Lunedì 10 Agosto 2020 | 08:11

NEWS DALLA SEZIONE

L'appuntamento
Il premier Conte a Ceglie Messapica scende in «Piazza»

Il premier Conte a Ceglie Messapica scende in «Piazza»

 
Dopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
L'aggiornamneto nazionale
Coronavirus in Italia, cresce curva contagi (+463), in calo i decessi (

Coronavirus in Italia, cresce curva contagi (+463), calo dei decessi (+2)

 
Occupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
il bollettino
Coronavirus Puglia

Coronavirus, in Puglia 9 nuovi casi su 1368 tamponi

 
nel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
L'intervista
«Il taglio dei parlamentari non regge senza le riforme»

«Il taglio dei parlamentari non regge senza le riforme»: la parola a Luciano Violante

 
politica pugliese
«Che errore la linea da duri e puri pronto al dialogo con Emiliano»

Lattanzio lascia il M5S: «Che errore la linea da duri e puri, pronto al dialogo con Emiliano»

 
Elezioni
«Non voterò per Emiliano lui vuole solo yes-man»

Puglia, Liviano non si ricandida: «Non voterò per Emiliano, lui vuole solo yes-man»

 
L'inchiesta
Taranto, lesioni colpose,. Indagati 10 medici

Taranto, perde una gamba dopo il ricovero: indagati 10 medici per lesioni colpose

 
L'intervista
«Bene Corvino, ora porti nel Salento una punta con la fame di La Mantia»

«Bene Corvino, ora porti nel Salento una punta con la fame di La Mantia»

 

Il Biancorosso

serie c
Troppi over, il Bari col bisturi  taglio chirurgico a ogni arrivo

Troppi over: il Bari col bisturi, taglio chirurgico a ogni arrivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaDopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
TarantoOccupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
Leccenel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
MateraIl caso
Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

 
PotenzaIl caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
Batverso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, il premier Conte ospite de «La Piazza»

 

i più letti

bruttissimo caso nel Potentino

Ex suora fatta schiava
e lasciata morire
In sette davanti al Gup

La storia di Santina Lofrano ceduta per lavorare in cambio di un piatto di cibo, e poi, dopo una frattura al femore, costretta a strisciare fino al letto e abbandonata a morire

di GIOVANNI RIVELLI

POTENZA - Forse aveva scelto di finire la vita monacale per cercare quella libertà che 30 anni di convento non le avevano concesso ma ha finito i suoi giorni in schiavitù, ceduta per lavorare in cambio di un piatto di cibo, e poi, dopo una frattura al femore, costretta a strisciare fino al letto, rimasta nella sporcizia delle sue deiezioni e infine abbandonata a morire in un ospedale.

È un racconto di una crudeltà inumana quello della storia di Santina Lofrano, originaria di Francavilla in Sinni. Un racconto ora al centro dell’udienza preliminare partita davanti al Gup Michela Tiziana Petrocelli, a cui il Pm Laura Triassi ha chiesto il processo per 7 persone, 4 delle quali accusate addirittura di averla ridotta in schiavitù con «poteri corrispondenti a quelli del diritto di proprietà», per fatti accaduti tra inizio 2010 e fine 2013.

Tutto, secondo l’accusa, avrebbe avuto origine da due lontani parenti, i coniugi Paolo Madoglio, 74 anni di Rocca Imperiale, e Maria Ferraiuolo, 70 anni di Francavilla (difesi dall’avv. Vincenzo Bonafine). Avrebbero approfittato di una deficienza psichica della Lofrano per indurla a vendere la propria casa di Francavilla per appropriarsi del ricavato e comprarsi un immobile a Rocca Imperiale, quindi l’avrebbero privata della libertà e prima, condotta presso una famiglia del Cosentino a fare la badante (impossessandosi sia della retribuzione ricevuta che della pensione che l’anziana percepiva) poi l’avrebbero trasferita «presso l’agriturismo “La Collinetta” di Nova Siri, dei coniugi Ferrara-Corrado cui cedevano la Lofrano (poi deceduta) unitamente alla sua pensione». Una cessione, come fosse un oggetto, che avrebbe portato anche i coniugi Filomena Carla Bruna Corrado e Pierlucio Ferrara, titolari dell’agriturismo, (difesi dall’avv. Vincenzo Guida) a rispondere delle accuse di aver «schiavizzato» la donna e in più di averla maltrattata arrivando all’episodio che ne determinerà la morte. Prima, infatti, la costringevano a vivere nascosta e a lavorare senza restribuzione mentre Corrado si faceva delegare a riscuotere la pensione appropriandosene. Il tutto, affermano i Pm, con «quotidiane e continue umiliazioni, minacce, privazioni e vessazioni». Ma il culmine si sarebbe raggiunto quando, a seguito di una caduta in casa, la Lofrano (alloggiata in un edificio staccato dall’agriturismo) si fratturò femore e anca. La donna, strisciando, avrebbe raggiunto la casa di Ferrara per chiedere cure, ma le sarebbero state negate e così, sempre strisciando, sarebbe ritornata a nella sua stanza, nel suo letto, dove è rimasta priva di assistenza tra le sue stesse feci fino a quando la Corrado non la portava in ospedale a Policoro dove sarebbe stata abbandonata.

Minori le accuse rivolte agli altri tre imputati, i figli di Madoglio e Ferraiuolo, Giovanna e Angelo Antonio, e la moglie di questi, Rita Gallo (difesi dall’avv. Bonafine). Sono accusati di aver in qualche modo cooperato coi genitori beneficiando degli ingiusti profitti e di aver poi provato a dissimularne la provenienza.

La discussione continuerà ora nell’udienza dell’8 novembre dopo che l’avv. Guida ieri ha sollevato delle eccezioni preliminari (a lui si è contrapposto il legale dei familiari della Lofrano, l’avv. Vito Forte). Poi toccherà al Gup prendere la prima decisione su una storia dai contorni agghiaccianti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie