Martedì 19 Marzo 2019 | 18:08

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
L'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
Si chiama Alessandro Prudenzano
CyberChallenge.it, nella top 10 dei geni informatici anche un 18enne salentino

CyberChallenge.it, nella top 10 dei geni informatici anche un 18enne salentino

 
Serie B
Lecce, ecco tre partite per l’assalto alla «zona A»

Lecce, ecco tre partite per l’assalto alla «zona A»

 
La polemica
Ex Ilva, associazioni contro il vertice in Procura: «È un errore parlare con chi inquina»

Ex Ilva, associazioni contro vertice in Procura: «È errore parlare con chi inquina»

 
L'iniziativa
Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

Rifiuti, sindaco Modugno acquista app: mapperà la puzza

 
Il caso
Irregolarità nella gestione, commissariati i Rangers d'Italia Puglia

Irregolarità nella gestione, commissariati i Rangers d'Italia Puglia

 
Dopo il sequeestro
Usura, confiscati beni per 2,2 mln a pregiudicato di Lizzano

Usura, confiscati beni per 2,2 mln a pregiudicato di Lizzano

 
Operazione dei Cc
Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

Molfetta, «O mi paghi la droga o ti ammazzo»: in cella spacciatore-estorsore

 
L'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
Dopo due anni
Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

Fasano, morì dopo la dimissione: giudice ordina riesumazione

 

Il Biancorosso

Al San Nicola
Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni

Brienza, festa a sorpresa dei tifosi per i suoi 40 anni: il video

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl caso
Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

Tangenti ex Provincia Bari, licenziato furbetto del cartellino che truffò la Regione

 
TarantoL'operazione
Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

Taranto, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di ricci e "bianchetto"

 
PotenzaSanità in Basilicata
Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

Liste di attesa e mobilità, accordo tra aziende lucane: arriva task force

 
FoggiaDalla Toscana alla Puglia
Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

Frode olio, inchiesta di Grosseto tocca anche Foggia

 
BatIl Puttilli
Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

Barletta, si allontana la riapertura parziale dello Stadio

 
BrindisiL'iniziativa
Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: sarà plastic free

Torchiarolo, tavolata di 60 metri per San Giuseppe: è plastic free

 
MateraDalla Finanza
Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

Matera, sequestrati oltre 120mila prodotti non sicurti in un negozio

 
LecceBattuto Messuti
Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, coordinatore pugliese FdI

Primarie Centrodestra a Lecce, vince Saverio Congedo, di Fratelli d'Italia

 

sexy scandalo lucano

«Era sesso, non film porno»
Prosciolto agente forestale

film porno

di GIOVANNI RIVELLI

POTENZA - Il «porno-forestale» non è più porno ma rischia lo stesso il processo. È stato notificato l’avviso di conclusione delle indagini all’Assistente del Corpo del Corpo Forestale (ora passato nelle fila dei carabinieri) accusato di aver indebitamente utilizzato un congedo retribuito per gravi motivi familiari per recarsi all’estero e non per assistere il padre gravemente malato, ma dalla contestazione è scomparso quel filmetto «hard» che lo aveva inguaiato e la connessa contestazione di aver violato il divieto espresso di svolgere attività lavorativa in occasione di questi congedi.
Una vicenda che nasce nel 2015 ma che viene «alla ribalta» solo negli ultimi mesi e in particolare nello scorso novembre quando l’Assistente venne sospeso dal servizio. Due anni fa, tuttavia, il «forestale» fu beneficiario di un periodo di 268 giorni di congedo straordinario retribuito. Aveva spiegato di avere il padre gravemente malato e di dover assisterlo. Intento meritorio, ma qualche mese fa un suo conoscente lo aveva riconosciuto in un video porno con una nota attrice del settore girato in Florida.

Il «passaparola» via smartphone del filmato era giunto fino ai superiori con il dubbio che quel filmato all’estero fosse stato svolto nel periodo di congedo straordinario. E la conferma si è avuta dalla esibizione del passaporto con le date dei visti che hanno mostrato come, assistendo il padre malato, l’uomo si era recato per una ventina di giorni in Florida e una settimana in Montenegro. Inoltre gli accertamenti curati stesso dal Corpo guidato dal colonnello Angelo Vita hanno consentito di appurare che in altri giorni si sarebbe recato fuori regione, senza effettuare le previste comunicazioni.

Viaggi «innegabili», non così l’attività da pornostar. Perché l’assistente ammise sì di aver avuto un rapporto intimo con due donne in una piscina della località statunitense, ma lo spiegò come un’avventura, dicendo di non sapere che sarebbe stato ripreso, diffuso e commercializzato, di non aver mai firmato né contratti né liberatorie, men che meno ricevuto compensi, e di aver presentato denuncia per violazione della privacy. Una ricostruzione opposta a quella dell’accusa che nello scorso ottobre spiegava che «le circostanze di tempo e di luogo, gli impegni economici sostenuti dall’indagato, il profilo professionale dell’attrice protagonista, la pubblicazione e pubblicizzazione online, fanno evidentemente ritenere che l’attività sia stata regolarmente retribuita».

Una ipotesi che, evidentemente non ha retto di fronte alle obiezioni del tutore dell’ordine e del suo avvocato, lasciando tuttavia sul campo l’ipotesi di truffa, oggetto dell’avviso di conclusione indagini a firma del Pm Antonio Natale. Il «forestale», tuttavia, potrà riprendere servizio visto che il Gip Maria Rosa Verrastro, anche considerato l’avvio del procedimento verso l’udienza preliminare, ha disposto la cessazione della sospensione dal servizio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400