Lunedì 10 Agosto 2020 | 11:00

NEWS DALLA SEZIONE

CORONAVIRUS
Bari, terzo caso di fila: positiva una partoriente

Bari, terzo caso di fila: positiva una partoriente

 
tragedia
Biccari, perde controllo auto e si schianta contro muro: muore 55enne

Biccari, perde controllo auto e si schianta contro muro: muore 55enne

 
L'INCHIESTA
Bari, «Mazzette per gli appalti del dissesto»

Bari, «mazzette» per gli appalti del dissesto: indagati funzionari Regione

 
L'appuntamento
Il premier Conte a Ceglie Messapica scende in «Piazza»

Il premier Conte a Ceglie Messapica scende in «Piazza»

 
Dopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
L'aggiornamneto nazionale
Coronavirus in Italia, cresce curva contagi (+463), in calo i decessi (

Coronavirus in Italia, cresce curva contagi (+463), calo dei decessi (+2)

 
Occupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
il bollettino
Coronavirus Puglia

Coronavirus, in Puglia 9 nuovi casi su 1368 tamponi

 
nel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
L'intervista
«Il taglio dei parlamentari non regge senza le riforme»

«Il taglio dei parlamentari non regge senza le riforme»: la parola a Luciano Violante

 
politica pugliese
«Che errore la linea da duri e puri pronto al dialogo con Emiliano»

Lattanzio lascia il M5S: «Che errore la linea da duri e puri, pronto al dialogo con Emiliano»

 

Il Biancorosso

serie c
Troppi over, il Bari col bisturi  taglio chirurgico a ogni arrivo

Troppi over: il Bari col bisturi, taglio chirurgico a ogni arrivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

Foggiaa borgo mezzanone
Foggia, rapinano auto ad agricoltore e la incendiano

Foggia, rapinano auto ad agricoltore e la incendiano

 
Lecceindagini dei CC
Cavallino, aggrediscono un parente col bastone per questioni ereditarie: arrestati 70enne e 23enne

Cavallino, aggrediscono parente con bastone per questioni ereditarie: 2 arrestati

 
Potenzafase 3
Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

Regione Basilicata, fondo perduto microimprese, approvazione elenchi beneficiari

 
TarantoOccupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
MateraIl caso
Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

 
Batverso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, il premier Conte ospite de «La Piazza»

 

i più letti

Schema idrico Basento-Bradano

20 anni, miliardi spesi e abbandono
Ecco il progetto dei sogni traditi

20 anni, miliardi spesi e abbandonoEcco il progetto dei sogni traditi

ANTONIO MASSARO

GENZANO DI LUCANIA- Che fine ha fatto il celebrato progetto pilota nell'ambito del più articolato mega schema idrico «Basento-Bradano?».
E' la domanda che si pongono tanti agricoltori della fascia bradanica che intravedevano in questo progetto un promettente avvio del più ampio piano di irrigazione del comprensorio. Piano che nelle intenzioni avrebbe dovuto trasformare le attuali colture estensive in intensive con più raccolti nel corso dell'anno e quindi con innegabili vantaggi a favore della depressa economia locale.
E invece cosa è successo? E' presto detto. Il progetto-pilota in agro di Acerenza e Oppido Lucano all'inizio di 800 ettari, poi portati a 1200, finanziato oltre 20 anni addietro dalla Regione Basilicata con 8 miliardi di vecchie lire, realizzato e perfino collaudato, si trova per usare un eufemismo in stato di quiescenza. Insomma nella formula più giusta abbandono totale per la rabbia degli agricoltori.
Progetto pilota, presentato dall’Ente irrigazione di Puglia e Basilicata, in un convegno a Genzano nel lontano 1998. La struttura: bocchette e contatori per l'irrigazione dei campi, una grande vasca e non per ultima anche l'abitazione per il custode. Il tutto fra le erbacce e degrado, e con tralicci che mostrano segni di decadimento. Un esperimento mai partito, fra le imprecazioni degli agricoltori.
«Una beffa - dicono esasperati - una cattedrale nel deserto. Spreco di denaro pubblico per una struttura che sta lì a marcire».
A rincarare maggiormente la dose è un agricoltore che gestisce la sua azienda in agro di Acerenza in contrada «Macchione». «Siamo alle solite -dice Carlo Baldantoni - sarà colpa della burocrazia, o della politica , fatto sta che da queste parti non decolla nulla. Dirò di più al danno si aggiunge anche la beffa. Dal Consorzio di bonifica arrivano anche le bollette da pagare per il canone irriguo, un servizio mai visto e mai entrato in funzione».
Insomma l'auspicata irrigazione che avrebbe dovrebbe cambiare il volto dell'area non arriva.
Per dirla in breve una copia in piccolo del più grande schema «Basento-Bradano» che ideato circa 40 anni fa, tra mille traversie e denaro speso, può contare fino ad oggi delle dighe di Genzano e Acerenza e delle relative opere adduttrici dal Camastra- Traversa di Trivigno per convogliare le acque del fiume Basento fno ai suddetti invasi.
Al momento mancano le opere di canalizzazione a valle della diga sulla Fiumarella di Genzano, il cosiddetto distretto «G». Ad oggi dopo anni di contenziosi e con le sentenze definitive del Tar e del Consiglio di Stato. l'opera è stata appaltata alla ditta campana D'Agostino Costruzioni per 45 milioni di euro più le spese accessorie. Sarà la volta buona?
Dal Consorzio di bonifica Vulture- Alto Bradano assicurano che entro la fine dell'anno partiranno gli interventi. Si tratta di lavori della durata di due anni e mezzo.
Lavoratori edili ed agricoltori, troppe volte traditi, incrociano le dita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie