Martedì 19 Febbraio 2019 | 05:45

NEWS DALLA SEZIONE

Sentenza d'appello
Trani, giudice Nardi calunniò colleghe e avvocato: confermata condanna

Trani, giudice Nardi calunniò colleghe e avvocato: confermata condanna

 
Gestione affidata all'Ager
Rifiuti in Puglia, intesa sull''organico: 100 euro a tonnellata, niente trucchi sulle impurità

Rifiuti in Puglia, intesa sull'organico: 100 euro a tonnellata, niente «trucchi» su impurità. Stea: verso riduzione Tari

 
Trasporti
Lavori aeroporto Foggia, Emiliano: «Basta ritardi, la misura è colma»

Lavori aeroporto Foggia, Emiliano: «Basta ritardi, la misura è colma»

 
Dopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
Vicino al Duomo
Lecce, banda di baby bulli aggredisce 13enni: indaga la Polizia

Lecce, banda di baby bulli aggredisce 13enni: indaga la Polizia

 
La lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
La rabbia del sindaco
Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

Giovinazzo, imbrattano con spray il palazzo vescovile: «Gesto da mocciosi»

 
La discussione alla camera
Acqua, la riforma grillina smantellerà pure Aqp

Acqua, la riforma grillina smantellerà pure Aqp

 
Nel Nordbarese
Trani, 2700 bombole GPL non collaudate: maxisequestro della GdF

Trani, 2700 bombole GPL non collaudate: maxisequestro della GdF

 
La nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
Lotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Mini-eolico: la verità di Parrotto

«Turbina malfunzionante?
Non ha nulla a che fare
con quelle che brevetto io»

Gianluigi Parrotto

Gianluigi Parrotto e la sua turbina

di Pierangelo Tempesta

CASARANO - «Offerta solo fornitura di sostegno per una turbina non prodotta da me».

Gianluigi Antonio Parrotto, il giovane imprenditore di Casarano specializzato nella produzione di impianti per la produzione domestica di energia elettrica da fonti rinnovabili, interviene in merito alla notizia della condanna della sua società «GpRenewable» a risarcire un cliente di Ugento per il mancato funzionamento di un mini-impianto eolico.

«Una mia società, con sentenza di primo grado, dunque non passata in giudicato, è stata condannata a risarcire un utente di Ugento, perché si è occupata esclusivamente di offrire “fornitura di sostegno” per una turbina che non funzionerebbe e che, come si evince pure dall’etichetta, non è stata prodotta da me ma da una società con sede nel nord Italia». Parrotto sottolinea che la turbina «è già fuori produzione da tre anni. In questo caso la mia società si è occupata solo di curare la parte commerciale e la vicenda nulla ha a che fare con le turbine da me brevettate». Un dettaglio, sottolinea lo stesso imprenditore, che «non è scritto nella sentenza».

A conferma di quanto sostenuto, continua Parrotto, «ci sono tutte le certificazioni relative, la targhetta affissa vicino alla stessa turbina e la relazione del consulente tecnico d’ufficio nominato dal tribunale. La mia società, quindi, in quell’impianto come in altri forniti tre anni fa, dunque prima della realizzazione del mio primo brevetto, ha curato solo l’aspetto commerciale, ha fatto da intermediaria fra la casa madre e il cliente, lasciando addirittura a terzi esperti del settore l’installazione e il collaudo della turbina, come nel caso di Ugento. Eventuali responsabilità, anche nel caso della condanna di primo grado di qualche giorno fa, saranno valutate ulteriormente dalla magistratura».

«Essendo per me prioritarie la soddisfazione del cliente e l’efficienza del prodotto - chiude - da anni il mio team ha ideato modelli più prestanti, ponendo maggiore attenzione nella selezione della società installatrice e del luogo in cui viene installata la turbina: perché pur impiantando un mega impianto eolico, se non ci sarà vento l’energia non si potrà mai produrre. Ho fiducia nella magistratura e mi auguro che anche in questa circostanza, seppur per una vicenda che nulla ha a che fare con le mie turbine, possa fare maggiore chiarezza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400