Sabato 16 Febbraio 2019 | 02:12

NEWS DALLA SEZIONE

L'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
Sfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
In via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 
Nel Materano
Frana a Pomarico, Governo dà l'ok allo stato d'emergenza

Frana a Pomarico, governo dà l'ok allo stato d'emergenza

 
A poggioreale (Na)
Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

 
Sanità
Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

 
Parla Gabrielli
Prefettura Bari, Gabrielli: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

Prefetto Bari: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

 
Nel Barese
Bancarotta fraudolenta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

Bancarotta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

 
L'appuntamento
Locri - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Bari, su Biancorosso le nuove maglie e il futuro di Cornacchini. Locri-Bari, il prepartita Video

 
Sanità
Asl Bari verso il licenziamento di 25 medici: «Stop ai pensionati negli ambulatori»

Asl Bari verso il licenziamento di 25 medici: «Stop pensionati in ambulatori»

 
Scandalo sanità
Diabete, scandalo Freestyle: la striscia per misurare glicemia, in Puglia costa più che nel resto d'Italia

Diabete: in Puglia la striscia per misurare glicemia costerà più che nel resto d'Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

Quella iniziativa di solidarietà della Gazzetta

Sarajevo, a 22 anni
dalla guerra un progetto
per ricordare nostro legame

Sarajevo, a 22 anni dalla guerraun progetto per ricordare il legametra la Puglia e i bambini bosniaci

Con l'ambasciatore Nicola Minasi a Sarajevo

SARAJEVO - Raccontare, 22 anni dopo, quella guerra che incendiò i Balcani: è questo l'obiettivo a cui mira l'iniziativa di un giornalista italiano, Franco Giuliano, inviato nel 1995 a Sarajevo dal suo giornale, "La Gazzetta del Mezzogiorno".

Tornato in questi giorni nella capitale bosniaca, il giornalista della Gazzetta del Mezzoigorno ha incontrato gli stessi protagonisti che, allora, raccontarono quella tragedia, tra i quali il cardinale Vinco Pulic ed il vescovo Pero Sudar. Quest'ultimo nei giorni dell'assedio della città simbolo, affidó a La Gazzetta del Mezzogiorno un appello ricolto al presidente degli Stati Uniti Bill Clinton per chiedere viveri per gli abitanti della sua città ridotti alla fame. Un grido di aiuto che fu ripreso da tutta la stampa internazionale e che forse contribuì a mobilitare le coscienze e la politica: nei mesi successivi Sarajevo sotto le bombe riuscì ad ottenere un varco per l'arrivo degli aiuti umanitari. Anche dall'Italia e dalla Puglia. GUARDA IL VIDEO 

Obiettivo dell'iniziativa, 22 anni dopo è quello di rintracciare i testimoni che durante quella tragedia dai banchi della scuola Cattolica di Sarajevo, scrissero lettere-appello ai loro coetanei italiani: ex-bambini, che a quel tempo avevano tra i 7 e i 12 anni, furono i destinatari di iniziative umanitarie e di solidarietà da parte degli italiani ed, in particolare, dei pugliesi. Dall’Italia, in tanti si strinsero intorno ai bimbi bosnaici e serbi, con messaggi e doni che il giornale pugliese distribuì con l'aiuto del Contingente italiano, guidato in quegli anni dal generale Agostino Pedone (anch'egli pugliese). Tutto arrivò (con un aereo militare , un enorme C130, messo a disposizione dall'Aeronautica militare) ai bimbi del centro Cattolico e ai bambini del quartiere serbo di Vogosha, alla periferia della città, simbolo di quel conflitto che coinvolse l'Europa ed il mondo intero.

Oggi, attraverso quelle lettere, grazie all'aiuto del Centro scolastico Cattolico di Sarajevo e alla Ambasciata Italiana a Sarajevo si vuole rintracciare quegli ex-bambini per scoprire come è cambiata la loro vita e scavare nella loro memoria per raccontare le loro storie, dopo un’infanzia ferita dalle bombe. Storie che diventeranno un libro, pubblicato a Sarajevo, tradotto, oltre che in italiano, in Croato e Inglese e che conterrà i ricordi e le interviste - oltre che del Cardinale Pulic, del vescovo Sudar, del direttore della scuola Cattolica bosniaca (con oltre 1.600 studenti: dalle elementari al liceo Classico e alla scuola per infermieri) di suor Elizabetta Cocic, la religiosa che aiutò il nostro giornale a costruire in quel delicato momento storico quel ponte tra l'Italia, la Puglia e Sarajevo, dell'ambasciatore italiano nella capitale bosniaca Nicola Minasi - soprattutto di quei ex bambini che oggi a 22 anni di distanza rappresentano il futuro di questo Paese nel quale convivono in insieme croati, serbi, musulmani bosniaci.

La Bosnia con la sua storia e la sua cultura multietnica, oggi - a distanza di oltre due decenni da quell'evento che fece 11mila vittime - può diventare un interlocutore privilegiato dell'Italia e dell'Europa. A questo proposito oltre al tentativo di verificare la possibilità di un collegamento aereo diretto tra la Puglia e Sarajevo, l'iniziativa mira anche ad avviare dei gemellaggi tra alcune scuole pugliesi (di Francavilla Fontana, in provincia di Brindisi) e quelle di Sarajevo, a cominciare con il Centro Cattolico dove una enorme parete ospita i nomi di tutti i donatori che contribuirono alla sopravvivenza di quella scuola, tra i quali anche «La Gazzetta del Mezzogiorno».

Ecco il comunicato pubblicatoSUL SITO UFFICIALE DELL'AMBASCIATA D'ITALIA A SARAJEVO

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400