Domenica 24 Marzo 2019 | 16:02

 

Tutto sul Bari calcio

il Biancorosso Facebook
 

IL PERSONAGGIO

Floriano e il titolo di bomber"Un pensierino lo faccio..."

Floriano e il titolo di bomber
"Un pensierino lo faccio..."

Il numero sette del Bari punta a vincere la classifica marcatori

«Sono lì…magari un pensierino lo faccio». Lo dice con il sorriso, Roberto Floriano. Senza dar troppa importanza. Eppure, sarebbe bello se il numero sette del Bari riuscisse davvero nell’impresa di vincere la classifica marcatori del girone I di serie D. Sarebbe un ulteriore riconoscimento per riempire di allori la stagione che deve segnare la rinascita biancorossa, dopo anni di incredibili sofferenze ed umiliazioni. Avere già la miglior difesa dell’intera quarta serie, essere in corsa per avere anche l’attacco più forte ed il bomber del raggruppamento sarebbero segnali di un dominio assoluto, della voglia di vincere e competere per ogni traguardo, senza lasciare nulla al caso. Ha segnato 12 reti (senza rigori) complessive il 32enne esterno offensivo: un bottino che lo pone sul terzo gradino del podio nel girone, alle spalle di Longo della Turris (primo a quota 15) e Crucitti della Cittanovese (autore di 14 marcature). Floriano, però, ha dalla sua i colpi del calciatore di categoria superiore e sta vivendo un girone di ritorno a vele spiegate: basti pensare che nei nove turni disputati dopo il giro di boa, ha già siglato sei reti eguagliando l’intero raccolto del girone d’andata. In più, se nella prima parte di campionato ha trovato nel «San Nicola» il suo giardino prediletto (un solo centro in trasferta fino a metà torneo), ora sta regolarmente esultando anche lontano dalle mura amiche: al ritorno, ha già colpito a San Cataldo, Locri e Città di Messina. Insomma, l’assalto al trono dei bomber del girone è certamente pane per i suoi denti. «In effetti, non sono lontano dai migliori marcatori del gruppo I», afferma Floriano. «Far gol fa piacere a tutti ed essere capocannoniere sarebbe una bella soddisfazione. Tuttavia, adesso l’obiettivo è chiudere la pratica promozione il prima possibile. Occorre spingere al massimo ancora per le prossime quattro-cinque gare, poi dovremmo esserci». L’ultimo calciatore biancorosso ad aver vinto una classifica marcatori è un nome da brivido: Igor Protti che conquistò addirittura la corona di capocannoniere in serie A nel 1995-95, con 24 gol, al pari di Giuseppe Signori, all’epoca in forza alla Lazio. In B, invece, trionfò Edy Bivi nel 1984-85, con 20 gol. In epoca recente, è andato ad un soffio da tale traguardo pure Paulo Vitor Barreto, autore di 23 reti nel 2008-09: l’attaccante brasiliano fu il trascinatore della squadra che, sotto la guida di Antonio Conte, sbarcò trionfalmente in A. In definitiva, pur evidenziando contesti e livelli molto differenti, vincere la classifica marcatori con la maglia biancorossa equivale comunque ad entrare nella storia del calcio barese e ad accostarsi ad autentici miti del passato. Floriano, peraltro, potrebbe inseguire altri due obiettivi personali. Innanzitutto, il record di segnature personali sancito nel 2014 con la maglia del Mantova (sempre in D), nonché spuntarla su Simone Simeri e Samuele Neglia, ovvero i due compagni di reparto che lo inseguono rispettivamente a quota dieci e nove gol. «In effetti non sarebbe male eguagliare il mio primato di marcature - ammette Floriano - perché significherebbe aver disputato un campionato molto positivo. Per quanto concerne l’altalena del gol con Simeri e Neglia, invece, non c’è assolutamente competizione. Fin dall’inizio della stagione, il mantra di questo gruppo è mettere il bene comune davanti a tutto. Chiunque tra noi veda il compagno meglio piazzato, passa sempre il pallone, senza pensare a numeri o statistiche personali. Siamo qui per riportare il Bari nel minor tempo possibile quantomeno in B, ovvero nella categoria in cui era fallito. E chissà, magari poi potremo inseguire un sogno ancora più grande, anche se non è il momento di pensarci. Per il futuro, però, sono fiducioso: questa squadra vanta tanti elementi con esperienza in C e B: perciò, ci sono le basi per essere competitivi anche il prossimo anno». Complice la sosta di domenica, intanto, oggi i biancorossi svolgeranno l’ultimo allenamento della settimana: il gruppo si ritroverà martedì per cominciare a preparare l’incontro di domenica 17 al San Nicola contro il Castrovillari. Altra tappa di avvicinamento alla C.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DAL BIANCOROSSO

Palmese - Bari: segui la diretta

Palmese - Bari: segui la diretta

 
Bari, le scelte di mister Cornacchini"Palmese difesa forte e ben organizzata"

Bari, le scelte di mister Cornacchini "Palmese difesa f...

 
Bari, Simeri al centro dell'attacco?Con la Palmese Cornacchini ci prova

Bari, Simeri al centro dell'attacco? Con la Palmese Cor...

 
Come sostituire Hamlili?Le soluzioni di Cornacchini

Come sostituire Hamlili?
Le soluzioni di Cornacchini

 
Il tecnico della Palmese"I tifosi la nostra arma in più"

Il tecnico della Palmese "I tifosi la nostra arma in pi...

 
"Tutto iniziò in quel di Trapani"I primi 43 anni di radiocronache

"Tutto iniziò in quel di Trapani" I primi 43 anni di ra...

 
Vi ricordate lo steward della Turris?Condannato a cinque anni di Daspo

Vi ricordate lo steward della Turris? Condannato a cinq...

 
Bari, Hamlili e Feola indisponibilicon la Palmese arrivano le novità

Bari, Hamlili e Feola indisponibili con la Palmese arri...