Domenica 19 Settembre 2021 | 11:23

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

turismo

Melfi e Venosa guidano
la Basilicata culturale

Il museo Pallottino e l'area archeologica i più visitati del 2017

il castello di Venosa

di PIERO MIOLLA

Il Museo Archeologico Nazionale del Melfese «Massimo Pallottino» è stato il più visitato nel 2017 in Basilicata, mentre l’Archeologico Nazionale di Venosa, con il +38,8%, ha fatto registrare la variazione percentuale più importante in regione. Dall’altro lato, il Museo Archeologico Nazionale della Alta Val d’Agri di Grumento Nova, ultimo sia in termini di visitatori (4.532) che in termini di gap negativo rispetto al 2016, con un eloquente -28,4%.

I dati diffusi dal Mibact, relativi alla «massa» di visitatori del settore in Italia nel 2017, hanno confermato che la Basilicata cresce: quasi 15mila, infatti, visitatori in più nel 2017 (precisamente 14.952) per un incremento che si è tradotto in maggiori introiti pari a 197.857 euro. Oltre ad avvalorare un incremento record per tutto il Belpaese, andato oltre i 50 milioni di visitatori nel suo complesso, dunque, i dati hanno reso onore alla nostra regione, passata dai 235.468 del 2016 ai 250.420 visitatori del 2017, con un incremento del 6,3%. Pur non rientrando tra le cinque migliori performance italiane, quanto sopra conferma che musei e siti archeologici lucani crescono in appeal e che la Basilicata, pur con qualche eccezione, è in grado di far valere la sua offerta turistico-culturale, non solo attraverso l’ineguagliabile strumento rappresentato da Matera Capitale Europea della Cultura 2019. Tra i luoghi della cultura a ingresso gratuito della nostra regione, inoltre, i dati del Mibact confermano che il Tempio delle Tavole Palatine a Bernalda è stato visitato da oltre 25.300 persone, il parco archeologico dell’area urbana di Bernalda da 25mila, e il Museo Archeologico Nazionale di Muro Lucano da quasi 3.300. Tornando ai musei, come presenze al secondo posto troviamo il Musma (Museo Nazionale d’Arte Medievale e Moderna) di Matera, con 33.758 visitatori (+18% rispetto al 2016), seguito dal Ridola della Capitale Europea della Cultura con 21.197 (+20), dal quello Archeologico Nazionale di Metaponto, che, però, fermandosi a 20.365 visitatori ha in realtà registrato un decremento del -5,2% (/nel 2016, infatti, era stato visitato da 21.474 persone. Bene l’area archeologica di Venosa (17.071 visitatori: +23,8%), il Museo Nazionale della Siritide di Policoro con 16.779 (+6,6), il Parco archeologico di Herakleia, sempre a Policoro (16.778: +8,1), il Museo Archeologico Nazionale di Venosa (12.290: +38,8) e l’Archeologico Nazionale «Dino Adamesteanu» di Potenza, passato dai 6.547 visitatori del 2016 ai 7.319 del 2017 (+11,8).

Infine, il Museo Archeologico Nazionale della Alta Val d’Agri di Grumento Nova, di cui abbiamo già dato conto. Stando ai dati del Mibact, dunque, il settore in Basilicata tira. Ancora tanto, però, si può fare. Ad iniziare dalla valorizzazione dei numerosi siti del tutto sconosciuti ai più, per non parlare del tentativo di creare un vero e proprio parco della Magna Grecia. È tempo che la Basilicata accresca la sua offerta turistica attraverso un’azione sinergica, territoriale, per non risultare impreparata rispetto ad altri contesti: è necessaria maggiore consapevolezza, così come è fondamentale che la politica sia meno schiava del territorio di appartenenza di questo o quell’esponente partitico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie