Mercoledì 20 Febbraio 2019 | 09:11

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Foggiano
Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti

Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti

 
La nomina
Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

Apulia film commission, l'architetta Dellomonaco è la nuova presidente

 
Il vicepremier
Migranti, Salvini annuncia chisura del Cara di Borgo Mezzanone

Migranti, vicepremier: chiuderà Cara Borgo Mezzanone a Foggia

 
Il leader della lega in città

Salvini a Bari, in visita alla villa sequestrata alla mafia La diretta

 
A Gallipoli
Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

Nigeriano sventa rapina in supermercato: Emiliano lo premia

 
L'analisi
Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

Lecce scopre nuove «frecce» nella rincorsa verso la A

 
Componente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
Le dichiarazioni
Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

Confindustria, Boccia: «Economia rallenta, dati devono far riflettere»

 
In via Milizia
Scritte su sede Movimente 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

Scritte su sede Movimento 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

 
L'emergenza
Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

Xylella, conclusa l'inchiesta alla Camera: «Si può solo eradicare, non ci sono cure»

 
L'iniziativa
Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

Le strade di Bari si colorano con i murales dei Lego, grazie allo street artist Pao

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariNel Barese
Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

Rutigliano, l'agguato a fuoco per vendicare debito di droga fallì, identificati 5 responsabili

 
FoggiaNel Foggiano
Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti

Borgo Mezzanone: sequestrati immobili abusivi nel ghetto dei migranti

 
LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

Omicidio Semeraro

Ostuni, assolto in primo grado
in appello condannato a ergastolo

Il 47enne è stato arrestato in aula dopo il verdetto. La prova del Dna

Ostuni, assolto in primo gradoin appello condannato a ergastolo

Ribaltata la sentenza assolutoria di primo grado, è stato condannato all’ergastolo e arrestato in aula il 47enne di San Michele Salentino (Brindisi), Nicola Chirico, accusato di aver ucciso il 36enne ostunese Cosimo Semeraro, detto 'Mimmo Capellonè, assassinato a colpi di fucile nelle campagne della Valle d’Itria ai confini di Ostuni, il 9 novembre del 2007.
A fare appello era stato il procuratore della repubblica di Brindisi, Marco Dinapoli, che aveva invocato l’ergastolo già davanti alla Corte d’Assise di Brindisi che però aveva assolto l'imputato con formula dubitativa. L’intero processo si era fondato sulla prova del Dna. Consulente della difesa, sostenuta dagli avvocati Ladislao Massari e Paolo Barone, era stato Adriano Tagliabracci, docente universitario di Medicina legale all’università delle Marche, già consulente in un paio di casi giudiziari celebri, l’omicidio di Meredith Kercher e il delitto di Melania Rea. Parte civile la compagna della vittima.
La difesa aveva sostenuto che le comparazioni del Dna, che avevano portato all’arresto nel 2014 del presunto killer, non fossero al riparo da dubbi su una eventuale contaminazione della scena del delitto e che comunque la presenza del profilo di Chirico sugli indumenti della vittima non desse certezza che fosse uno dei sicari. Chirico fu arrestato nel 2014 e chiamato a rispondere dell’omicidio sulla scorta di una perizia dei Ris fatta nell’ambito di un’altra inchiesta a suo carico, per una violenta rapina compiuta a Brindisi nell’aprile del 2012.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400