l'Avellino
conta solamente vincere

La ricorsa allo scudetto della serie D passa attraverso un confronto storico

La rincorsa del Bari allo scudetto di serie D ripartirà da Avellino. Domenica al «Partenio», però, i biancorossi non disputeranno soltanto il secondo turno della poule per il tricolore dei dilettanti (peraltro con l’obbligo di vincere dopo il pareggio di domenica scorsa con il Picerno: senza il successo, l’approdo alla final four sarebbe pressochè impossibile), ma affronteranno una sfida dal sapore antico, andata in scena ben 28 volte tra serie A, B e Coppa Italia. Sarà un anticipo di una serie C che potrebbe presentarsi con un numero spropositato di compagini di rango elevatissimo. Probabilmente come mai in passato. E allora, è utile vedere nel dettaglio quali potrebbero essere le rivali dei galletti.
LE SICURE - Al netto di eventuali problemi finanziari che potrebbero pregiudicare la partecipazione di alcune compagini, al momento nel girone C (ovvero il raggruppamento meridionale) ci saranno con certezza Siracusa, Rieti, Vibonese, Sicula Leonzio e Cavese che hanno conquistato la salvezza senza accedere ai playoff. A queste si aggiungono Rende, Casertana e Monopoli, eliminate al primo turno dei playoff promozione. E ancora: il Picerno emerso dal girone H di serie D e il già citato Avellino che ha vinto il girone G. Fin qui, potrebbero non segnalarsi autentiche corazzate (ma gli irpini sono molto ambiziosi), ma si tratta comunque di otto compagini reduci da un torneo positivo, con organici collaudati: insomma, potenziali mine vaganti.
LE PROBABILI - Sono ancora in corsa per la promozione in B Potenza, Virtus Francavilla, Reggina, Catania, Catanzaro e Trapani e qui il livello già diventa temibile. Le ultime quattro citate, ad esempio, avevano programmato con decisione l’assalto alla cadetteria. Nella migliore delle ipotesi, potrebbero essere promosse in due da questo lotto, ma è un’eventualità remota: significherebbe che verranno dal girone C le altre due compagini che accederanno in B attraverso i playoff nazionali. In ottica Bari, sarebbe già fondamentale che almeno una big abbandonasse una compagnia fin troppo nobile. Meno blasonata, ma sarebbe comunque un ulteriore derby, è il Bisceglie, in lotta per evitare la retrocessione tramite i play out.
 DUE POTENZIALI MACIGNI - L’ultimo orientamento della Lega cadetta, per quanto clamoroso, potrebbe creare un campionato che persino definire “B2” sarebbe riduttivo. La retrocessione del Palermo determinata dalla sentenza del tribunale federale si aggiungerebbe a quella del Foggia, sancita dal campo, poiché al momento la scelta della Lega è non disputare i playout. Si preannunciano ricorsi a valanga, ma non si può scartare l’ipotesi di un girone con Bari, Foggia, Palermo, Catania, Reggina, Trapani, Catanzaro e Avellino. Roba da far tremare i polsi. E attenzione anche alle ripescabili, se qualche compagine dovesse venir meno: Turris, Cerignola, Taranto sono società che mescolano tradizioni a importanti progetti di crescita.
LE STRATEGIE BIANCOROSSE - I piani del Bari saranno svelati giovedì in una conferenza stampa alla quale parteciperanno il presidente Luigi De Laurentiis, il club manager Matteo Scala, l’allenatore Giovanni Cornacchini, fresco di conferma per la prossima stagione. Una cosa è certa: bisognerà attrezzarsi con mezzi pesanti. Affiancare ai migliori interpreti dell’attuale rosa non meno di 7-8 elementi d’alto lignaggio. Per competere alla pari con ogni grande e tentare in ogni modo di uscire immediatamente da un torneo che rischia di diventare nel tempo (con società di prestigio che muoiono e rinascono con frequenza sempre maggiore) una palude fittissima. Malgrado una concorrenza potenzialmente terribile, il Bari dovrà puntare al massimo traguardo. La città del pallone, vittima dei catastrofici eventi degli ultimi otto anni, non potrebbe tollerare un torneo di assestamento. Non in serie C, almeno. Una categoria troppo stretta per una piazza che smania per tornare nel calcio dei grandi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 8...

 
Bari, da indispensabili a inutililo strano destino degli under

Bari, da indispensabili a inutili lo strano destino deg...

 
Bari, 10 milioni di euro per il mercatoDe Laurentiis vuole crescere in fretta

Bari, 10 milioni di euro per il mercato: De Laurentiis ...

 
Di Cesare e Floriano campionato topPiovanello l'under più in palla

Di Cesare e Floriano campionato top Piovanello l'under ...

 
Rosina, è addio alla SalernitanaE se il Bari facesse un pensierino?

Rosina, è addio alla Salernitana. E se il Bari facesse ...

 
Cornacchini: "Daremo battaglia ad AvellinoDimostreremo di essere la squadra più forte"

Cornacchini: «Ad Avellino dimostreremo di essere la squ...

 
De Laurentiis e il futuro del Bari "In serie C saremo protagonisti"

De Laurentiis e il futuro del Bari "In serie C saremo p...

 
Avellino-Bari, una partita a rischioalmeno 500 i tifosi baresi in trasferta

Avellino-Bari, una partita a rischio almeno 500 i tifos...