Martedì 17 Settembre 2019 | 12:31

NEWS DALLA SEZIONE

Ambiente
Polignano, in stallo il progetto del resort a Costa Ripagnola

Polignano, in stallo il progetto del resort a Costa Ripagnola

 
Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Nella notte
Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione al Comune

Foggia, danneggiata auto assessore: terza intimidazione al Comune

 
Verso il 2020
Regionali, Emiliano: niente primarie, la candidatura tocca a me

Regionali, Emiliano: niente primarie, la candidatura tocca a me

 
L'inchiesta
Foggia, truffa fondi Ue: sequestrati beni, interdetti 5 imprenditori

Foggia, truffa fondi Ue: sequestrati beni, interdetti 5 imprenditori

 
L'inchiesta
Cerignola, olio di semi spacciato per extra vergine: arresti e sequestri in Puglia e Toscana

Cerignola, olio di semi spacciato per extra vergine: arresti e sequestri in Puglia e Toscana

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

 
Incastrata dai filmati
Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

 
Serie A
Calcio, Torino - Lecce:

Calcio, Torino - Lecce: affondo dei giallorossi, battono il Toro 2-1

 
Serie C
Calcio, Bari-Reggina:

Calcio, Bari-Reggina: finisce 1-1. Gol di Sabbione

 
I dati
Imprese, vola l'export della Puglia verso Bulgaria e Ucraina: + 68%

Imprese, vola l'export della Puglia verso Bulgaria e Ucraina: + 68%

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariLa ricerca
Grasso sul cuore, studio UniBa: rischio scompenso solo in obesi

Grasso sul cuore, studio UniBa: rischio scompenso solo in obesi

 
MateraUna settimana di eventi
Pax Mater, la Città dei Sassi capitale della pace

Pax Mater, la Città dei Sassi capitale della pace

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
PotenzaA Londra
Birra lucana bissa titolo campione del mondo

Birra lucana bissa titolo campione del mondo

 
BrindisiIncastrata dai filmati
Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

 
Tarantonel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
BatL'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 

i più letti

Accusati di essere i mandanti

Omicidio Luisi a Bari
arrestati due pregiudicati
del clan Strisciuglio

Omicidio Luisi a Bari arrestati due pregiudicati del clan Strisciuglio

BARI - Sono Vito Valentino, di 32 anni, e Alessandro Ruta, di 30, i presunti mandanti dell’omicidio di Antonio Luisi e del tentato omicidio del padre Luigi Luisi. Antonio Luisi fu ucciso il 30 aprile 2016 in un agguato compiuto in un circolo privato di via Calefati, a Bari, dopo essersi frapposto tra i colpi di pistola dei sicari e il padre, ritenuto obiettivo dei killer.

Il provvedimento cautelare, che riporta le accuse di omicidio premeditato, tentato omicidio, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco, in concorso, con l’aggravante del metodo mafioso, è stato notificato ad entrambi in carcere. Valentino e Ruta, appartenenti al clan Strisciuglio, egemone al quartiere Libertà, avrebbero organizzato l’omicidio di Luigi Luisi, detto Gino, perché - secondo la polizia - era diventato una presenza ingombrante nel rione.

Secondo quanto ricostruito dagli uomini della Squadra Mobile di Bari, grazie anche a informazioni rese da collaboratori di giustizia, Vito Valentino, appena uscito dal carcere, era tornato a imporre la sua presenza sul quartiere pretendendo che Gino Luisi, vicino ai Mercante, gli versasse 200mila euro, calcolati sulla base dei presunti guadagni provenienti dallo spaccio della droga. Una 'tassà per continuare a spacciare sul territorio. Ma Luisi pare gli abbia concesso solo 5mila euro, stando al racconto dei collaboratori di giustizia. Ma ciò che avrebbe fatto irritare ancora di più Valentini è che Luisi abbia preso le parti di un commerciante vittima delle estorsioni. Così sarebbe stato deciso il suo omicidio durante incontri avvenuti a casa di pregiudicati all’epoca agli arresti domiciliari. Durante l'agguato i killer uccisero Antonio Luisi, incensurato e figlio di Gino, che si frappose tra il padre e il sicario che aveva il volto coperto da un casco integrale.

Il 16 febbraio scorso la polizia ha fermato i presunti autori dell’uccisione di Gino Luisi (ferito in un agguato il 31 ottobre 2016 e morto il 14 novembre successivo): Gaetano Remini, di 19 anni, e Maurizio e Donato Sardella, padre e figlio, di 47 e 21 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie