Mercoledì 03 Marzo 2021 | 06:36

NEWS DALLA SEZIONE

La corsa per i playoff
Lecce, a Via Del Mare nulla di fatto contro l'Entella: finisce 0-0

Lecce, a Via Del Mare nulla di fatto contro l'Entella: finisce 0-0

 
I dati
Carcere Puglia e Basilicata, 59 positivi in 12 istituti. Il «record» a Trani con 11 contagiati

Carceri Puglia e Basilicata, 59 positivi in 12 istituti. Il «record» a Trani con 11 contagiati

 
Un 28enne
Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

 
L'elezione
Giornalisti, Nitti nuovo presidente Ussi Puglia

Giornalisti, Nitti nuovo presidente Ussi Puglia

 
Il bollettino nazionale
Covid 19 in Italia, 17.083 casi e 343 morti nelle ultime 24 ore

Covid 19 in Italia, 17.083 casi e 343 morti nelle ultime 24 ore

 
Il bollettino
Puglia,

Puglia a rischio «inglese», su i contagi: altri 1.021 casi (11% sui test). Allarme decessi: 40 in un giorno. In aumento i ricoveri

 
Serie C
Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

 
Il virus
Covid 19 a Conversano, focolaio di variante inglese in una scuola: 14 positivi

Covid 19 a Conversano, focolaio di variante inglese in una scuola: 14 positivi

 
Il caso
Tricase, i Nas all'ospedale: bar chiuso dopo i controlli

Tricase, i Nas all'ospedale: bar chiuso dopo i controlli

 
Nasce un nuovo gruppo
L'effetto nuovo leader frena l’emorragia pentastellata

L'effetto nuovo leader frena l’emorragia pentastellata

 
L'incidente
Bari, auto perde il controllo e si ribalta: sfondato cancello di villa a Torre a Mare

Bari, tamponamento sulla S16, camion si ribalta e sfonda cancello a Torre a Mare

 

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

Calcio Bari, Carrera: «Con Juve Stabia cerchiamo continuità»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa nuova sede
Crac Popolare Bari, il processo durerà un anno: previste 60 udienze in Fiera

Crac Popolare Bari, il processo durerà un anno: previste 60 udienze in Fiera

 
LecceUn 28enne
Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

Estorsioni, a Surbo faceva inginocchiare le vittime e le sequestrava: in cella

 
Bat
Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

Bisceglie, Guardia costiera sequestra 8mila ricci di mare: tutti rigettati in mare

 
Covid news h 24Il virus
Taranto, tamponi agli avvocati nelle tensostrutture in tribunale

Taranto, tamponi agli avvocati nelle tensostrutture in tribunale

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

Coronavirus in Basilicata, 149 nuovi positivi su 1776 tamponi: un morto

 
BrindisiIl caso
Brindisi, tartaruga in vasca del Petrolchimico: salvata dai vigili del fuoco

Brindisi, tartaruga in vasca del Petrolchimico: salvata dai vigili del fuoco

 
FoggiaIl caso
Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

Foggia, omicidio del tabaccaio Traiano: il minore, presunto assassino, fa scena muta

 
MateraLa decisione
Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

Ambiente, firmata l'intesa: così Matera diventa «Plastic Free»

 

i più letti

Sicurezza nelle campagne

Mesagne, braccianti sfoltivano
foglie con guanti non a norma
oltre 7mila euro di multa

Sanzione dell'Ispettorato del lavoro: le lavoratrici non avevano neanche gli scarponi. L'imprenditore: non era attività pericolosa

Mesagne, braccianti sfoltivanofoglie con guanti non a normaoltre 7mila euro di multa

FEDERICA MARANGIO

Costa decisamente cara una giornata lavorativa - affidata ad un gruppo di braccianti - per un imprenditore agricolo proprietario di un podere nel Mesagnese a pochi chilometri dal confine con il Comune di San Pancrazio Salentino.
Una multa da settemila euro gli sarebbe stata inflitta dall’Ispettorato del lavoro, i cui operatori avrebbero trovato non consono alle norme sulla sicurezza l’abbigliamento delle 4 operaie, regolarmente assunte per svolgere alcuni lavori in campagna.

Le quattro donne, che stavano lavorando alla spollonatura – ossia sfoltimento e alleggerimento delle foglie delle piante di vite – erano sprovviste (a quanto pare) dei guanti anti-taglio e delle scarpe antinfortunistiche. Il podere inoltre, stando alla relazione dell’ispettore, mancava del bagno chimico.

Le operaie avevano i guanti di plastica, ma non è valso a nulla contro la decisione dell’ispettore che si è attenuto ai regolamenti previsti in caso di lavori di questo tipo. Le stesse braccianti, peraltro, si erano sottoposte alla visita medica prevista dal medico del lavoro, procedura imposta per garantire la sicurezza nei luoghi di lavoro. Erano inoltre provviste del DVR, ossia del documento di valutazione dei rischi, previsto dalla legge.

L’imprenditore agricolo con molti anni di esperienza nel settore ha fatto ricorso. In realtà, in materia c’è molta confusione circa l’interpretazione delle nuove leggi, poiché “non si comprende se è necessario svolgere la visita medica dopo cinquantuno giorni dall’assunzione e se sì quale imprenditore deve provvedere in caso di più assunzioni”. Al momento l’imprenditore preferisce attendere prima di procedere al pagamento della multa salata, poiché la ritiene «assolutamente ingiusta rispetto alla situazione delle operaie e del contesto nel quale stavano lavorando». La spollonatura, infatti, non è un’operazione pericolosa. “Cadendo semplicemente delle foglie a cosa servono i guanti anti-taglio?”, ha fatto sapere. La normativa non è chiarissima e si presta a varie interpretazioni. Proprio per questo, intende vederci chiaro nella speranza che la sanzione venga annullata o ridimensionata.

Di certo, i controlli nelle campagne proseguono e anche nei prossimi giorni gli ispettori del lavoro saranno impegnati in servizi tesi a far rispettare le norme previste a tutto vantaggio dei lavoratori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Antonio Delli Fiori

    29 Maggio 2017 - 15:26

    Il d.lgs 81/08 e la circolare ministeriale del marzo 2013 chiarisce che le visite mediche sono preassuntive e "per i lavoratori che complessivamente non superino le 50 giornate, la valenza delle stesse é biennale". Inoltre il del DVR non devono essere dotate le lavoratrici ma i lavoratori. E sul tema non esiste alcuna confusione esistono solo troppi imbroglioni che si spacciano per esperti in sicurezza fregando soldi ai datori di lavoro!

    Rispondi

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie