Martedì 18 Dicembre 2018 | 16:09

NEWS DALLA SEZIONE

L'evento

Raf e Umberto Tozzi si raccontano alla Gazzetta: SEGUI LA DIRETTA

 
Il congresso
Bari, summit nazionale dei penalisti: «La riforma è un errore»

Bari, summit nazionale dei penalisti: «La riforma è un errore»

 
I dati
Turismo in Puglia, il settore cresce: +6,8% di strutture ricettive

Turismo in Puglia, il settore continua a crescere: +6,8% di strutture ricettive

 
La decisione del gip
Omicidio Noemi, disposte nuove indagini su madre e padre fidanzato killer

Omicidio Noemi, disposte nuove indagini su madre e padre fidanzato killer

 
Morti bianche
Lucera, operaio di Altamura muore schiacciato da pala meccanica

Lucera, operaio di Altamura muore schiacciato da una pala meccanica

 
Sanità
Policlinico Bari, tra 180 giorni arriva il nuovo pronto soccorso

Policlinico Bari, tra 180 giorni arriva il nuovo pronto soccorso

 
Il fermo
Neonazista francese bloccato da polizia a Ostuni: su di lui mandato di cattura internazionale

Neonazista francese bloccato da polizia a Ostuni:
su di lui mandato di cattura internazionale

 
Serie B
Foggia, trittico terribilesulla strada della risalita

Foggia, trittico terribile
sulla strada della risalita

 
SERIE B
Le due facce del LecceBrescia tappa di crescita

Le due facce del Lecce
Brescia tappa di crescita

 
Occupazione
Taranto, a rischio 120 lavoratori Lsu: l'appello dei sindacati

Taranto, a rischio 120 lavoratori Lsu: l'appello dei sindacati

 
L'aggressione
Brindisi, aggredisce i cc con una zappa: fermato con spray al peperoncino

Brindisi, aggredisce i cc con una zappa: fermato con spray al peperoncino

 

Accusati di essere i mandanti

Omicidio Luisi a Bari
arrestati due pregiudicati
del clan Strisciuglio

Omicidio Luisi a Bari arrestati due pregiudicati del clan Strisciuglio

BARI - Sono Vito Valentino, di 32 anni, e Alessandro Ruta, di 30, i presunti mandanti dell’omicidio di Antonio Luisi e del tentato omicidio del padre Luigi Luisi. Antonio Luisi fu ucciso il 30 aprile 2016 in un agguato compiuto in un circolo privato di via Calefati, a Bari, dopo essersi frapposto tra i colpi di pistola dei sicari e il padre, ritenuto obiettivo dei killer.

Il provvedimento cautelare, che riporta le accuse di omicidio premeditato, tentato omicidio, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco, in concorso, con l’aggravante del metodo mafioso, è stato notificato ad entrambi in carcere. Valentino e Ruta, appartenenti al clan Strisciuglio, egemone al quartiere Libertà, avrebbero organizzato l’omicidio di Luigi Luisi, detto Gino, perché - secondo la polizia - era diventato una presenza ingombrante nel rione.

Secondo quanto ricostruito dagli uomini della Squadra Mobile di Bari, grazie anche a informazioni rese da collaboratori di giustizia, Vito Valentino, appena uscito dal carcere, era tornato a imporre la sua presenza sul quartiere pretendendo che Gino Luisi, vicino ai Mercante, gli versasse 200mila euro, calcolati sulla base dei presunti guadagni provenienti dallo spaccio della droga. Una 'tassà per continuare a spacciare sul territorio. Ma Luisi pare gli abbia concesso solo 5mila euro, stando al racconto dei collaboratori di giustizia. Ma ciò che avrebbe fatto irritare ancora di più Valentini è che Luisi abbia preso le parti di un commerciante vittima delle estorsioni. Così sarebbe stato deciso il suo omicidio durante incontri avvenuti a casa di pregiudicati all’epoca agli arresti domiciliari. Durante l'agguato i killer uccisero Antonio Luisi, incensurato e figlio di Gino, che si frappose tra il padre e il sicario che aveva il volto coperto da un casco integrale.

Il 16 febbraio scorso la polizia ha fermato i presunti autori dell’uccisione di Gino Luisi (ferito in un agguato il 31 ottobre 2016 e morto il 14 novembre successivo): Gaetano Remini, di 19 anni, e Maurizio e Donato Sardella, padre e figlio, di 47 e 21 anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400