Venerdì 21 Settembre 2018 | 05:59

Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno

Quella iniziativa di solidarietà della Gazzetta

Sarajevo, a 22 anni
dalla guerra un progetto
per ricordare nostro legame

Sarajevo, a 22 anni dalla guerraun progetto per ricordare il legametra la Puglia e i bambini bosniaci

Con l'ambasciatore Nicola Minasi a Sarajevo

SARAJEVO - Raccontare, 22 anni dopo, quella guerra che incendiò i Balcani: è questo l'obiettivo a cui mira l'iniziativa di un giornalista italiano, Franco Giuliano, inviato nel 1995 a Sarajevo dal suo giornale, "La Gazzetta del Mezzogiorno".

Tornato in questi giorni nella capitale bosniaca, il giornalista della Gazzetta del Mezzoigorno ha incontrato gli stessi protagonisti che, allora, raccontarono quella tragedia, tra i quali il cardinale Vinco Pulic ed il vescovo Pero Sudar. Quest'ultimo nei giorni dell'assedio della città simbolo, affidó a La Gazzetta del Mezzogiorno un appello ricolto al presidente degli Stati Uniti Bill Clinton per chiedere viveri per gli abitanti della sua città ridotti alla fame. Un grido di aiuto che fu ripreso da tutta la stampa internazionale e che forse contribuì a mobilitare le coscienze e la politica: nei mesi successivi Sarajevo sotto le bombe riuscì ad ottenere un varco per l'arrivo degli aiuti umanitari. Anche dall'Italia e dalla Puglia. GUARDA IL VIDEO 

Obiettivo dell'iniziativa, 22 anni dopo è quello di rintracciare i testimoni che durante quella tragedia dai banchi della scuola Cattolica di Sarajevo, scrissero lettere-appello ai loro coetanei italiani: ex-bambini, che a quel tempo avevano tra i 7 e i 12 anni, furono i destinatari di iniziative umanitarie e di solidarietà da parte degli italiani ed, in particolare, dei pugliesi. Dall’Italia, in tanti si strinsero intorno ai bimbi bosnaici e serbi, con messaggi e doni che il giornale pugliese distribuì con l'aiuto del Contingente italiano, guidato in quegli anni dal generale Agostino Pedone (anch'egli pugliese). Tutto arrivò (con un aereo militare , un enorme C130, messo a disposizione dall'Aeronautica militare) ai bimbi del centro Cattolico e ai bambini del quartiere serbo di Vogosha, alla periferia della città, simbolo di quel conflitto che coinvolse l'Europa ed il mondo intero.

Oggi, attraverso quelle lettere, grazie all'aiuto del Centro scolastico Cattolico di Sarajevo e alla Ambasciata Italiana a Sarajevo si vuole rintracciare quegli ex-bambini per scoprire come è cambiata la loro vita e scavare nella loro memoria per raccontare le loro storie, dopo un’infanzia ferita dalle bombe. Storie che diventeranno un libro, pubblicato a Sarajevo, tradotto, oltre che in italiano, in Croato e Inglese e che conterrà i ricordi e le interviste - oltre che del Cardinale Pulic, del vescovo Sudar, del direttore della scuola Cattolica bosniaca (con oltre 1.600 studenti: dalle elementari al liceo Classico e alla scuola per infermieri) di suor Elizabetta Cocic, la religiosa che aiutò il nostro giornale a costruire in quel delicato momento storico quel ponte tra l'Italia, la Puglia e Sarajevo, dell'ambasciatore italiano nella capitale bosniaca Nicola Minasi - soprattutto di quei ex bambini che oggi a 22 anni di distanza rappresentano il futuro di questo Paese nel quale convivono in insieme croati, serbi, musulmani bosniaci.

La Bosnia con la sua storia e la sua cultura multietnica, oggi - a distanza di oltre due decenni da quell'evento che fece 11mila vittime - può diventare un interlocutore privilegiato dell'Italia e dell'Europa. A questo proposito oltre al tentativo di verificare la possibilità di un collegamento aereo diretto tra la Puglia e Sarajevo, l'iniziativa mira anche ad avviare dei gemellaggi tra alcune scuole pugliesi (di Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi) e quelle di Sarajevo, a cominciare con il Centro Cattolico dove una enorme parete ospita i nomi di tutti i donatori che contribuirono alla sopravvivenza di quella scuola, tra i quali anche «La Gazzetta del Mezzogiorno».

Ecco il comunicato pubblicatoSUL SITO UFFICIALE DELL'AMBASCIATA D'ITALIA A SARAJEVO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

ALTRI ARTICOLI DALLA SEZIONE

Contrabbando, 7 quintali bionde su nave Marina: pm di Brindisi stringe il cerchio

Contrabbando, 7 quintali di «bionde» su nave Marina: pm Brindisi stringe il cerchio

 
Processo on line e giudici di paceLe «arringhe» dell'Aiga al ministroBonafede. «Falsità su Palagiustizia»

Processo on line e giudici di pace
Le «arringhe» dell'Aiga al ministro
Bonafede:«Falsità su Palagiustizia» Vd

 
Tumori, titanio con stampa 3 Dal posto di sterno e 6 costoleTrapianto da film per una pugliese

Tumori, protesi con stampa 3 D
al posto di sterno e 6 costole
Trapianto da film per una pugliese

 
Il Biancorosso torna in edicolaEcco tutte le novità: la diretta

Bari calcio, torna «Il Biancorosso»:
Sul web anche spazio per i tifosi

 
Patto Emiliano-Cassano protesta solo la sinistra

Patto Emiliano-Cassano protesta solo la sinistra

 
Aiga, Bonafede in arrivo a Trani: «Potrei usare volo di Stato ma prendo uno di linea»

Aiga, Bonafede in arrivo a Trani: «Potrei usare volo di Stato, prendo uno di linea»

 
Il Lecce cerca la retta via

Il Lecce cerca la retta via

 
Foggia, il saluto di Giannetti: «Lascio un club sano».

Foggia, il saluto di Giannetti: «Lascio un club sano».

 

GDM.TV

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede«Falsità le accuse contro di me»

Palagiustizia, l'affondo di Bonafede
«Falsità le accuse contro di me»

 
Gli studenti del Poliba creano la PC5 2018 EVO: ecco la monoposto da corsa

Bari, la nuova monoposto da corsa
creata dagli studenti del Politecnico

 
I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: in arrivo la Red Bull Cliff Diving

I campioni di tuffi si sfidano a Polignano: ecco la Red Bull Cliff Diving

 
La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

La droga dal Marocco a Pisa per lo spaccio in tutta Italia fino a Bari

 
Pesca a strascico, il grande fratello inchioda 11 barche: in cella comandante di peschereccio

Pesca a strascico, multate 11 barche
in cella comandante di peschereccio

 
Fiera: gli spazi più amati dai 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento "military style" con l'esercito

Fiera: 260mila visitatori, Toti e Tata e l'allenamento «military style»

 
Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

Bari, il coro dei 600 tifosi in trasferta a Messina

 
Bari, anziano cade in un pozzoil salvataggio dei Vigili del fuoco

Bari, anziano cade in un pozzo
il salvataggio dei Vigili del fuoco Vd

 

PHOTONEWS