Martedì 19 Marzo 2019 | 18:40

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
L'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
Si chiama Alessandro Prudenzano
CyberChallenge.it, nella top 10 dei geni informatici anche un 18enne salentino

CyberChallenge.it, nella top 10 dei geni informatici anche un 18enne salentino

 
Serie B
Lecce, ecco tre partite per l’assalto alla «zona A»

Lecce, ecco tre partite per l’assalto alla «zona A»

 
La polemica
Ex Ilva, associazioni contro il vertice in Procura: «È un errore parlare con chi inquina»

Ex Ilva, associazioni contro vertice in Procura: «È errore parlare con chi inquina»

 
L'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
Il caso
Irregolarità nella gestione, commissariati i Rangers d'Italia Puglia

Irregolarità nella gestione, commissariati i Rangers d'Italia Puglia

 
Dopo il sequeestro
Usura, confiscati beni per 2,2 mln a pregiudicato di Lizzano

Usura, confiscati beni per 2,2 mln a pregiudicato di Lizzano

 
Operazione dei Cc
Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'operazione dei cc
Acquaviva, tenta di rapinare due farmacie con pistola giocattolo: arrestato

Acquaviva, tenta di rapinare due farmacie con pistola giocattolo: arrestato

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

Schema idrico Basento-Bradano

20 anni, miliardi spesi e abbandono
Ecco il progetto dei sogni traditi

20 anni, miliardi spesi e abbandonoEcco il progetto dei sogni traditi

ANTONIO MASSARO

GENZANO DI LUCANIA- Che fine ha fatto il celebrato progetto pilota nell'ambito del più articolato mega schema idrico «Basento-Bradano?».
E' la domanda che si pongono tanti agricoltori della fascia bradanica che intravedevano in questo progetto un promettente avvio del più ampio piano di irrigazione del comprensorio. Piano che nelle intenzioni avrebbe dovuto trasformare le attuali colture estensive in intensive con più raccolti nel corso dell'anno e quindi con innegabili vantaggi a favore della depressa economia locale.
E invece cosa è successo? E' presto detto. Il progetto-pilota in agro di Acerenza e Oppido Lucano all'inizio di 800 ettari, poi portati a 1200, finanziato oltre 20 anni addietro dalla Regione Basilicata con 8 miliardi di vecchie lire, realizzato e perfino collaudato, si trova per usare un eufemismo in stato di quiescenza. Insomma nella formula più giusta abbandono totale per la rabbia degli agricoltori.
Progetto pilota, presentato dall’Ente irrigazione di Puglia e Basilicata, in un convegno a Genzano nel lontano 1998. La struttura: bocchette e contatori per l'irrigazione dei campi, una grande vasca e non per ultima anche l'abitazione per il custode. Il tutto fra le erbacce e degrado, e con tralicci che mostrano segni di decadimento. Un esperimento mai partito, fra le imprecazioni degli agricoltori.
«Una beffa - dicono esasperati - una cattedrale nel deserto. Spreco di denaro pubblico per una struttura che sta lì a marcire».
A rincarare maggiormente la dose è un agricoltore che gestisce la sua azienda in agro di Acerenza in contrada «Macchione». «Siamo alle solite -dice Carlo Baldantoni - sarà colpa della burocrazia, o della politica , fatto sta che da queste parti non decolla nulla. Dirò di più al danno si aggiunge anche la beffa. Dal Consorzio di bonifica arrivano anche le bollette da pagare per il canone irriguo, un servizio mai visto e mai entrato in funzione».
Insomma l'auspicata irrigazione che avrebbe dovrebbe cambiare il volto dell'area non arriva.
Per dirla in breve una copia in piccolo del più grande schema «Basento-Bradano» che ideato circa 40 anni fa, tra mille traversie e denaro speso, può contare fino ad oggi delle dighe di Genzano e Acerenza e delle relative opere adduttrici dal Camastra- Traversa di Trivigno per convogliare le acque del fiume Basento fno ai suddetti invasi.
Al momento mancano le opere di canalizzazione a valle della diga sulla Fiumarella di Genzano, il cosiddetto distretto «G». Ad oggi dopo anni di contenziosi e con le sentenze definitive del Tar e del Consiglio di Stato. l'opera è stata appaltata alla ditta campana D'Agostino Costruzioni per 45 milioni di euro più le spese accessorie. Sarà la volta buona?
Dal Consorzio di bonifica Vulture- Alto Bradano assicurano che entro la fine dell'anno partiranno gli interventi. Si tratta di lavori della durata di due anni e mezzo.
Lavoratori edili ed agricoltori, troppe volte traditi, incrociano le dita.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400