Sabato 16 Febbraio 2019 | 05:07

NEWS DALLA SEZIONE

L'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
Sfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
In via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 
Nel Materano
Frana a Pomarico, Governo dà l'ok allo stato d'emergenza

Frana a Pomarico, governo dà l'ok allo stato d'emergenza

 
A poggioreale (Na)
Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

Viola i domiciliari, Tommy Parisi torna in carcere

 
Sanità
Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

Castellana Grotte, Emiliano inaugura il reparto di Oncologia al De Bellis

 
Parla Gabrielli
Prefettura Bari, Gabrielli: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

Prefetto Bari: «Terrorismo minaccia liquida, tenere alta la guardia»

 
Nel Barese
Bancarotta fraudolenta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

Bancarotta per 1,3mln di euro: GdF sequestra capannone a Gioia del Colle, 4 denunce

 
L'appuntamento
Locri - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Bari, su Biancorosso le nuove maglie e il futuro di Cornacchini. Locri-Bari, il prepartita Video

 
Sanità
Asl Bari verso il licenziamento di 25 medici: «Stop ai pensionati negli ambulatori»

Asl Bari verso il licenziamento di 25 medici: «Stop pensionati in ambulatori»

 
Scandalo sanità
Diabete, scandalo Freestyle: la striscia per misurare glicemia, in Puglia costa più che nel resto d'Italia

Diabete: in Puglia la striscia per misurare glicemia costerà più che nel resto d'Italia

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatIl caso
«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

«Ti amo Luigi», a Trani imbrattata la Cattedrale. Il sindaco: fidanzata idiota

 
BariL'anniversario
Bari, 20 anni dalla morte Tatarella: un libro per ricordarlo

Bari, ricordato Tatarella a 20 anni dalla morte

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 
MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 

bruttissimo caso nel Potentino

Ex suora fatta schiava
e lasciata morire
In sette davanti al Gup

La storia di Santina Lofrano ceduta per lavorare in cambio di un piatto di cibo, e poi, dopo una frattura al femore, costretta a strisciare fino al letto e abbandonata a morire

suora

di GIOVANNI RIVELLI

POTENZA - Forse aveva scelto di finire la vita monacale per cercare quella libertà che 30 anni di convento non le avevano concesso ma ha finito i suoi giorni in schiavitù, ceduta per lavorare in cambio di un piatto di cibo, e poi, dopo una frattura al femore, costretta a strisciare fino al letto, rimasta nella sporcizia delle sue deiezioni e infine abbandonata a morire in un ospedale.

È un racconto di una crudeltà inumana quello della storia di Santina Lofrano, originaria di Francavilla in Sinni. Un racconto ora al centro dell’udienza preliminare partita davanti al Gup Michela Tiziana Petrocelli, a cui il Pm Laura Triassi ha chiesto il processo per 7 persone, 4 delle quali accusate addirittura di averla ridotta in schiavitù con «poteri corrispondenti a quelli del diritto di proprietà», per fatti accaduti tra inizio 2010 e fine 2013.

Tutto, secondo l’accusa, avrebbe avuto origine da due lontani parenti, i coniugi Paolo Madoglio, 74 anni di Rocca Imperiale, e Maria Ferraiuolo, 70 anni di Francavilla (difesi dall’avv. Vincenzo Bonafine). Avrebbero approfittato di una deficienza psichica della Lofrano per indurla a vendere la propria casa di Francavilla per appropriarsi del ricavato e comprarsi un immobile a Rocca Imperiale, quindi l’avrebbero privata della libertà e prima, condotta presso una famiglia del Cosentino a fare la badante (impossessandosi sia della retribuzione ricevuta che della pensione che l’anziana percepiva) poi l’avrebbero trasferita «presso l’agriturismo “La Collinetta” di Nova Siri, dei coniugi Ferrara-Corrado cui cedevano la Lofrano (poi deceduta) unitamente alla sua pensione». Una cessione, come fosse un oggetto, che avrebbe portato anche i coniugi Filomena Carla Bruna Corrado e Pierlucio Ferrara, titolari dell’agriturismo, (difesi dall’avv. Vincenzo Guida) a rispondere delle accuse di aver «schiavizzato» la donna e in più di averla maltrattata arrivando all’episodio che ne determinerà la morte. Prima, infatti, la costringevano a vivere nascosta e a lavorare senza restribuzione mentre Corrado si faceva delegare a riscuotere la pensione appropriandosene. Il tutto, affermano i Pm, con «quotidiane e continue umiliazioni, minacce, privazioni e vessazioni». Ma il culmine si sarebbe raggiunto quando, a seguito di una caduta in casa, la Lofrano (alloggiata in un edificio staccato dall’agriturismo) si fratturò femore e anca. La donna, strisciando, avrebbe raggiunto la casa di Ferrara per chiedere cure, ma le sarebbero state negate e così, sempre strisciando, sarebbe ritornata a nella sua stanza, nel suo letto, dove è rimasta priva di assistenza tra le sue stesse feci fino a quando la Corrado non la portava in ospedale a Policoro dove sarebbe stata abbandonata.

Minori le accuse rivolte agli altri tre imputati, i figli di Madoglio e Ferraiuolo, Giovanna e Angelo Antonio, e la moglie di questi, Rita Gallo (difesi dall’avv. Bonafine). Sono accusati di aver in qualche modo cooperato coi genitori beneficiando degli ingiusti profitti e di aver poi provato a dissimularne la provenienza.

La discussione continuerà ora nell’udienza dell’8 novembre dopo che l’avv. Guida ieri ha sollevato delle eccezioni preliminari (a lui si è contrapposto il legale dei familiari della Lofrano, l’avv. Vito Forte). Poi toccherà al Gup prendere la prima decisione su una storia dai contorni agghiaccianti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400